La nuova strategia dell'Isis: giocattoli esplosivi

Una scoperta fatta dalle forze di sicurezza irachenE ha svelato, e sventato, un nuovo piano dell'Isis per compiere stragi tra i fedeli

La polizia irachena ha fermato e sequestrato un carico dell'Isis contenente degli esplosivi probabilmente da usare contro dei pellegrini sciiti. A breve, infatti, ci sarà il pellegrinaggio annuale per Arba'een, una pratica religiosa sciita che segna la fine del periodo di 40 giorni di lutto dopo l'anniversario della morte dell'Imam Hussein, nipote del profeta Maometto.

Non è una novità che le forze di sicurezza blocchino carichi di armi o di bombe destinate alle forze del Califfo, ma questa volta è diverso. Quelle trovate dagli iracheni erano camuffate da bambole. Pronte a essere raccolte e innescate da innocenti bambini sulla strada che va dalla capitale dell'Iraq, Baghdad, a Karbala. Una via che milioni di pellegrini percorrono ogni anno. Si calcola che il raduno religiosio abbi accolto 17,5 milioni di fedeli.

Le trappole esplosive sono state scoperte a al-Husseiniya, un sobborgo a maggioranza sciita nel nord-est di Baghdad. La polizia, dopo aver sequestrato le bombe, anche conosciute con il nome di Ied, acronimo inglese per descrivere degli ordigni esplosivi improvvisati.