Migranti, l'Ungheria accusa: "Il governo Renzi ci ricattava"

Dopo il passo indietro dell'Austria sul piano europeo per la ricollocazione dei migranti, il governo ungherese accusa l'Italia di continuare a "ricattare" l'Ungheria sulle politiche migratorie

Altro che nuovo slancio unitario. I festeggiamenti per l’anniversario dei sessant’anni dell’Europa unita si sono appena conclusi, ma nel Vecchio Continente sono subito tornate le tensioni. A dividere è ancora il dossier immigrazione. Ieri, a sorpresa, Vienna ha annunciato il ritiro dell’Austria dal piano europeo per la ricollocazione dei migranti. E oggi, il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs, ha puntato il dito contro l’Italia, accusando Roma di ricattare Budapest sulle politiche migratorie.

“Il governo Renzi ci ha ricattati facendo pressione politica su di noi e sul resto dei Paesi dell'Europa centro-orientale per la ricollocazione dei migranti legata all'approvazione dei bilanci Ue”, ha detto, secondo quanto riporta l’Ansa, il portavoce del premier ungherese, Viktor Orbán. “Il governo Renzi ci dava lezioni su come applicare regole e rispetto dei valori Ue”, ha attacato Kovacs, citato dalla stessa agenzia. Il riferimento è ovviamente allo scontro tra Roma e Budapest sulle ricollocazioni dei migranti. Per spingere Orbán ad accettare il piano europeo di “relocation”, infatti, l’Italia ha minacciato più volte di porre il proprio veto sui bilanci comunitari. Un atteggiamento poco costruttivo secondo Budapest, che critica anche il nostro attuale esecutivo. “Le cose non sono cambiate a livello europeo, le pressioni politiche proseguono”, ha aggiunto Kovacs, “ma questa non è la strada giusta''.

Nonostante le pressioni europee, però, sui migranti Budapest è intenzionata a mantenere la linea dura. Nel giorno della visita del commissario europeo per gli Affari Interni, Dimitris Avramopoulos, arrivato oggi nella capitale ungherese per discutere proprio di politica migratoria e gestione delle frontiere europee, entra in vigore nel Paese la legge approvata il 7 marzo scorso dal premier, Viktor Orbán, che prevede la detenzione per tutti i migranti che arrivano in Ungheria. Da oggi, tutti i profughi che tenteranno di attraversare le frontiere magiare saranno detenuti nei container dei centri allestiti nelle “zone di transito” che si trovano al confine con la Serbia e con la Croazia, dove saranno costretti a rimanere per tutto il tempo necessario al governo di Budapest per esaminare la domanda di asilo presentata dai profughi. La nuova legge si applica a tutti coloro che cercano di attraversare illegalmente i confini del Paese, compresi i minori di 14 anni. Per questo, la decisione preoccupa l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Per l’UNHCR, infatti, la legge viola il diritto internazionale sui rifugiati e rischia di impressionare ulteriormente uomini, donne e bambini già traumatizzati.

I migranti non saranno "rinchiusi", ha chiarito però il premier ungherese, commentando l'entrata in vigore della controversa misura decisa da Budapest. I container situati al confine ungherese potranno essere abbandonati dai migranti in qualunque momento perché resterà aperto un varco verso il territorio serbo, ha specificato Orbán, che oggi sarà a Varsavia, dove incontrerà i capi di governo dei quattro Paesi del gruppo Visegrad.

Commenti

venco

Mar, 28/03/2017 - 14:46

Non si accolgono clandestini per poi scaricarli ad altri

nopolcorrect

Mar, 28/03/2017 - 14:48

Urrà per Orbàn!,"compresi i minori di 14 anni" eh si... africani ed asiatici si moltiplicano come conigli e poi pretendono che gli Europei si facciano carico della loro prole in eccesso...comodo, paraculi, vero?

Mizar00

Mar, 28/03/2017 - 14:56

Finalmente un governo degno di tal nome.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 28/03/2017 - 15:28

Niente di strano, in un paese mafioso un governo di mafiosi

DemyM

Mar, 28/03/2017 - 15:49

Tipico sistema piddiota renziano: se non fai come ti ordino ti rovino. Un po come assumere un atteggiamento di ricatto e mafiosita.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Mar, 28/03/2017 - 16:29

Dobbiamo incominciare a non pagare le tasse poiché le stesse servono a all'importazione e nutrimento di quei migranti che un giorno saranno nostri nemici.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 28/03/2017 - 16:29

Se ha deciso di rinunciare ai miliarducci dell'UE faccia pure.

petra

Mar, 28/03/2017 - 16:30

L'Austria si ritira dagli accordi sulle quote, Ungheria non se ne parla. E meno male che il commissario europeo all’immigrazione Dimitri Avramopoulos aveva appena detto a Roma, che verranno sanzionati quelli che non rispetteranno i ricollocamenti. Ma come no. Ne sono convinta.

Ritratto di francoforever

francoforever

Mar, 28/03/2017 - 16:41

Premetto che ogni essere umano ha il sacro diritto di esercitare la propria fede. Ma mi rimane una leggera curiosità perché’ i migranti di fede musulmana anziché venire a vivere in un paese di infedeli cristiani, (Italia/europa) non vengono accolti nei ricchi paesi arabi del medio Oriente? (Vedi: Arabia Saudita, Iran, emirati arabi, Qatar)

Una-mattina-mi-...

Mar, 28/03/2017 - 16:49

DA PAESE DI SANTI, POETI E NAVIGATORI SIAMO PRECIPITATI A ESTORSORI, BANDITI BOIARDI E VITELLONI INVASORI

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 28/03/2017 - 17:03

la ue, per le gentili risorse, ha disposto per i sei anni,meno di 1 miliarducolo da dividere per 27 nazioni...il resto lo si prenderà dalle tasche di... su dai indovinate!

Ramsmeat

Mar, 28/03/2017 - 17:31

Meglio rinunciare ai miliardi e ai puzzolenti islamici che tirarsi in casa dei miserabili ignoranti per 30 denari.

marco.olt

Mar, 28/03/2017 - 17:55

Sistemi ricattatori usati da Renzi! Non mi stupisce affatto visto che è una prassi tra i suoi consimili sinistri. No ricollocazione, espulsione dei clandestini e respingimenti in mare!! E' tutta zavorra con mille pretese e nessuna voglia di lavorare (lavoro che non c'è comunque).

Una-mattina-mi-...

Mar, 28/03/2017 - 17:57

l’UNHCR straparla: gli unici traumatizzati che ho visto sono I POVERI CRISTI che hanno avuto la sventura di incontrarli o di trovarseli a vivere nei pressi. Quanto alle leggi ad hoc farlocche: nate per contesti difformi sono di fatto applicate in modo del tutto arbitrario e forzato

Tuvok

Mar, 28/03/2017 - 17:57

@ Omar El MukhtarMa di quali miliarducci della UE sta parlando? I miliarducci sono nostri, la UE non ha altre entrate che i contributi degli stati membri, si informi prima di scrivere scemenze, la UE non esiste è solo una struttura mangiasoldi a tradimento costituita da burocrati incompetenti incapaci e superpagati.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 28/03/2017 - 18:03

In fondo ha dimostrato che gli euro non sono tutto. Avrà le sue ragioni: massimo rispetto, la condivisione è altro. Il piano di "disgregazione" dei confini all'interno della Ue non funziona, ancorché l'Austria non "riceve" più immigrati. Ergo o il governo italiano si decide sul serio a fermare questo indecente traffico di carne umana e non certo come ha proposto di fare alla Libia (piano che sta finendo in un certo posto), oppure l'invasione continuerà e non si potrà certo incolpare la Ue che, non avendo competenza in queste faccende, pensa solo ad alleggerire le tasche dei cittadini degli stati membri. Non altro.

Ritratto di nordest

nordest

Mar, 28/03/2017 - 18:07

Non si può ascoltare il pirla Renzi ! Lo si può paragonare ad un sacco a perdere.

Cheyenne

Mar, 28/03/2017 - 18:24

renzi un grandissimo disastro

MarcoTor

Mar, 28/03/2017 - 18:37

non stento a credergli

Garganella

Mar, 28/03/2017 - 18:51

Solo in Italia non ci sono politici con le palle !

mila

Mer, 29/03/2017 - 07:45

So che verro' coperta di insulti, ma questa volta difendo un po' Renzi. I migranti non possiamo lasciarli annegare in mare, non possiamo rimandarli nei loro Paesi perche' mancano accordi internazionali (e l'Ungheria e la UE stessa se ne fregano), quindi per non tenerceli tutti noi possiamo solo tentare di mandarne un po' negli altri Paesi europei. O i commentatori che lodano Orban sono pronti a ospitarne un po' nelle loro case? Ricordo anche che gli ungheresi i fondi della UE (che, appunto, sono soldi nostri) se li tengono.