Orlando, morto il ragazzo che mandava sms alla madre

Eddie Justice è una delle vittime della follia omicida di Omar Mateen ad Orlando. La sequenza di sms che ha inviato alla madre mentre era nascosto nel bagno delle donne ha fatto il giro del web

Sono le 02.06 quando Eddie Justice manda il primo sms. "Mamma ti voglio bene" scrive il ragazzo dal Pulse, mentre l'inferno è già cominciato dentro la discoteca di Orlando. E continua: "Nel club stanno sparando". Un minuto dopo, alle 02.07, un altro drammatico messaggio: "Nascosto nel bagno". La mamma, Mina, chiede in quale club si trovi. "Pulse", specifica Eddie. Poi gli sms diventano convulsi e Mina vive minuto dopo minuto la tragedia del figlio, 30 anni, intrappolato nell'incubo paranoico del killer che insegue le sue vittime con ferocia metodica.

"Chiama la polizia", implora Eddie alle 02.08, "sto per morire". La madre risponde che la sta chiamando. Ed Eddie, disperato insiste. "Chiamali mamma", scrive ancora alle 02.39, "lui sta arrivando", "sto per morire". Alle 02:46 Eddie è ancora vivo ed è nascosto nel bagno delle donne, come scrive alla mamma, nella speranza che la polizia entri e lo trovi prima del boia. Ma sa che sono gli ultimi istanti, che non c'è più tempo. "Ci ha preso" messaggia sempre alle 02.46, " la polizia "deve venirci a salvare". Mamma Mina ha chiamato gli agenti e si è precipitata davanti al Pulse. Vede che cosa sta succedendo, il caos, i feriti riusciti a scappare, la gente terrorizzata. Cerca di rassicurare il ragazzo con un ennesimo sms: "Ok, stanno arrivando... la polizia è dentro, fammi sapere quando vedi la polizia". Sono le 02.49. Eddie riesce a rispondere alle 02.50: "Sbrigatevi, lui è nel bagno con noi". "Nel bagno delle donne", precisa ancora. Poi il silenzio. E infine la morte.

Infatti, Eddie Justice è una delle vittime della follia omicida di Omar Mateen, insieme ad altre 49 persone. A riferirlo, la polizia locale che ha identificato finora 15 vittime.