Pakistan: cristiano di 18 anni rischia la pena di morte per un like su facebook

Un giovane cristiano di 18 anni, in Pakistan, è stato arrestato con l'accusa di blasfemia per aver postato una foto su facebook, ora per il ragazzo c'è il rischio della sentenza capitale. SOSTIENI QUI

La legge contro la blasfemia continua a colpire in Pakistan e questa volta, a finire in carcere e a prepararsi ad un processo che prevede anche come sentenza definitiva la pena di morte, è un ragazzo di soli 18 anni. Accusato di blasfemia, a 15 anni si taglia la mano

Nabeel Cohan, è un giovane cristiano del Punjab che è stato denunciato dai suoi amici per avere messo un like su facebook e aver condiviso una foto della Khana-e-Kaaba, la costruzione sacra al centro della moschea della Mecca. L'immagine è stata però considerata offensiva e così subito sono scattate le manette e il giovane è stato condotto in carcere. Il ragazzo che continua ad essere trattenuto in galera è incolpato di ''offesa ai sentimenti religiosi islamici e dissacrazione di un luogo religioso''. Il mondo cristiano e le associazioni legali si sono mobilitate per cercare di risolvere la questione in tempi brevi, sapendo anche che le conseguenze di un'accusa di blasfemia possono essere drammatiche. Il timore inoltre, è che all'arresto possa seguire anche la rabbia delle frange più radicali della popolazioni e quindi c'è la paura che possano verificarsi linciaggi o assalti al villaggio dove vive il ragazzo insieme ad altre 30 famiglie cristiane.

La legge sulla blasfemia continua ad essere una piaga nella società pachistana. Oltre ad essere uno strumento arbitrario di giudizio e di accusa è anche il mezzo attraverso il quale le minoranze indù e cristiane vivono subordinate e sono costrette a svolgere i lavori più umili restando ai margini della società. Attualmente poi, con la diffusione dei social network, sempre di più sono i casi di blasfemia digitale e ad essere vittime dell'accusa sono soprattutto i giovani.

CRISTIANI SOTTO TIRO: SOSTIENI IL REPORTAGE
Vogliamo continuare a raccontare con gli Occhi della guerra le drammatiche storie dei cristiani sotto attacco nel mondo. In Africa e nel Medio Oriente, ma anche nelle nostre città e ovunque i cristiani siano un bersaglio. Abbiamo bisogno anche di te. www.occhidellaguerra.it/projects/cristiani-sotto-tiro/​
www.gliocchidellaguerra.it

Commenti
Ritratto di nando49

nando49

Sab, 24/09/2016 - 14:05

E noi continuiamo ad accogliere questa gente che ammazza i cristiani.

CesareGiulio

Sab, 24/09/2016 - 14:29

Ma siamo nell anno 1000! .... ma nooo c' é facebook!!!!!

Ritratto di viperainseno

viperainseno

Sab, 24/09/2016 - 15:20

un altro socio americano al quale è stato consentito di armarsi a dismisura con ordigni nucleari. Bella roba!!! c'è da andare fieri dei nostri alleati occidentali.....

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 24/09/2016 - 16:23

BERGOGLIIO NON DIRA' MAI NULLA

VittorioMar

Sab, 24/09/2016 - 16:28

...i Cristiani sono Martiri!!...I Musulmani tutti assassini!!