Al museo delle cere selfie davanti alla statua di Hitler

Bufera sul museo indonesiano, costretto a toglierla dopo le polemiche

Alle spalle un fotografia del cancello d'ingresso del campo di concentramento di Auschwitz, con la tragicamente nota scritta "Arbeit macht frei". E davanti una statua di Adolf Hitler a dimensione naturale, ad accogliere i visitatori, ben felice di scattarsi un selfie con lui al museo delle cere di Yogyakarta, sull'isola di Giava.

Dall'Indonesia si è levata una forte polemica, dopo che le fotografie sono finite sui social media. Tanto forti che a muoversi è stato anche il Centro Simon Wiesenthal e che il direttore del museo, Jamie Misbah, deve avere realizzato di avere sbagliato qualcosa. E ha fatto rimuovere la statua.

"Non vogliamo suscitare sdegno – ha chiarito alla France presseil nostro intento nell’esporre la statua di Hitler nel museo è educare". Un punto di vista non condiviso da molti e che ha portato per un giorno il museo indonesiano, che contiene ottanta statue, al centro delle cronache.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 13/11/2017 - 13:33

La statua di Hitler è la dimostrazione che la prima vittima della cattiveria è proprio il cattivo, perché aggredisce se stesso. La Storia insegna che davanti alla vulnerabile Mosca, Hitler per fare vedere ai suoi generali che comandava, lui divideva le forze armate in tre... e perdeva la guerra.

Ritratto di bassfox

bassfox

Lun, 13/11/2017 - 16:07

si si gianfrà.. è l'ora delle pillole..

Vostradamus

Lun, 13/11/2017 - 19:59

Parte del mondo è ormai preda di isteria collettiva. La qual cosa è preoccupante, e dimostra come la sedicente "elite" è ormai in stato di putrefazione, e non ha più nulla da dire, né da insegnare. A cominciare dal papoglio. Un "selfie", che significa un "selfie", per la sedicente "elite"?