"Nuovi attacchi jihadisti" L'Europol lancia l'allarme

Cinquemila foreign fighter in Europa. Il direttore di Europol: "Attentati su larga scala in Europa". Nel mirino la Francia

La strategia dell'Isis "sta diventando globale". È quello che emerge dal rapporto dell’Europol, l'ufficio di Polizia Europeo, diramato a margine della riunione informale dei ministri degli Interni dell’Unione europea.

Secondo il documento ci sarebbero 5 mila foreign fighters, tutti uniti e pronti a colpire l'Europa. Un'allarme vero e proprio. Secondo gli esperti gli jihadisti starebbero "preparando nuovi attacchi terroristici, anche nello stile di quello recente a Mumbai, da attuare nell’Ue e in particolare in Francia". Inoltre "gli attacchi saranno anzitutto diretti a obiettivi ordinari, per sfruttare l’impatto che questo genera".

Torna quindi la paura attentanti, lo stesso direttore di Europol Rob Wainwright ha confermato quello che si legge nel documento. "L'Isis sta programmando attacchi su larga scala in Europa". Come se non bastasse, secondo le analisi, i terroristi "hanno una forte capacità di mettere a segno attentati su larga scala" spiega Wainwright.

Torna quindi la paura attentati, ma sappiamo contro chi combattiamo. L'Europa prova a reagire alla paura. Come? Attraverso il centro antiterrorismo europeo (Ect). Dalle varie capitali europee arrivano dai 40-50 esperti in seno a Europol. Gli obiettvi sono chiari e semplici: coordinamento fra le Intelligence, la creazione di un data base comune e il sostegno alle inchieste nazionali sui casi di terrorismo. E la conferma del lavoro arriva ancora dal direttore di Europol: "Tutti i Paesi Ue lavorano per prevenire".

Stando alle stime di Europol, i foreign fighters schedati nei database dell’Intelligence europeo sarebbero 3700. Oltre al numero che di per sé è allarmante, il fattore che preoccupa di più gli esperti emerge dalle analisi sul comportamento. Personaggi "attenti allo stile europeo" che in molti casi, come si legge sul rapporto della polizia europea, "almeno uno su cinque è stata diagnostica una malattia mentale, mentre l’80% ha avuto precedenti penali".

Dettaglio che non viene trascurato dall'intellicence e nemmeno da possibili reclutatori che "è possibile usino questi indicatori per fare proseliti". Infatti con questo particolare stato mentale "è più facile convincerli che facendosi esplodere potranno morire da martiri". Non solo, infatti da quanto emerge lo Stato Islamico avrebbe sviluppato "un commando di azione esterna addestrato per attacchi stile forze speciali nello scenario internazionale".

Il rapporto Europol spiega che "gli attacchi di Parigi e le indagini sembrano indicare un passaggio verso una strategia più ampia di globalizzazione dell'Isis, di attacchi in modo specifico contro la Francia, ma anche la possibilità di attacchi contro altri Stati membri Ue in un prossimo futuro". Ebbene sì, la Francia sarebbe ancora nel mirino dei terroristi: "Ci sono tutte le ragioni per aspettarsi che l'Isis, o terroristi che si ispirano all'Isis o un altro gruppo terroristico ispirato da motivi religiosi, possa condurre di nuovo un attacco in Europa, in particolare in Francia, con lo scopo di provocare morti di massa tra la popolazione civile".

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 25/01/2016 - 14:02

I sostenitori di ''shenghen'' potrebbero essere accusati di complicita' con I terroristi mussulmani?

venco

Lun, 25/01/2016 - 14:13

Del terrorismo che questi portano possiamo ringraziare tutti i sinistri predicatori di cieca accoglienza e multiculturalismo.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 25/01/2016 - 14:20

Lo avete voluto,agevolato,coccolato il "giochino"?....Vi siete riempiti per decenni la bocca con:'"integrazione", "multiculturalismo","libertà religiosa","diritti" per le "minoranze"(...i "doveri"?....Boh!),"accoglienza",ora il "giochino" comincia ad essere scomodo,vero???....Ora provate a liberarvene(con costi immensi),se riuscite!!!!

Giancarlo MATTA

Lun, 25/01/2016 - 14:28

In Europa si approssima un potenziale "bagno di sangue" grazie agli islamisti (= islamo-nazisti): se accadrà, finalmente ci si sveglierà?

Ritratto di Winkelried

Winkelried

Lun, 25/01/2016 - 14:32

Intanto Schengen rimane attivo!!!!!!¨ Comincio a pensare che una certa forma di malattia mentale sia presente nelle teste di questi pseudo politici europei e non.

agosvac

Lun, 25/01/2016 - 14:42

Questi dell'isis sono nient'altro che terroristi ed il terrorismo non è mai riuscito in niente se non fare danni peraltro non conclusivi. Il peggio che potranno mai fare sarà esacerbare l'opinione pubblica mondiale fino al punto di una ritorsione tremenda: neanche ci voglio pensare a cosa succederebbe agli islamici, anche persone per bene, che vivono in paesi non islamici se, per colpa del terrorismo, fossero perseguitati fino alla morte. Se gli europei dovessero perdere il controllo a causa di questi continui attacchi terroristici, il tutto potrebbe portare ad un bagno di sangue senza precedenti. Colpevoli o innocenti non si farebbe più alcuna distinzione. Gente che avrebbe visto morire i loro cari, figli, mogli, mariti, fratelli, sorelle, arrivato ad un certo punto non potrebbe più resistere alla provocazione!!!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 25/01/2016 - 14:46

Che ce frega! Noi abbiamo alf alf ano che ci protegge!!!

Arch_Stanton

Lun, 25/01/2016 - 14:55

Shenghen va bene, sono i confini esterni da blindare, non quelli interni. Se sappiamo chi sono questi 3700, perché non li espelliamo o, se cittadini europei, non li mettiamo in un super-carcere ? I francesi avevano quello nella Guyana che si potrebbe ristrutturare.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 25/01/2016 - 14:56

Brutalmente mi tocca dire, ben vengano. E' forse l'unico modo per far capire a milioni di europei e a la feccia che li governa, storditi da buonismo folle, multiculturalismo, lode per i migranti, prostrazione davanti ad una religione orribile come l'islam, che tutto quanto sta avvenendo e' follia allo stato puro.

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 25/01/2016 - 15:02

Questo è l'ovvio risultato della demenza dei sinistrati e pidioti vari. Chi vota a sinistra è complice di questi barbari mussulmani che vogliono distruggere il mondo. Branchi di maiali.

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Lun, 25/01/2016 - 15:15

A noi quello che vuole fare l'Isis non interessa. Scrivete quali azioni mette in campo la coalizione internazionale nei confronti di quegli imbecilli con bandana e mitra. Questo dovete scrivere.

rudyger

Lun, 25/01/2016 - 15:18

perchè non ci dite nome e cognome e dove abitano e n. di cellulare di questi 40/45000 esperti dell'ECT? e diteci anche quanti figli hanno? quali armi equli saranno i magistrati chez porteranno alla lunga i processi? e questa sarebbe la democrazia? diciamo tutto: dove sono le nostre basi, quante armi abbiamo, quanti soldati e chi andranno poi in Siria, Afganistaa, Iraq. Europei buffoni. L'odio ed il dio quattrino consuma questa maledetta Europa. Avete foraggiato i paesi mussulmani non i petroldollari ed ora fate finta di difenderci. Pura delinquenza. Puzzate di zolfo. Io vorrei 10 passaporti perchè voglio che mi controllino quando esco dal mio (quando me lo compro) il paese dove abito. Mio padre, che era pugliese, già trentanni fa - ed aveva capito dove saremmo andati a finire - diceva di sentirsi albanese, ed è tutto dire.

Gius1

Lun, 25/01/2016 - 15:18

# Zagovian e tu cosa farai? starai a guardare o non fai parte del popolo ? non hai paura ?

buri

Lun, 25/01/2016 - 15:33

mi domando perché i cosìddetti foreing fighters possono andare e venire tranquillamente senza che nessuno prenda provvedimenti, in fin dei conti vanno a combattere all'estero per uno pseudo stato. quando torni ti tolgo la cittadinanza e di rimando indietro, se sei straniero non ti faccio più entrare e basta x

fisis

Lun, 25/01/2016 - 15:44

@agosvac Concordo in parte con la sua analisi. Come ho già detto altre volte in questi post, vi sono due possibilità: 1) in seguito ad un attentato che provochi migliaia se non milioni di morti in Europa, qualora i terroristi riuscissero ad appropriarsi di armi di distruzione di massa, la reazione degli europei, come già accaduto nella Germania umiliata e in crisi dopo la Grande Guerra, sarebbe rabbiosa, e porterebbe all'instaurazione di regimi di estrema destra e ai campi di concentramento per gli islamici. 2) Si continuerà con lo stillicidio di attentati con decine di morti qua e là; gli europei continueranno nel loro sonno buonista, finchè un giorno si sveglieranno con la sharia in vigore nei loro paesi. Non sapre dire qual è l'opzione più probabile; in ogni caso, non vedo grandi speranze per le democrazie europee.

Ritratto di Rames

Rames

Lun, 25/01/2016 - 15:58

Imminenti sul serio, loro aspettano che le cose si calmino,aspettano,mentre noi in questo momento siamo qui a fare le nostre cose, loro pianificano il prossimo attacco.E' gente seriamente disturbata,criminale ed estremamente pericolosa.

PaoloL

Lun, 25/01/2016 - 16:41

vogliono proprio restituirci la democrazia che gli avevamo portato, sti terroristi ingrati

venco

Lun, 25/01/2016 - 17:00

agosvac 14,42 certo che di questo passo dovremo difendere la nostra vita, la nostra terra, cultura e tradizioni, a tutti i costi. Il papa dica pur quel che vuole.

Ritratto di malatesta

malatesta

Lun, 25/01/2016 - 17:20

Per quanto mi risulta dopo avere appreso di tutte le notizie degli attentati terroristici emerge sistematicamente (chissa' perche') la classica frase ::"ERANO GIA' NOTI ALLE FORZE DI POLIZIA". Allora delle due e' l'una...o ci sono delle leggi eccessivamente garantiste che impediscono l'arresto preventivo di sta' gentaglia oppure abbiamo un sistema che fa acqua da tutte le parti. In ogni caso i terroristi di maggior successo li abbiamo gia' qui in casa, basta contare i morti che ogni giorno ci passa la cronaca .

smoker

Lun, 25/01/2016 - 19:22

Mi sembra evidente che , per farsi saltare in aria , oltre ad usare bambini o donne , usino la manovalanza dei più cxxxxxi.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 25/01/2016 - 19:46

@Gius1:.....Io ho sempre lottato e votato contro queste cose,e continuerò a farlo!!