"Migranti nelle gabbie": foto choc dal confine tra Usa e Messico

Alcune immagini choc sui migranti costretti al confine con il Messico sono state diffuse dal Dipartimento di Sicurezza degli States. Dem all'attacco

Alcuni migranti stipati al confine tra Stati Uniti e Messico sono costretti a vivere in condizioni non proprie di un essere umano.

Questo è, in sintesi, il tema che deriva dall'ultima documentazione proveniente da El Paso, Texas, del Dipartimento di sicurezza degli Usa, che ha diffuso anche immagini esplicite delle situazioni sopracitate. Vale la pena rilevare come tra le persone interessate da queste vicende siano presenti anche donne e bambini.

Non è questa la prima volta in cui si parla di "gabbie", ma già attraverso questo articolo pubblicato su IlGiornale era emerso come quelle strutture, che sono destinate ai migranti, fossero già state utilizzate ai tempi dell'amministrazione guidata da Barack Obama. Per quanto buona parte della narrativa, specie quella progressista, sostenga che lo status delle cose sia molto peggiorato nel corso degli ultimi anni. La reazione dei cittadini statunitensi, ma non solo di questi, alle immagini, comunque la si veda, non può che essere di sdegno. E i Democratici, che sono impegnati nella campagna elettorale delle primarie, hanno subito preso la palla al balzo per attaccare la "linea del rigore" di Donald Trump sulla gestione dei fenomeni migratori. Tra gli esponenti più attivi su questo fronte, possono essere citate Nancy Pelosi e Alexandria Ocasio Cortez, che tuttavia non fanno parte di coloro che potrebbero sfidare il leader repubblicano nel novembre del 2020.

The Donald vorrebbe mettere la parola fine a tutto questo, costruendo l'ormai noto muro al confine, ma le elezioni presidenziali si avvicinano senza che l'opera sia stata completata. Le fotografie, stando a quanto riportato pure su Il Corriere della Sera, sono state scattate meno di un mese fa. Nel medesimo dossier, peraltro, si legge di condizioni di salute precarie, dell'assenza di igiene e di altri elementi che non possono passare inosservati agli occhi dell'opinione pubblica.

Commenti

onurb

Mer, 03/07/2019 - 15:07

Ma se queste sono le condizioni che attendono questi migranti, e le conoscono, che se ne stiano a casa loro.

carlottacharlie

Mer, 03/07/2019 - 16:02

Tutti s'indignano e tutti non sanno rispondere come fare a fermare gli esodi immani nel mondo. A far due conti sono la bellezza di 4-5mliardi quelli che potrebbero pretendere di essere accolti. Quando i tanti dementi che urlano prendiamoci il mondo, vedranno sparire ogni fonte di sostentamento, ogni welfare come sanità aiuti economici case perchè ci saranno centinaia di milioni, da noi neri, a premere ai confini scommetto che urleranno ancor di più e diventeranno loro stessi terzo o quarto mondo e dovranno mangiar pattume.

carlottacharlie

Mer, 03/07/2019 - 16:06

Tra le altre cose per cui si dovrebbe fare qualcosa è bloccare l'aumento demografico di certi paesi al collasso che prestissimo collasseranno tutto il globo terracqueo. Siamo troppi troppi troppi su questa terra e arriveremo presto aglio otto miliardi e mezzo, la volata ai 10 è dietro l'angolo.

dje2671

Mer, 03/07/2019 - 16:50

Nessuno gli ha detto di venire qui in America!! E poi, io non voglio che le tasse che pago vadano per alimentare questi invasori criminali!

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Mer, 03/07/2019 - 18:19

Ma infatti, come già molti di voi commentano, chi li costringe ad andare li? Stessero dove stavano, altrimenti, questa è la procedura.

ESILIATO

Mer, 03/07/2019 - 18:25

Obama fu il presidente che costrui le "gabbie"

jav2

Mer, 03/07/2019 - 18:34

imparino da noi li devono mettere negli hotel, dargli da mangiare(quello che chiedono) e assicurargli l'impunità per qualsiasi reato che commettano

steacanessa

Mer, 03/07/2019 - 18:43

Mi sembra una recinzione a larghe maglie, non una gabbia. Invece di processare i regimi alla noriega che affamano i loro popoli i parassiti dem criticano il grande The Donald.

nopolcorrect

Mer, 03/07/2019 - 19:11

Sono stati i migranti a porsi in questa situazione per loro incresciosa. Per entrare negli Stati Uniti avrebbero dovuto avere un regolare visto e passaporto.

ziobeppe1951

Mer, 03/07/2019 - 19:18

No visto no party

pushlooop

Mer, 03/07/2019 - 19:32

Basterebbe chiamarli col vero nome: clandestini

ValdoValdese

Mer, 03/07/2019 - 20:02

Quelle sbarre che fate vedere nella foto non sono 'gabbie', sono la divisione confinaria sulla spiaggia tra Messico e USA che ci hanno fatto vedere in TV fino alla nausea... non vi mettete a fare i meschinetti pure voi de 'Il Giornale' adesso...

Georgelss

Gio, 04/07/2019 - 02:01

Confezioni disumane? Sono quelle in cui ci stanno riducendo questi invasori barbari con l'aiuto dei dementi criminali comunisti