Monaco, il dramma del padre di Ali: "Il killer nel video è mio figlio"

Il padre di Ali Sonboly ha riconosciuto il figlio nel video della sparatoria durante l'assalto di Monaco

"Quello è mio figlio". È la drammatica confessione fatta dal padre di Ali Sonboly, il 18enne tedesco-iraniano che venerdì scorso ha sparato all'impazzata davanti a un McDonald's di Monaco uccidendo 9 persone e ferendone 27 prima di suicidarsi.

L'uomo ha infatti riconosciuto il figlio in uno dei video circolati su internet negli attimi successivi alla strage. E in particolare in quello più drammatico (guarda): quello che mostra il giovane davanti al fast food del centro commerziale Oez, nel quartiere Olympia. Pistola alla mano, il killer spara a chiunque gli capiti a tiro.

A raccontare il dettaglio è stato l'investigatore bavarese Robert Heimberger, secondo cui prima ancora che la polizia perquisisse casa sua l'uomo si era già presentato in un commssariato per capire cosa fare. Gli inquirenti hanno inoltre confermato la veridicità dell'altro video simbolo della strage, quello che mostra un surreale dialogo tra il killer e un cittadino in cui il 18enne raccontava di essere vittima di bullismo. A differenza di quanto rivelato inizialmente, però, pare che questo filmato sia stato girato dopo l'attacco e pochi istanti prima che il giovane si sparasse un colpo alla tempia.

Commenti

linoalo1

Lun, 25/07/2016 - 07:47

Dramma del Padre??Io lo metterei in Galera con la moglie,se ce l'ha!!!Infatti,chi ha il dovere di educare i figli???Vuoi che un Padre no sappia di avere un figlio strano??