Mosca vuole appurare se Usa sono davvero sbarcati sulla Luna

La stampa americana ha subito etichettato la missione spaziale ventilata dalle autorità russe come “assolutamente irrealizzabile nel breve termine”

I vertici di Roscosmos, l’agenzia spaziale di Mosca, hanno in questi giorni annunciato l’“imminente” messa a punto di una missione russa diretta a verificare se gli Usa hanno “realmente messo piede sulla Luna”. Tale informazione è stata fornita ai media del gigante slavo direttamente da Dmitry Rogozin, direttore generale dell’ente statale, il quale ha poi aggiunto che un ulteriore obiettivo di tale missione consiste nell’installazione, sul suolo del satellite, di una “base scientifica federale”.

Rogozin, durante un incontro ufficiale con Igor Dodon, presidente della Moldavia, ha giustificato l’avvio dell’operazione spaziale evidenziando il fatto che gli Americani avrebbero "fatto sparire ogni prova" degli allunaggi finora celebrati dalla Nasa. Ad avviso del direttore generale, i frammenti di suolo lunare presentati in passato dalle autorità Usa come “dimostrazione dei successi” riportati dalle missioni Apollo condotte dal 1969 al 1972 sarebbero, da qualche anno, “scomparsi senza lasciare traccia”. “Ci siamo impegnati ad appurare”, ha affermato Rogozin, “se gli Stati Uniti sono realmente arrivati lassù. Tutte le prove degli allunaggi ormai non si trovano più. La Nasa ha smesso di esibirli da un bel po’. Tale sparizione è estremamente sospetta. Dobbiamo assolutamente verificare cosa è realmente successo in passato sul nostro satellite.” Anche il Russian Investigative Committee, l’“equivalente” russo dell’Fbi, ha messo in dubbio l’esito positivo del programma Apollo. Tramite un comunicato rilasciato all’indomani delle dichiarazioni di Rogozin, l’agenzia investigativa ha infatti ribadito la necessità di “andare oltre la propaganda montata finora dagli Usa riguardo agli allunaggi” e ha quindi esortato i cosmonauti di Mosca a fare “piena luce” sui risultati effettivamente conseguiti in passato dai programmi spaziali Nasa.

I media americani hanno reagito all’annuncio fatto recentemente dal direttore generale di Roscosmos definendolo una “mera provocazione”. Secondo gli organi di informazione statunitensi, la Russia, per il momento, non avrebbe risorse sufficienti a finanziare nel breve termine una missione investigativa diretta alla Luna. Ad avviso di questi ultimi, l’avvio di un piano del genere potrebbe avere luogo, nel migliore dei casi, “nel 2031”. Per la stampa Usa, di conseguenza, i programmi spaziali ventilati da Rogozin non avranno, per molti anni, “alcun risvolto pratico”.

Commenti

sizmis

Lun, 26/11/2018 - 09:58

Che si stia realmente muovendo qualcosa...ho i miei dubbi.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Lun, 26/11/2018 - 10:24

Ha smesso di esibirli: vuol dire che in passato li ha esibiti. Come è possibile che un tale evento di formidabile impatto mediatico e politico, non sia stato monitorato dall'URSS al suo verificarsi?. Come è possibile che nessuno dei presunti complici di simile complotto, migliaia certamente, abbia mai parlato?. Mi sa che la Russia lanci un sasso per screditare l'avversario globale, conscia che una verifica delle sue asserzione è possibile in un solo modo: scendere dove sono scesi gli americani. La tutto è intatto, cristallizzato nel tempo. Chi mai ci andrà e perché? Forse tra 50/100 anni, quando nessuno si ricorderà di simili minchiate.

Claudio2

Lun, 26/11/2018 - 10:28

ma si, sarebbe ora che si scoprisse se Cristoforo Colombo ha VERAMENTE scoperto l'America, se VERAMENTE c'e` stato l'Olocausto durante la seconda guerra mondiale, ma soprattutto se VERAMENTE tutti questi idioti hanno un cervello...

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 26/11/2018 - 11:36

ai comunisti brucia ancora tanto tanto tanto! quello che non ho capito è se i comunisti russi sono stati influenzati dai comunisti italiani che da sempre dicono questo. i comunisti per "sparare" gagarin dovettero affamare il popolo russo mentre gli americani, mandarono l'uomo sulla luna e tutti gli americani mangiavano a volontà, avevano le auto di 6.000 di cilindrata, andavano ben vestiti, lavati e pettinati e con le tasche zeppe di dollari.

Divoll

Lun, 26/11/2018 - 18:32

Secondo me, il sospetto che l'allunaggio sia stato solo un film made in Hollywood e' piu' che giustificato. All'epoca, gli americani avevano bisogno di far vedere al mondo che potevano superare i successi spaziali dell'Urss.

Divoll

Lun, 26/11/2018 - 18:34

@ giovinap - E pensa quanto brucerebbe agli americani se dovesse venir fuori che hanno mentito e che non sono mai stati sulla Luna...