Nessuna portaerei occidentale nel Mediterraneo e nel Medio Oriente

La Ike ritorna negli Usa, nel Mediterraneo soltanto la Admiral Kuznetsov. Nessuna portaerei occidentale nel Medio Oriente. La Coalizione perde oltre cento piattaforme aeree contro l'Isis

Il Gruppo da Battaglia della portaerei Dwight D. Eisenhower CVN 69 ha ufficialmente abbandonato il teatro operativo europeo e, domani, farà rotta verso l’Atlantico con destinazione il porto di Norfolk: non è previsto alcun avvicendamento almeno fino alla fine del prossime mese di gennaio. Nell’area Medio orientale e nel Mediterraneo, non è presenta alcuna portaerei occidentale. Resta in attività soltanto la portaerei russa Admiral Kuznetsov. La Eisenhower ha ufficialmente sospeso le operazioni di volo in Siria ed Iraq lo scorso 26 dicembre, dopo un rischieramento di quasi sette mesi, con il suo Gruppo da Battaglia formato dall’incrociatore lanciamissili classe Ticonderoga USS San Jacinto (CG 56) e dalle cacciatorpediniere missilistiche classe Arleigh A. Burke USS Mason (DDG 87) e USS Nitze (DDG 94). La seconda unità della classe Nimitz, entrata in servizio nel 1977, ha lanciato i primi raid a sostegno della Coalizione contro l’Isis dal Mar Mediterraneo orientale, lo scorso 28 giugno. La Eisenhower ha poi proseguito le sue operazioni di volo dal Golfo Persico, dal 28 luglio al 25 novembre, prima di concludere la sua rotazione dal Mar Mediterraneo orientale, con raid eseguiti dal sei al dodici dicembre. Il Gruppo da Battaglia della Eisenhower ha eseguito 1.900 sortite di combattimento mentre il Carrier Air Wing 3 ha accumulato 12.315 ore di volo.

Secondo quanto previsto dal piano di turnazione della US Navy, la Eisenhower dovrebbe essere rilevata dalla portaerei George H. Bush (CVN-77), attualmente in addestramento. L’ultima unità della classe Nimitz non lascerà Norfolk prima dell’insediamento del presidente eletto Trump. Nella più ottimistica delle ipotesi, la Bush raggiungerà l’area operativa entro la seconda decade di febbraio. L’ultima fase di pre-distribuzione nella Carolina del Nord è iniziata lo scorso 21 dicembre e durerà un mese.

La portaerei George H. Bush è entrata in cantiere nel giugno dello scorso anno per interventi di manutenzione inizialmente stimati in sei mesi. La non accurata pianificazione degli interventi, la carenza di personale qualificato a causa di precedenti licenziamenti ed i tagli al bilancio, hanno protratto gli interventi di manutenzione a tredici mesi. La Bush ha lasciato i canteri della Norfolk Naval Shipyard, in Virginia, il 23 luglio scorso. Ciò ha influito drasticamente sui tempi di formazione e pre-distribuzione. Nonostante i ritardi accumulati, l’US Fleet Forces Command non ha previsto alcun piano di formazione breve perché non ha mai considerato tale possibilità. Il Naval Sea Systems Command ha riconosciuto i ritardi nei quattro principali cantieri navali responsabili della revisione dei vettori, ma non ha ancora predisposto una ottimizzazione delle risorse. La filosofia della Marina Usa, in tempo di pace, prevede la permanenza di tre vettori in altrettante regioni strategicamente vitali come il Pacifico occidentale ed il Medio Oriente. Quando non richiesto da una situazione di crisi, gli Stati Uniti hanno in mare soltanto una piccola parte della flotta. Secondo i dati ufficiali della US Navy, aggiornati al sedici dicembre scorso, gli Stati Uniti hanno schierato 35 unità (pari al 13% della flotta) e 40 (15%) in addestramento su un totale di 273 vettori schierabili.

Spetterà all’Air Force ammortizzare l’uscita di scena della componente aerea imbarcata della Eisenhower, con il rischieramento di ulteriori piattaforme nelle basi in Europa e Medio Oriente dell’Air Expeditionary Wings/Groups previsti dal Global Force Management.

Con l’uscita di scena delle due portaerei occidentali dal Medio Oriente e dal Mar Mediterraneo, la Charles de Gaulle ha raggiunto Tolone lo scorso 14 dicembre, la Coalizione perderà per i prossimi 45/60 giorni, quella flessibilità operativa che assicuravano i vettori e le 24 piattaforme aeree multiruolo ad ala fissa della Marine nationale della Charles de Gaulle e le novanta della Eisenhower. La Francia manterrà nelle operazioni contro l’Isis i dodici Rafale dell’Armée de l'Air, schierati in Giordania.

Entro la seconda decade di gennaio, infine, anche la portaerei russa Admiral Kuznetsov ritornerà in Russia per interventi di ammodernamento. I lavori inizieranno entro il primo trimestre del 2018, un anno dopo rispetto a quanto affermato in precedenza dal Ministero della Difesa russo. La nave resterà in cantiere per tre anni: soltanto nel 2021 ritornerà in mare.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Gio, 29/12/2016 - 12:16

Perde cento piattaforme contro l'isis, cioe' contro gli alleati?

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 29/12/2016 - 12:40

L'importante è mandare le "piattaforme" aeree e terrestri ai confini nord contro la Russia!Ciaparatt!!

lupo1963

Gio, 29/12/2016 - 12:46

Tanto per quello che faceva la coalizione "occidentale"... Si vede che avevano finito le dune da bombardare

Ritratto di Svevus

Svevus

Gio, 29/12/2016 - 12:56

Non c' è da preoccuparsi ? Ci sono le imprese cooperative di trasporto a pattugliare il mediterraneo, le coste africane e quelle medio-orientali !

agosvac

Gio, 29/12/2016 - 13:08

Ma guarda un po'! Niente portaerei americane, niente portaerei francesi( in fondo credo ne abbiano una sola) e, a breve, neanche più portaerei russe (anche loro ne hanno una sola). Gli inglesi probabilmente non hanno neanche più soldi per attrezzare una portaerei! Ovviamente restano gli aerei stanziati in vari aeroporti! Però sembra che ci siano più possibilità di pace, senza rischi di gravi "incidenti di incomprensione".

MilanoMerano

Gio, 29/12/2016 - 13:17

Siamo più occupati a buttati i nostri o soldi ai nostri nemici, che a spenderli sul nostro militare, del quale avremo disperato bisogno in 5 minuti. Europa patetica, prostituta dell'Islam.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 29/12/2016 - 13:26

state tranquilli ! a difendere l'europa ci penserà la nave portavelivoli con il nome del terrorista mercenario nizzardo che dovrà momentaneamente sospendere le operazioni di recupero del bene più prezioso per l'italia : i gitanti/migranti .

Tuthankamon

Gio, 29/12/2016 - 14:01

Non preoccupatevi troppo. La Mogherini, PER CONTO DELLA UE, ha un piano di riserva! A proposito, che sta facendo la UE in Siria?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 29/12/2016 - 14:27

...tutto normale... l'ISIS è un alleato della NATO. Si sa da tempo.

mannix1960

Gio, 29/12/2016 - 17:50

Al tempo! C'è la Cavour al largo delle coste libiche strategicamente impiegata nel traghettamento di africani!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 30/12/2016 - 13:07

Gli ammiragli americani sono vivamente pregati di disobbedire a Obama, specialmente quando darà l'ordine di aprire il fuoco contro l'Europa (Russia compresa). Piuttosto inventino scuse tecniche per rientrare in porto. Una ventina di giorni passano presto.