È morto il killer di Cleveland: "Suicidio dopo l'inseguimento"

Si è sparato e si è ucciso Steve Stephens, il 37enne ricercato in cinque Stati americani dopo la pubblicazione del video-chock dell’omicidio di un passante a Cleveland

Si è sparato e si è ucciso Steve Stephens, il 37enne ricercato in cinque Stati americani dopo la pubblicazione del video-chock dell’omicidio di un passante a Cleveland. Lo riferisce in un tweet la polizia della Pennsylvania, spiegando che l’uomo era stato avvistato dagli agenti nella contea di Erie e si è ucciso dopo un breve inseguimento.

L'uomo era in fuga da circa 24 ore dopo aver ucciso un 74enne e aver postato il video dell'omicidio su Facebook. Sull'uomo era stata fissata una ricompensa pari fino a 50 mila dollari. La vittima del killer di Cleveland è Robert Goodwin, finito casualmente nella furia omicida del 37enne. Probabilmente era in preda a un raptus. Stephens aveva sostenuto di aver commesso altri omicidi. Dopo la pubblicazione del video su Facebook, la clip è stata rimossa. Sulla tardiva rimozione del video è intervenuto il vicepresidente del social network, Justin Osofsky ha ribadito l’impegno per garantire che Facebook sia uno spazio di condivisione "sicuro". Domenica mattina, Steve Stephens prima ha postato un video in cui annunciava la sua intenzione di commettere un delitto, poi due minuti più tardi ha pubblicato un altro video di se stesso che sparava e uccideva l’anziano; 11 minuti più tardi, lui stesso è comparso in una diretta Fb in cui ha confessato l’omicidio.

"È stato un crimine orribile, che non ha posto su Facebook e va contro le mostre politiche e tutto ciò che rappresentiamo", ha sottolineato Osofsky, nella "newsroom" della community. Poi ha assicurato: "Come risultato di questa terribile successione di eventi, stiamo rivedendo il meccanismo di ’report’ in modo che le persone possano segnalarci video e materiale che viola i nostri standard il più facilmente e rapidamente possibile. In questo caso, non abbiamo ricevuto alcuna segnalazione sul primo video. La segnalazione del secondo, quello con gli spari, è arrivata più di un’ora e 45 minuti dopo che era stato postato. Sul terzo video, quello in diretta con la confessione, la segnalazione è arrivata solo quando il video era terminato".

Commenti

titina

Mar, 18/04/2017 - 19:12

Finalmente ha fatto una cosa saggia

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 18/04/2017 - 20:47

Ha fatto la cosa giusta.