Nucleare Iran, Israele: "L'Occidente si arrende all'asse del male"

Israeliani in allarme per l'approvazione dell'accordo sul nucleare iraniano. Netanyahu: "Errore di proporizoni storiche". E prepara la campagna americana per far bocciare il piano dal Congresso Usa

Durissima la reazione di Israele all'accordo sul nucleare in Iran. "Questa è una resa storica da parte dell’Occidente verso l’asse del male con l’Iran in testa", afferma la viceministro degli Esteri di Israele, Tzipi Hotovely. "Agiremo con tutti i mezzi per tentare di impedire la ratifica dell’accordo" fra l’Iran e i paesi del 5+1. "Le implicazioni dell’accordo nell’immediato futuro sono molto gravi - scrive Hotovely, citata sul sito Times of Israel - l’Iran continuerà a diffondere la metastasi delle sue cellule terroristiche in tutte le direzioni, continuerà a infiammare il Medio Oriente e, quel che è ancora peggio, farà un gran passo per diventare uno stato sulla soglia del nucleare". Il primo ministro Benjamin Netanyahu rincara la dose: l’accordo "è un errore di proporzioni storiche".

"Il 14 luglio 2015 - scrive su Twitter il ministro israeliano Naftali Bennett, leader del partito nazionalista Focolare ebraico - è nata una superpotenza terroristica nucleare. Israele - assicura - si difenderà".

Il premier israeliano prepara la "campagna americana" per convincere il Congresso a non ratificare l'accordo (entro sessanta giorni dalla firma di Obama). Sia alla Camera che al Senato i Repubblicani hanno la maggioranza, ma questo potrebbe non bastare. Di fronte al prevedibile veto di Obama, infatti, servirebbe una maggioranza qualificata di due terzi, per cui è necessario convincere un po' di democratici. E qui si innesca un ragionamento politico che guarda già alle elezioni del 2016. Hillary Clinton, come sottolinea Maurizio Molinari su La Stampa, ha già fatto capire a Israele di essere più malleabile rispetto a Obama, sottolineando che il negoziato nucleare "non risolve i maggiori problemi" perché "l'Iran resta comunque "una minaccia esistenziale per Israele.

Commenti

luciano32

Mar, 14/07/2015 - 10:49

Poveri civili e grandi israeliani consegnati mani e piedi legati a un paese governato da terroristi, un altro capolavoro del presidente ombra obama, spero che il senato e la camera USA lo smentiscano e gli facciano fare la figura di palta che merita

luciano32

Mar, 14/07/2015 - 10:50

Obama presidente ombra il peggiore di questi anni sei contento? dai Israele in mano a quei atayollah assassini!!!

blackbird2013

Mar, 14/07/2015 - 12:20

E' un errore storico e cronico continuare a fornire ai governi nazisti israeliani armi con le quali bombardano interi condomini per cercare 3-4 terroristi, altro che balle. Netanyahu si deve vergognare, lui e la sua cricca. Dovrebbe essere accusato e condannato come criminale, di guerra e non, per la distruzione che ha causato recentemente in Libano. Ricordiamoci del fuori-onda del Segretario di Stato americano Kerry: " azione proporzionata?...ma per favore....". Netanyahu:fai schifo.

Shot

Mar, 14/07/2015 - 12:28

luciano 32! sono d'accordo con te su Obama ma guarda che Israele non è in mano a nessuno.Se lo minacciano pesantemente gli spacca il cxxo a quelli...mica è l'Italia!!

franco-a-trier-D

Mar, 14/07/2015 - 14:20

bastardo maledetto ebreo avete trovato pane per i vostri denti

alberto_his

Mar, 14/07/2015 - 15:24

@luciano32: mi vuoi spiegare perchè mai Obama, presidente degli Stati Uniti d'America, dovrebbe prendere unicamente decisioni a favore di Israele? Gli Ayatollah non hanno tempo da perdere con i bulletti del vicinato.

Ritratto di nutella59

nutella59

Mar, 14/07/2015 - 19:29

Il mondo ha raggiunto nuovamente livelli incredibili d’immoralità e complicità col male con la firma dell’accordo sul nucleare iraniano, con un regime, quello degli ayatollah, che continua da 36 anni ad essere uno dei principali sostenitori, finanziatori ed armatori del terrorismo internazionale; un regime i cui leader dichiarano apertamente la loro intenzione di far di tutto per eliminare Israele - esattamente come fece Adolf Hitler sin dal 1924 per chiunque volesse ascoltare. L'Iran è dominato da un regime dittatoriale e assassino i cui leader e funzionari da decenni partecipano ai riti settimanali delle adunate oceaniche in cui urlano “Morte all’America, morte a Israele!” Di fronte a tutto ciò, l’ipocrisia è sempre la stessa come nel 1938 di fronte a Hitler.

Ritratto di nutella59

nutella59

Mar, 14/07/2015 - 19:30

Gli stessi che accusano da millenni gli Ebrei di essere solo attaccati al denaro e di adorare il dio Mammone, hanno in realtà una sola cosa nel cuore: i loro sporchi affari. A loro in realtà interessa solo avere piú petrolio a basso prezzo (l’Iran ha il 56% delle riserve), di porre fine all’embargo e vendere ogni cosa, da armi ad aerei civili, a un paese ricchissimo come l’Iran, con un mercato di circa 80 milioni di persone e comprare dall’Iran materie prime e prodotti agricoli a basso costo.

Ritratto di nutella59

nutella59

Mar, 14/07/2015 - 19:30

L'Appeasement con la Germania costò ottanta milioni di morti, e la distruzione di un terzo del Popolo d'Israele. Farlo con l’Iran, costringerà Israele ad agire da sola con la sola arma effettiva possibile - un EMP - per porre fine alla minaccia iraniana. Questa è la grande differenza: OGGI C’È ISRAELE E IL NOSTRO POPOLO È SOVRANO SULLA NOSTRA TERRA, ARMATO CON LE ARMI CHE PERMETTONO DI ELIMINARE LA MINACCIA DEI NAZI-ISLAMICI, ANZICHÉ INDIFESO IN BALIA DI GENTILI CHE CI PREFERISCONO MORTI!

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Mer, 15/07/2015 - 05:55

USA, Iran...petrolio....ho capito tutto!