Nuovo fango contro Trump: colleghi della giornalista di People confermano le molestie

Sei colleghi della giornalista di People Magazine, Natasha Stoynoff, confermano la sua versione: nel 2005 fu molestata da Donald Trump. Al dibattito sarà presente anche il fratellastro di Obama, schierato con il tycoon

Alla vigilia del terzo e ultimo dibattito tra i candidati alla Casa Bianca, spuntano nuove accuse contro Donald Trump. La pista è sempre la stessa, Natasha Stoynoff, la giornalista di People Magazine che ha raccontato di essere stata molestata dal tycoon nel 2005. Sei colleghi della donna confermano la sua ricostruzione. Una sua amica, tra l'altro, conferma che l'incontro tra Natasha e Donald sarebbe avvenuto con la moglie di Trump in casa. Ma Melania difende a spada tratta il marito: "Credo in lui - dice riferendosi alle accuse di sessismo dopo il video risalente al 2005, diffuso dal Washington Post -. È stato tutto organizzato. Lui fu istigato dal conduttore (Billy Bush, ndr) a dire cose sporche. Non ho mai sentito mio marito esprimersi in termini così grossolani. Ed è per questo che sono stata sorpresa, perché è come se io non conoscessi la persona che parlava in quel modo, e che diceva quelle cose in privato".

Qualche giorno fa Melania Trump ha minacciato un'azione legale contro People Magazine per l'articolo della Stoynoff, che racconta di essere stata molestata dal tycoon. Nella lettera dell'avvocato di Melania si legge che nell'articolo vi sono numerose falsità. La moglie del magnate e la giornalista, tra l'altro, "non sono mai state amiche né avevano un rapporto amichevole". Per tutta risposta People Magazine in un editoriale ha difeso la propria giornalista: "Siamo grati a Natasha Stoynoff per il suo articolo. La signora Stoynoff è una donna straordinaria, etica, onesta e patriottica, che ha condiviso la sua storia perché sentiva che era suo dovere farla conoscere al pubblico. Cercare altre motivazioni è un patetico tentativo di perseguitarla. Siamo dalla sua parte e siamo orgogliosi di aver pubblicato le sue affermazioni". E poi ancora: "È terribile che per paura di ritorsioni da Trump abbia tenuto nascosta la cosa per dieci anni, speriamo che adesso si senta sollevata da quel fardello".

Al dibattito anche il fratellastro di Obama

Ci sarà anche Malik Obama, “fratellastro” del presidente, al terzo dibattito in programma a Las Vegas all’Università del Nevada. Cinquantotto anni, ha già messo più volte in imbarazzo il fratello. Nel luglio scorso, infatti, dichiarò il proprio sostegno al tycoon, accusando il presidente di varie cose, tra cui quella di non averlo aiutato quando, nel 2013, si candidò a governatore in una contea del Sud-Est del Kenya. Malik ha dichiarato alla stampa di non credere alle accuse di molestie sessuali mosse a Trump, definendole una montatura della stampa. Malik, tra l'altro, ritiene Hillary Clinton responsabile del caos e delle violenze in Medio Oriente.

Commenti
Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 19/10/2016 - 12:59

La macchina del fango massa a punto in Italia contro il centrodestra, ha conquistato il mercato USA. Siamo una super potenza industriale!!!

Daltronde

Mer, 19/10/2016 - 13:10

L'offensiva sinistra è in pieno svolgimento. Escono tutte adesso. Ma dove erano in tutti questi anni? Vergogna. #IovotoNO

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 19/10/2016 - 13:11

Ma tutte queste donne che accusano Trump, se ne ricordano solo adesso? A distanza di tanti anni? E' una sporca manovra della clinton per screditare l'avversario. Certo che così facendo mi fanno piacere Trump, molto di più.

agosvac

Mer, 19/10/2016 - 13:21

Sarei curioso di conoscere quali siano state le molestie di trump nei confronti di questa giornalista. Finora sembra che siano considerate molestie solo "tentativi" di palpeggiamenti o di baci, cose da ridere!!! Probabilmente, prima che si arrivi al voto, la hillary alzerà la posta e farà dire alle sue "amiche" che si è anche arrivati alla violenza carnale! Ma, senza una vera denuncia dopo il fatto, niente può essere ragionevolmente provato!!! Finora mi sembra che non ci sia mai stata una denuncia vera e formale nei confronti di Trump. Al contrario nei confronti del marito della hillary, ex Presidente clinton, ci sono state inchieste formali tanto che il presidente ha dovuto ammettere di avere mentito e chiedere scusa agli americani! Possibile che la hillary non si renda conto che un Presidente alquanto porco lo ha avuto in casa propria????

Malacappa

Mer, 19/10/2016 - 13:56

Io mi ricordo che all'asilo Trump molestava tutte le bambine,che 2 palle va be gli piacciono le donne cos'e' un delitto digli di no e finisce li.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 19/10/2016 - 14:02

Secondo me sono tutte donne che si sono beccate un bel due di picche dal miliardario di turno. Ora guarda caso dopo più di 10 anni si sentono offese!

pietrom

Mer, 19/10/2016 - 14:03

Si dovrebbe scrivere una legge secondo la quale una donna stuprata che denuncia il fatto con piu' di un mese di ritardo debba scontare la stessa pena di chi accusa, nella stessa cella!

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 19/10/2016 - 14:24

In questa campagna elettorale più che di politica e di programmi si parla di sesso. Più che un'elezione presidenziale sembra un film porno. E forse lo è davvero.

zucca100

Mer, 19/10/2016 - 14:55

Pietrom, ma ti rendi conto delle scemenze che scrivi?

ex d.c.

Mer, 19/10/2016 - 15:09

Continua questa assurda campagna elettorale. la Clinton dovrebbe già essere fuori per averla pilotata, ma anche il PR si è fatto coinvolgere anzichè approfittare del comportamneto sciatto del PD e portare la campagna su altri temi che interessano l'opinione pubblica

nopolcorrect

Mer, 19/10/2016 - 15:16

Ma guarda un po'...e solo ora la santa verginella si fa viva? Spera, naturalmente, in un qualche risarcimento milionario, se trova il giudice giusto, o almeno in tanta notorietà....complimenti non certo per la sua castità violata dal mostro Trump, ma certo per il suo senso degli affari e la sua faccia tosta. Brava.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 19/10/2016 - 15:26

Trump è un richiedente asilo dunque.

Keplero17

Mer, 19/10/2016 - 15:33

Si facessero avanti tutte le donne molestate da Trump. La campagna elettorale sta finendo e dopo non beccheranno più nulla.

timoty martin

Mer, 19/10/2016 - 15:45

Ma queste donzelle smemorate, si risvegliano tutte proprio in questo periodo? o qualcuno le ha risvegliate con metodi "concreti"? Comunque sia, certe procedure di bassissimo livello non fanno certo onore a chi le da in pasto alla stampa. Una cosa è certa, nessuno dei due candidati è veramente degno della Casa Bianca. E la Clinton certamente ancor meno di Trump.

paràpadano

Mer, 19/10/2016 - 15:52

abbiamo capito a Trump gli piace la patata che male c'è ?? Tutte queste babbione si sono ricordate solo ora ? Al marito di Hillary piacevano le stagiste sotto le scrivanie, in fondo ognuno ha i propri gusti o no?

Rossana Rossi

Mer, 19/10/2016 - 15:55

ma guarda....com'è che si ricordano tutte solo adesso di essere state molestate? Non è che Trump ha dato loro il due di picche e queste adesso spargono fango in stile pd? Mi sa che abbiamo fatto scuola, purtroppo.........

paràpadano

Mer, 19/10/2016 - 15:58

Speriamo comunque che vinca Trump solo per il fatto di vedere il menestrello di Firenze cosa farà e soprattutto cosa dirà.........

pietrom

Mer, 19/10/2016 - 16:07

zucca100: "Pietrom, ma ti rendi conto delle scemenze che scrivi?" - Guarda, ti rispondo con il messaggio di nopolcorrect 15:16.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mer, 19/10/2016 - 16:28

Chissà perchè nessuna di queste "molestate" ha mai denunciato Trump secondo I normali canali previsti dalla legge al momento del fatto . Adesso spuntano molestate ad orologeria come funghi in autunno e tutte sono accolte con grande serietà dai media : una molestata,intervistata da Rai 1 ,ha denunciato che qualche anno fa Trump ha cercato perfino di baciarla ! Tutti i media mondiali sono talmente compatti contro Trump che io ,se ne avessi il diritto,voterei per lui ad occhi chiusi.La domanda legittima ,credo, è chi paga i media per farli funzionare da cassa di risonanza di tante idiozie in modo così compatto.