Merkel sferza Bruxelles: "Difenda gli interessi dei cittadini europei”

La cancelliere tedesca ha esortato oggi l'Unione europea a tutelare i propri interessi attuando una politica estera comune in materia di difesa e di sicurezza

Europe first, prima l’Europa. Parola di Angela Merkel.

L’esortazione del cancelliere tedesco è una frecciatina diretta ai vertici di Bruxelles. Nella giornata di oggi, il cancelliere tedesco ha espresso il proprio punto di vista sulle politiche estere intraprese dall’Unione Europea, durante la sua partecipazione al congresso dei giovani del blocco conservatore tedesco, la Junge Union (Ju).

Una Merkel inaspettata e diversa, in salsa populista europea, forse preoccupata del costante calo del suo partito (Cdu) in vista delle prossime elezioni europee di maggio, che sembra aver abbracciato in toto la causa europea di una politica estera comune di fronte agli attori internazionali, sottolineando più volte come la Germania faccia parte e sia “dentro all’Ue”.

“ll mondo sta cambiando rapidamente” ha dichiarato Angela Merkel all’assemblea della Junge Union. “Dobbiamo fare più attenzione ai nostri interessi in modo autonomo”, riferendosi alla politica nazionale portata avanti dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump (America first, prima l’America). Il cancelliere tedesco ha parlato di una politica estera europea comune e di sicurezza per difendere come un “attore globale” forte i propri “interessi”, dato che gli stessi Stati Uniti sono concentrati sui propri. Nonostante ciò, la leader tedesca ha definito “vitale” il legame transatlantico in essere con gli Usa.

La Merkel sogna una politica estera comune che sappia parlare all’unisono “con una sola voce” al di fuori dei confini europei, mentre tuttora esistono troppe “opinioni diverse” nei paesi membri. Questa diversità “non va bene, ci indebolisce”, ha ribadito il capo del governo tedesco, sottolineando l’importanza di “un significato decisivo” verso una politica comune in materia di difesa e sicurezza, “non contro la Nato, ma come complemento”, capace di “garantire i nostri interessi”.

Commenti

cgf

Sab, 06/10/2018 - 22:18

una politica estera comune così da obbligare italia e grecia a prendersi carico di tutti i migranti e loro aprire le porte solo al bisogno

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 06/10/2018 - 23:10

Merkel e Sarcò che ridevamo alle spalle dell'Italia, provocando l'invasione islamica, fomentata da Obama, dimostrano che l'amicizia con l'America non è certamente il valore supremo da cercare, bensì é la cristiana fraternità che accomuna l'Europa con l'America. Quantunque da quando Obama era fuori gioco, nulla osta al riconoscimento ufficiale delle radici giudaico cristiane quale fondamento dell'Europa.

killkoms

Dom, 07/10/2018 - 00:34

gli interessi tedeschi!

idleproc

Dom, 07/10/2018 - 11:54

Abbiamo già preso. No, grazie. Sarà per un'altra volta.