La mossa di Trump contro le fake news: un progetto per informare gli americani con la "verità"

Piccoli video che spiegano tutto quello che sta facendo la Casa Bianca. Ecco il progetto "Real News", fortemente voluto da Trump contro le "bugie" dei media a lui ostili

Donald Trump ha deciso di intraprendere una battaglia frontale contro le "fake news" che, a suo dire, danneggiano la sua amministrazione, raccontando un'America diversa, dove tutto va male e i risultati promessi dal governo non arrivano. Nel mirino, ovviamente, ci sono i grandi organi di informazione, tipo il New York Times e il Washington Post, o la Cnn. La mossa studiata da Trump prevede il lancio di "Real News" (notizie vere), da contrapporre, appunto, alle "menzogne" propinate dai media.

Presto dunque arriveranno i notiziari "made in Trump". Ma come saranno realizzati? Dovrebbero essere dei brevi filmati in cui una voce spiega ciò che sta facendo l'amministrazione su ogni specifico problema. Qualcuno parla già di propaganda, ma in fondo ogni amministrazione ha iol diritto-dovere di informare i cittadini di ciò che sta facendo.

Il Financial Times scrive che un ruolo importante in questo progetto sarà affidato a Lara Trump, ex giornalista tv e moglie di Eric, 33 anni, terzogenito del presidente. Nel primo filmato, quello di presentazione Lara Trump ha spiegato il programma, snocciolando alcune buoni risultati: l'economia americana migliora, il governo sta lavorando bene a favore dei veterani di guerra e sul tema immigrazione.

Poi arriva l'affondo nei confronti dei media tradizionali: "Credo che non abbiate ancora conosciuto i traguardi raggiunti questa settimana dal presidente perché là fuori ci sono troppe fake news". La nuova battaglia di Trump, dunque, riparte dall'informazione: con l'operazione verità (o per qualcuno propaganda).

Commenti
Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Mer, 09/08/2017 - 10:30

....ha le palle dure...SPERIAMO che se la cavi...

leopard73

Mer, 09/08/2017 - 11:23

GRANDE TRUMP....

alox

Mer, 09/08/2017 - 12:19

I notiziari "made in Trump" di Lara Trump...sappiamo gia' quello che dira': "Trump ha ragione, non sbaglia MAI ed il resto sono palle"! Personaggio sempre piu' contraddittorio ed anti-USA...

soltantolaverita'

Mer, 09/08/2017 - 13:12

Vi preoccupate dell'America mentre in Italia lasciate entrare la feccia del mondo solo perche',cosi' facendo, i terroristi vi lasciano in pace. Ma che cosa e' successo all'Italia e agli italiani? tutta la verita'

Aleramo

Mer, 09/08/2017 - 13:20

La neutralità della stampa è una favola come Babbo Natale e la Befana. La stampa non è neutrale, le notizie sono sempre taciute o distorte a seconda degli interessi da servire. Trump fa bene a combattere questa distorsione della democrazia.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 09/08/2017 - 13:49

Il vero pericolo oggi, in tempi di diffusione e di strapotere della comunicazione globale, non è il presidente di turno, ma i media che controllano e alterano l’informazione a loro piacimento e la strumentalizzano a favore dei centri di potere più o meno noti o nascosti. L’attacco a Trump da parte della stragrande maggioranza dei media, è lo stesso atteggiamento adottato per vent’anni da parte dei media di casa nostra nei confronti di Berlusconi. Attacco ancora più spregevole in quanto attuato ipocritamente da quella larga parte della stampa che, non solo di fatto controllava l’informazione, ma accusava Berlusconi di essere una minaccia alla libertà di stampa. Bastò che Berlusconi minacciasse di denunciare L’Unità per alcuni articoli offensivi per scatenare la rivolta della Federazione della stampa, con grande manifestazione di protesta in Piazza del popolo ed un Franco Siddi, allora segretario della Fnsi, che urlava contro il pericolo del bavaglio alla stampa.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 09/08/2017 - 13:50

La verità, nonostante si cerchi da sempre di nasconderla, è che la sinistra ha il controllo quasi totale dei media e di settori cruciali della società. Esempio; che la RAI sia controllata dalla sinistra è risaputo. Ma non dovrebbe esserlo Mediaset. Almeno ci si aspetterebbe un’informazione diversa da quella di RAI3. Ora, il tema caldo del momento è quello dell’emergenza migranti. Trovate differenze fra un TG3 e TG5 in merito all’immigrazione? No, sono intercambiabili; stesso linguaggio, stesse musichette lamentose, stesso atteggiamento pietoso verso “donne e bambini che scappano dalla guerra e dalla fame” e delle ong che “salvano vite umane nel Canale di Sicilia” (falsità che perpetuano da anni, a reti unificate; non salvano vite umane, ma imbarcano clandestini, e non nel Canale di Sicilia, ma in acque libiche, cosa che continuo a ripetere da 10 anni). Questa espressione l’ho sentita anche ieri in un TG5.

Garombo

Mer, 09/08/2017 - 13:50

Lui è un fake president.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 09/08/2017 - 13:52

Volete una conferma? Fate il nome di un giornalista o conduttore televisivo (anche solo uno di qualunque rete Tv e di qualunque programma di informazione o intrattenimento del mattino, pomeriggio, sera; compresa Mediaset) che sia dichiaratamente contro l’immigrazione, contro le teorie gender, contro i diritti gay, contro l’islamizzazione dell’Europa, contro l’accoglienza e l’integrazione, contro le missioni umanitarie nel Mediterraneo, contro la società multietnica, contro i pistolotti buonisti quotidiani di Boldrini, di Kyenge, della Bonino, delle anime belle della CEI, contro le ingerenze del Vaticano e contro Bergoglio. Non dico che magari lo pensi in cuor suo, o che saltuariamente rilasci qualche dichiarazione non in linea con il pensiero unico; dico che lo esprima chiaramente in TV davanti alle telecamere. Siccome la ricerca sarà lunga (e temo anche infruttuosa), pensateci con calma, non c’è fretta.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 09/08/2017 - 13:58

@alox: caro sapientone komunista, proponiti tu come portavoce della Casa Bianca, visto che sai tutto, anzi, predici anche il futuro.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 09/08/2017 - 13:58

Diceva Giorgio Gaber nella sua “Io se fossi Dio”: “Io se fossi Dio/ maledirei davvero i giornalisti e specialmente tutti/ che certamente non son brave persone/e dove cogli cogli sempre bene.” .

Tuthankamon

Mer, 09/08/2017 - 14:18

Preso atto che gran parte dèi media sono schierati a sinistra, non aveva molta scelta.