Obama attacca Putin: «Nessun caccia ucraino» Ecco la prova del missile

Una foto pubblicata dal Financial Times apre nuovi scenari sulla vicenda della tragedia dell'aereo della Malaysia Airlines MH17. Sarebbe infatti stato abbattuto da un missile terra-aria. Nelle immagini si vede un pezzo del Boeing 777, grande quasi un metro quadrato, con un buco nel mezzo, circondata da fori più piccoli e segni di bruciature apparenti. Tutto questo proverebbe l'attacco missilistico. Mosca respinge ogni responsabilità nella vicenda e continua ad accusare l'Ucraina della morte dei 298 passeggeri del volo malese. «Un aereo da guerra ucraino volava molto vicino al jet abbattuto - afferma Lavrov - i due velivoli si trovavano a non più di cinque chilometri di distanza». I satelliti russi avrebbero infatti rilevato la presenza di un aereo Su-25 che volava in direzione del Boeing. «Tutto questo - aggiunge in una nota Lavrov - mentre i missili ucraini Buk erano posizionati su Donetsk, puntati verso il quartier generale dei filorussi. Noi siamo totalmente estranei alla vicenda, lo dimostriamo con fatti e documenti attendibili». Al momento non è arrivata alcuna replica ufficiale da parte di Kiev, anche se il presidente Petro Poroshenko ha ordinato il cessate il fuoco in un raggio di 40 chilometri attorno al luogo dove l'aereo si è schiantato giovedì.
I combattimenti tra le truppe ucraine e i separatisti si erano rafforzati dopo l'abbattimento dell'aereo nonostante gli appelli della comunità internazionale a una tregua per indagare sulle circostanze dell'accaduto.
A replicare a Lavrov semmai ci pensano gli americani, e lo fanno con un Barak Obama piuttosto risoluto. «La Russia ha influenza su questi separatisti, li ha addestrati, ha fornito loro materiale militare. La Russia e Putin hanno responsabilità diretta per costringere i separatisti a collaborare». Queste le sue affermazioni in conferenza stampa alla Casa Bianca. «Non bastano le parole, ora servono i fatti», aggiunge Obama. Il presidente ha accusato i ribelli di rimuovere le prove e i corpi dal luogo del disastro aereo. «Cosa stanno cercando di nascondere? Il mondo ha il diritto di sapere cosa sia veramente successo. La confusione creata sul luogo del disastro aereo è un insulto alle famiglie delle vittime», ha detto Obama.
Un ribelle filorusso che si firma «Nuova Russia», ha scritto su Twitter che le scatole nere dell'aereo malese sono state portate a Donetsk, roccaforte dei separatisti in Ucraina orientale, tesi sostenuta anche dai servizi segreti ucraini. Notizia per altro in parte confermata dall'ambasciatore ucraino a Roma Yevhen Perelygin.
Proprio nella regione di Donetsk sono stati recuperati i corpi di 272 passeggeri. Lo ha riferito ieri mattina in conferenza stampa il premier ucraino Arseni Yatsenyuk secondo il quale i corpi, si trovano in vagoni frigorifero nella stazione di Torez.
Il treno ha lasciato in serata l'est dell'Ucraina, nonostante l'ostruzione dei filorussi che hanno tentato di ritardare il viaggio, diretto a Karkhiv. Da qui arriverà in una località dove verranno eseguite le autopsie. A riferirlo è il responsabile della squadra di esperti olandesi, Peter Van Vilet, giunti nella stazione ferroviaria dove da domenica era fermo il treno su cui sono stati caricati i resti delle vittime. «Vi promettiamo che tutto verrà fatto celermente e nella maniera dovuta - ha dichiarato Van Vilet - è nell'interesse di tutti, in primis dei parenti delle vittime». Il governo di Kiev si è detto disposto a consegnare le salme in Olanda dove, ha spiegato il premier Arseniy Yatseniuk, si trova «una delle cliniche migliori del settore». Gli esperti olandesi hanno esaminato le salme recuperate dai rottami del Boeing. L'odore di decomposizione che si sprigiona dai vagoni è pesante. Sembra che le salme, custodite in sacche nere, siano tenute in un ambiente non particolarmente refrigerato.

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 22/07/2014 - 08:00

Propaganda del regime sionista americano a tutto vapore. Vogliono una nuova Pearl Harbour o Golfo del Tonchino.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 22/07/2014 - 08:13

MEnzogne del regime americano a tutto gas.... propalate ai paesi-servi come l'Italia

Massimo25

Mar, 22/07/2014 - 09:45

Quello che dice Obama deve essere assolutamente tutto vero,quello che dicono gli altri naturalmente sono falsità e invenzioni..Egregio Sig.Presidente degli stati uniti,lo stesso può dirci delle armi di distruzione di massa in IRAQ,in SIRUA ha armato una banda di terroristi per poi combattere gli stessi in Iraq..da tempo ciò che dite non conta più..

Massimo25

Mar, 22/07/2014 - 09:49

Sig.ra Alfieri e secondo lei le foto pubblicata udite udite dal Financial Time é la prova eclatante della tragica situazione del Boeing...ma dove ha studiato giornalismo???alla Montessori??disinformazione totale e anche sgradevole...Sallusti il Giornale sempre più in giù ma dove li prende questi cronisti..ai mercatini??

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 22/07/2014 - 10:39

beh se lo dice il FT, giornale dei Rothschild...che ce l'hanno a morte con Putin per aver impedito il saccheggio delle ricchezze russe ad opera dei soliti oligarchi di razza eletta.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 22/07/2014 - 10:42

Il Financial Times non è propriamente il più imparziale dei giornali relativamente alla Russia..... è posseduto dalla famiglia Rothschild, la dinastia finanziaria che tramite il sig. Khodorkovski stava impadronendosi per 4 soldi della Yukos.. Mr. K. (ex comunista improvvisamente in fondi, tanto da avere 300 milioni di dollari) si comprò coi soldi Rothschild la Yukos per poi rivenderla ai suoi padroni, i Rothschild. Putin sventò il saccheggio e da allora è odiato nell'occidente delle oligarchie finanziarie....

CONDOR

Mar, 22/07/2014 - 12:04

QUALE PROVA?

Fabiola72

Mar, 22/07/2014 - 15:47

Per favore ma fatte vedere sta benedetta PROVA . Oltre aprire la bocca niente di fatto. Anch'io posso dire qualsiasi cosa, ad esempio che ogni tanto al posto mio qua scrive il mio gatto. Solite americanate.

gian carlo galli

Mar, 22/07/2014 - 16:29

gli americani la smettano di seminare menzogne !! i 20 milioni di $ Usa spesi settimanalmente per fomentare la rivolta a piazza Maidan e destabilizzare l'Ukraina sono una certezza conosciuta dal mondo intero ! i fascisti (da voi pagati) di Pravi Sector che con i cecchini (snipers) hanno sparato sulla popolazione civile uccidendo circa 100 persone non sono fantasia ma un segno tangibile dei vostri sporchi giochi !! America : basta con la sporca propaganda, Yankee back at home !!

mauriziosorrentino

Mer, 23/07/2014 - 10:03

Siete giornalisti?! I russi forniscono i tracciati radar e le foto satellitari che confermano quanto dicono! Si risponde (se si è in buona fede) con altrettanta documentazione precisa. Non con una foto che tra l'altro confermerebbe la possibilità del piccolo missile aria-aria lanciato dal caccia ucraino SU-25 presente a 3-5 km dal Boeig 777 al momento dell'abbattimento come sostenuto dai Russi! Per i lettori :kiev ,un'ora prima dell'abbattimento,annunciava che "magicamente"i ribelli-patrioti erano in possesso dei famigerati Buk in grado di abbattere obbiettivi ad alta quota! Non vi sembra una "veggenza" alquanto strana? Poi dovrebbero spiegare come mai ,vista questa informazione in loro possesso (tutta da dimostrare) hanno chiesto al Boeing 777 di modificare l'abituale rotta che passava sopra la Crimea ,per farlo passare proprio-proprio sopra dove c'erano i Buk in mano ai ribelli-patrioti!? O kiev ha diffuso una notizia falsa non si capirebbe il perchè(tra l'altro con molta preveggenza),oppure ha deliberatamente spostato il volo nella speranza che venisse abbattuto,oppure ancora(ipotesi confermata dai tracciati radar) ha abbattuto Lei ,con il suo caccia ,il Boing 777! Mi rivolgo a Lei Giornalista,ma dov'è il suo dovere di verificare la notizia? Ancora prima dov'è il suo buonsenso nella valutazione dei fatti? Si faccia trasferire alla" sezione pubbicità" con il suo collega Biloslavo! P.S. Apprendo che a quest'ultimo hanno,assieme ad altri noti colleghi,assegnato un premio per il suo "GiornalismoCoraggioso"....come il Nobel per la pace a Obama! Se la suonano e se la cantano!Gli altri,se si sentono di meritare il premio,dovrebbero rifiutarlo! Il Bilo,con i suoi reportage , è quanto di più lontano dal Giornalista e più vicino all'agente pubblicitario si possa immaginare! M.S.