È morto Guenter Schaboswki, responsabile della caduta del muro di Berlino

Insieme ad altre personalità di spicco del regime di RDT era stato accusato degli omicidi dei rifugiati e neell'agosto del 1997 era stato condannato insieme a Egon Krenz e Günther Kleiber

Guenter Schaboswki, il funzionario della Repubblica Democratica Tedesca che senza volerlo diede il via all'abbattimento del muro di Berlino nel 1989, è morto all'età di 86 anni.

Il 9 novembre 1989, in seguito ad un malinteso, Schabowski annunciò in una trasmissione in diretta, nel corso di una conferenza stampa e rispondendo alla domanda rivolta dal giornalista italiano Riccardo Ehrman (all'epoca inviato dell'ANSA), che tutte le norme per i viaggi all'estero erano state revocate con effetto immediato ("ab sofort").

In realtà il piano era, date le precedenti migrazioni di massa dei tedeschi orientali che si spostavano nella Germania Ovest attraverso l'Ungheria e la Cecoslovacchia, di far entrare in vigore le nuove regole solo il giorno successivo.

Subito dopo l'annuncio ambiguo, nacque l'equivoco: decine di migliaia di persone si riversarono immediatamente nei pressi del muro di Berlino dove le guardie di frontiera furono costrette ad aprire i punti di accesso e consentire loro l'abbattimento del muro.

Durante i seguenti regolamenti di conti interni alla "vecchia guardia", Schabowski fu rapidamente espulso dal Partito di Unità Socialista di Germania.

Commenti

ziobeppe1951

Dom, 01/11/2015 - 16:06

Con tutte le maledizioni che ti ho mandato...

Ritratto di giangol

giangol

Dom, 01/11/2015 - 19:50

brucia all'inferno

DIAPASON

Dom, 01/11/2015 - 20:01

Da quel giorno son partiti parecchi guai.

Ritratto di luigin54

luigin54

Lun, 02/11/2015 - 06:23

finalmente e' morto il piu' grande CxxxxxxE mai esistito sulla faccia della terra. da quando e' caduto il muro di BERLINO sono cominciati i guai x il mondo intero.

roberto.morici

Lun, 02/11/2015 - 08:39

Il crollo del Muro fu l'evento epocale che consentì al nostro sempre Caro Presidente Napolitano di accorgersi subito, dopo 33 anni, che l'impresa dell'Armata Rossa a Budapest non era stata tanto gloriosa.