Mosul, le lacrime della bimba salvata dall'Isis dai soldati iracheni

A Mosul i soldati iracheni salvano la vita a una bambina, orfana di padre e che era fortemente denutrita

I terroristi le hanno ucciso il padre e lei è rimasta con la madre nel suo villaggio per tre giorni senza cibo né acqua. È successo ad Aysha, una bambina di 10 anni salvata dai militari iracheni che hanno espugnato il suo villaggio Kafer Takhareem a pochi chilometri da Mosul, che dal 2014 è sotto il controllo dell'Isis.

"Ho pensato che non sareste mai venuti. Grazie, grazie", dice piangendo Aysha ai soldati iracheno che l'abbracciano e la tranquillizzano dopo averla sfamata. "Vorrei baciarvi i piedi", dice ad un certo punto Aysha. A quel punto un soldato la prende in braccio e lei lo stringe in lacrime. I due, poco dopo, si allontana dalla telecamera che li inquadra nel frattempo, si legge sul sito di Tgcom24 che riporta la notizia, altri combattenti e alcune donne col velo distribuiscono acqua e viveri ai bambini del villaggio.

Commenti

cgf

Dom, 23/10/2016 - 12:59

poi si scoprì che questa foto risale a mesi fa.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 23/10/2016 - 14:48

Ma i cristiani che soggiornano all'ombra delle sedi ONU e delle sedi finanziarie della Grande Mela dove sono stati dal 2011 fino ad oggi?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 23/10/2016 - 17:29

E pensare che i nostri cattocomunisti difendono queste bestie dell' Isis, hanno sempre una giustificazione per loro, guai a parlare male, anzi attaccano noi dicendo le solite inutile parole: razzisti, xenofobi, ecc. ecc. Ormai ci escono diritte dall'altro orecchio. Altro non sanno dire. Condannarli, mai.

Ritratto di liusstrale

liusstrale

Dom, 23/10/2016 - 17:51

@ bono....Leggendo il vangelo emerge il prototipo del cristiano.Capisco che la porta è stretta ma qui sembra che non ci sta entrando quasi nessuno.Se il cristianesimo dà la possibilità all'uomo di rinascere ho l'impressione che la maggior parte delle persone è nato una volta sola e a loro sta bene così.Il problema è che i sedicenti cristiani si trovano dappertutto illudendosi che basta avere l'etichetta.Sono talmente ipocriti che minimizzano quello che risulta scomodo nel vangelo e si illudono quando credono che la misericordia di Dio salva tutti dimenticando che Dio oltre ad essere misericordioso è giusto e beatifica gli operatori di giustizia.