MTV Awards, Emma Watson vince il primo premio "gender-neutrale" alla recitazione

Emma Watson vince il primo premio alla recitazione che non separa gli attori in base al sesso agli MTV TV & Movie Awards di Los Angeles: "È una rivoluzione"

Emma Watson ha vinto il primo premio gender neutrale per la miglior performance dell'anno agli MTV TV & Movie Awards, grazie alla sua interpretazione di Belle nel remake live-action del noto cartone animato della Disney.

"Il primo premio alla recitazione nella storia che non separa i candidati in base al loro sesso dice qualcosa su come percepiamo l'esperienza umana", ha commentato l'attrice e attivista per i diritti delle donne. Da quest'anno, infatti, per la prima volta, l'evento di Los Angeles non ha diviso i candidati in base al genere. Non verrano più premiati quindi il "Miglior attore" e la "Miglior attrice", ma ci sarà un riconoscimento unico per quella che verrà giudicata la miglior performance dell'anno.

A vincerlo per la prima volta è stata proprio la Watson, che ha vestito i panni della protagonista di "La Bella e la Bestia", il remake fatto con attori in carne ed ossa del capolavoro d'animazione premiato agli Oscare e firmato Disney nel 1991.

Già ambasciatrice di Un Women, l'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa della parità di genere, l'attrice ha tenuto un discorso sull'importanza storica del premio e su ciò che il personaggio di Belle ha significato per gli spettatori. “Recitare per me vuol dire mettersi nei panni di qualcun altro e questo non ha bisogno di essere diviso in categorie”, ha detto la giovane star britannica.

"Gli abitanti del villaggio nella favola volevano far credere a Belle che il mondo fosse più piccolo di come lo vedeva lei, con meno opportunità per lei, che la sua curiosità e passione per la conoscenza e il suo desiderio di aver di più dalla vita fossero le basi dell'isolamento. Ho amato interpretare qualcuno che non ha dato ascolto a nulla di tutto ciò", ha concluso Watson.

L'MTV TV & Movie Awards non è tuttavia il primo evento a introdurre categorie di genere neutrale: nel 2011 i Grammy Awards hanno eliminato i premi distinti per gli uomini e per le donne e optato per categorie miste in cui attori e attrici competono tra di loro.

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 08/05/2017 - 19:16

avremo anche la neutralità fra intelligenza e stupidità?