Palmira, trovata fossa comune con 25 decapitati

La fossa è stata rinvenuta nel quartiere di Masaken al Yahizia, alla periferia nordest della città, che si trova nella provincia centrale di Homs

Nuovo capitolo nell'orrore senza fine dell'Isis. Le milizie siriane, i cosiddetti Gruppi di difesa nazionale, a Palmira hanno trovato una fossa comune con i cadaveri di 25 persone. Fra questi vi sarebbero anche tre bambini e due donne, decapitati dal gruppo terroristico Stato islamico. Lo riferiscono fonti sul terreno all'agenzia di stampa siriana Sana, aggiungendo che i corpi riportavano anche segni di tortura.

La fossa è stata trovata nel quartiere di Masaken al Yahizia, alla periferia nordest della città, che si trova nella provincia centrale di Homs ed è stata ripresa dalle autorità di Damasco domenica scorsa, dopo combattimenti con i miliziani del sedicente stato islamico, che la controllavano dal 20 maggio dell'anno scorso.

Commenti

manente

Ven, 01/04/2016 - 20:57

Ancora peggio dei criminali dell'Isis, sono i Travaglio, Saviano, Lerner ed i cialtroni della stampa "progressista" che subdolamente fiancheggiano i tagliagole e gli stati canaglia che li hanno creati e li finanziano.

Tuthankamon

Ven, 01/04/2016 - 23:01

Probabilmente sono Cristiani e quindi NON sono di interesse per l'opinione pubblica, l'ONU, la UE ....

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 02/04/2016 - 04:34

Credo che siano cristiani, martiri della follia islamica, religione di pace, amore e misericordia, dicono. Ma quel soggetto col camicione bianco ha nulla da dire? Si lui, proprio lui, quello che abita oltre Tevere.

Ritratto di Joker2

Joker2

Sab, 02/04/2016 - 09:00

Figuriamoci che quei criminali, dopo aver commessi quelle stragi, sarebbero anche sfuggiti ai controlli e rientrati in Europa in mezzo a noi e li aiutiamo anche dandogli casa e soldi per colpa di certa politica dei pagliacci e dei ladroni!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 02/04/2016 - 10:25

Si attende con ansia la consueta smentita "bufaliera" del Raoul nazionale.