Nigeria al voto nel sangue: Boko Haram decapita 23 persone con la motosega

Mentre la Nigeria si prepara al voto, gli islamisti sferrano un durissimo attacco contro la popolazione civile, decapitando e uccidendo almeno 23 persone

Decapitati con le motoseghe o bruciati vivi nelle loro case da Boko Haram. Ventitré persone sono state uccise così, nel nordest della Nigeria, nel giorno in cui il Paese sta votando per eleggere presidente e Parlamento. Lo riportano funzionali locali.

"Ci siamo precipitati tutti nella boscaglia" ma "chi è stato meno fortunato è stato catturato mentre era in casa e massacrato", ha raccontato Malam Ibrahaim Adamu, funzionario del Consiglio del villaggio di Barutai, nello Stato di Borno, secondo il quale i miliziani islamisti avevano con loro delle motoseghe.

L'attacco di Boko Haram si è verificato nelle prime ore della giornata mentre milioni di nigeriani si stavano preparando per andare alle urne. Dopo che il Paese è stato costretto a rinviare il voto, inizialmente previsto per il 14 febbraio, per questioni di sicurezza, circa 360mila poliziotti sono stati dispiegati per evitare scontri e attacchi da parte degli estremisti.

Altre sette persone sono state uccise in un attacco condotto dai combattenti di Boko Haram che hanno sparato contro chi si trovava ai seggi elettorali per votare. È accaduto nei villaggi di Birin Bolawa e Birin Fulani.

Commenti

VittorioMar

Sab, 28/03/2015 - 18:23

tuti fermi ,che nessuno si muova!

VittorioMar

Sab, 28/03/2015 - 18:25

tutti fermi,che nessuno si muova.Salvate il soldatoKYENGE.

VittorioMar

Sab, 28/03/2015 - 18:55

..salvate il soldato KYENGE!

obiettore

Sab, 28/03/2015 - 19:21

Cécile Kashetu, ocio !

Ritratto di Tora

Tora

Sab, 28/03/2015 - 19:41

Puoi mettergli addosso i vestiti, fargli fumare le sigarette, insegnargli l'alfabeto...rimarranno sempre delle tristissime scimmie.

killkoms

Sab, 28/03/2015 - 20:42

che bravi i murzulmani neri..!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 28/03/2015 - 21:41

Ma quanti sono i "partecipanti" alla kermesse organizzata dalla compagnia cantante boko-haram? Possibile che in un anno l'esercito di uno stato non sia stato capace di sradicare un pericolo così feroce versla la sua popolazione? Qui c'è puzza di petriolio: il Nord Nigeria fa parte di quel catino che comunica con l'entroterra libico e chissà cosa sperano di trovare nel sottosuolo: fin che c'è petriolio non c'è pace per la gente comune.

@ollel63

Lun, 26/10/2015 - 21:09

questa è la civiltà dell'Africa?

Silvio B Parodi

Lun, 01/02/2016 - 02:33

io difendo booko haram, spero venga in italia a fare un giro in parlamento quando e' riunito il pd con la kyenge e la boldrina.