Tra moschea e immigrati: la sfida di Sesto san Giovanni

L'Italia nel mirino del jihad: un incontro per comprendere meglio i rischi che corre il nostro Paese

I rischi per l’Italia dopo due anni di attentati terroristici di matrice islamista, la crisi dell’immigrazione e le risposte dell’Ue. Saranno questi i temi al centro dell’incontro "Terrorismo e fenomeno migratorio: l’Europa non può chiudere gli occhi", che si terrà domenica 21 maggio alle 21 presso Spazio contemporaneo, via Dante n.6 a Sesto San Giovanni.

Interverranno Andrea Indini, caporedattore de ilGiornale.it e autore di «Sangue Occidentale», Massimiliano Salini, europarlamentare di Forza Italia-PPE, Mario Mauro, senatore di Forza Italia, Roberto Di Stefano, candidato sindaco del centrodestra a Sesto San Giovanni. L’incontro sarà moderato da Marco Cozza, avvocato e candidato di Forza Italia al consiglio comunale Sesto San Giovanni.

"La crisi profonda in cui si trova l’Europa - denuncia l’europarlamentare Salini - è testimoniata dalle emergenze terrorismo e migranti. In entrambi i casi Bruxelles ha colpe precise, che rischiano di condurre alla deriva. Cedendo al politicamente corretto, per troppi anni l’UE ha chiuso gli occhi di fronte alla minaccia islamista, insistendo su un’integrazione impossibile e favorendo un’immigrazione fuori controllo. Le reazioni sguaiate di esponenti del centrosinistra alla richiesta del procuratore di Catania di chiarire i legami tra Ong e scafisti - aggiunge l’eurodeputato - sono la cifra di questa ipocrisia di fondo, che ha radici culturali prima ancora che politiche: il tradimento delle nostre radici cristiane e liberali, l’incapacità di comprendere la realtà e cogliere la gravità dei cambiamenti epocali in atto, una miopia che purtroppo incide sulla sicurezza dei cittadini, costretti a subire le conseguenze imprevedibili di scelte sbagliate".

L’evento è promosso dall'Associazione Civitas in collaborazione Forza Italia e il gruppo del Partito Popolare Europeo, e metterà a fuoco la complessa situazione politica internazionale, con particolare attenzione alla gestione del fenomeno migratorio e alla situazione del terrorismo in Europa.