Marsiglia, professore ebreo ferito con un machete: "Per Allah e per l'Isis"

Il grave episodio è avvenuto a Marsiglia. L'aggressore, sedicenne, ha detto di aver agito per l'Isis e per Allah

Un nuovo grave episodio di cronaca getta la Francia nel panico. A Marsiglia, per strada, un minorenne ha attaccato con un machete un professore ebreo che portava la kippah, ferendolo leggermente. Il giovane, che è scappato di corsa lasciando cadere l’arma, è stato fermato poco lontano da alcuni agenti, a cui ha rilasciato dichiarazioni confuse e incoerenti. L’aggressore, che ha sedici anni, agli agenti ha detto di aver agito "per Allah" e "per lo Stato islamico". L'indiscrezione è riportata dai media francesi, che citano la procura.

L'aggressione è avvenuta vicino alla scuola ebraica "La Source" della città francese. La procura ha aperto un'indagine per "tentato omicidio a sfondo razziale" e "sostegno al terrorismo". Il ragazzino è un turco di origine curda, senza precedenti penali. Il professore, 35 anni, è rimasto ferito in modo lieve a una spalla e a una mano.

Il ministro dell'Interno Bernard Cazeneuve sui social media ha condannato l'attacco, esprimendo il proprio "supporto per la vittima di questa aggressione antisemita". Un'inchiesta è stata aperta dalla procura di Marsiglia: a momento il caso non è stato ancora trasferito alla procura antiterrorismo di Parigi.

Annunci

Commenti
Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 11/01/2016 - 21:23

SEMBRA CHE I COMUNISTI PIDDINI ED I MAOISTI GRILLINI SE NE RIDANO DI TUTTO IL CAOS PROVOCATO DALLE LORO ALLEANZE PARALLELE; SONO FIGLI E NIPOTI DI STALIN E POL POT. c'è di che preoccuparsi DI LORO PIUTTOSTO CHE DI ALTRO; in genere i nemici sono proprio quelli di casa propria e nella propria Patria. Shalòm e Forza Italia. P.S. Se la Gente non se ne accorge giunta al fondo della loro vita.