La Nord Corea lancia i surf tour guidati da un italiano

Nicola Zanella guiderà il primo surf tour turistico nella Repubblica popolare. "Vogliamo portare nuovi turisti nel Paese"

La Corea del Nord si apre. Non al mondo, ma al turismo. O meglio al turismo su tavola da surf. Kim Jong-Un ha infatti autorizzato un surf tour lungo la costa est. A capitanare la spedizione un italiano, Nicola Zanella. Il surfista azzurro volerà da Shanghai a Pyongyang per accompagnare nordcoreani e turisti stranieri, lungo la costa est del Paese. Se il progetto andrà bene, e rispetterà i gusti di Jong-Un, allora si potrà pensare di sistematizzare il tour.

Zanella, che attualmente vive in Cina dove allena la nazionale di surf della Cina, ha detto che la decisione di tenere un tour in Nord Corea arriva dopo oltre un anno di studio, sia sulle aree di accesso alle onde che sulle condizioni meteo. "L'obiettivo del tour - spiega l'italiano - è quello di mappare tutti i punti migliori per il surf lasciando alla comunità nord coreana posti sicuri in cui praticare lo sport".

Mentre sul piano della politica internazionale tra Corea e Usa non scorre buon sague, a livello turistico il rapporto pare più solido. L'impresa di Zanella sarà possibile grazie a "Uri tours" un tour operetor del New Jersey specializzato in viaggi nella Repubblica popolare. La Uri promette una grande esperienza al prezzo di 2750 dollari per 8 giorni e 7 notti. "Ovviamente - conclude Zenella - non siamo i primi a provare quest'esperienza, ma nessun l'aveva ancora fatto con l'intenzione di aprire il paese al turismo".