Il Papa in Egitto senza l'auto blindata: il programma del viaggio

Per i suoi spostamenti al Cairo, il 28 e 29 aprile, Papa Francesco utilizzerà un'auto chiusa ma non blindata. Lo ha detto il portavoce della Santa Sede, Greg Burke

Papa Francesco ha deciso: niente auto blindata in Egitto, paese che visiterà il 28 e 29 aprile. Il pontefice, come fa sapere il portavoce vaticano Greg Burke, si sposterà a bordo di una normale auto, chiusa ma non blindata, come da lui stesso voluto. ''La sicurezza, mai come nel passato, è oggi un problema che investe un po' tutto il mondo - osserva Burke - il Medio Oriente come l'Europa e gli Usa però, la volontà del Papa è di andare comunque avanti ed essere presente come segno di vicinanza. Viviamo in un mondo in cui la mancanza di sicurezza è un elemento che fa parte della vita quotidiana, ma non parlerei di preoccupazione per il viaggio del pontefice in Egitto: andiamo avanti con serenità''.

Il programma del viaggio

"L’itinerario - informa Burke - sarà Roma-Cairo-Roma. La prima tappa al Palazzo presidenziale, dove ci sarà l’incontro privato con il generale Al-Sisi e lo scambio dei doni. Poi il momento tanto atteso della visita all’Università di Al-Azhar, il 'Vaticano dell’Islam', dove il santo Padre arriverà alle ore 15 per un incontro privato con il grande imam Ahmed Al-Tahyeb, per poi partecipare alla Conferenza internazionale per la pace, alla quale Francesco prenderà la parola.

"Il Papa - prosegue il portavoce vaticano - parlerà alle 16 dopo il grande imam: non apre e non conclude, partecipa". È prevista la presenza anche di Bartolomeo I, il patriarca ecumenico di Costantinopoli che già accompagnò Francesco anche a Lesbo l’anno scorso e nel 2014 in Terra Santa. Alle 16,40 si terrà l’incontro con le personalità della politica, dell’economia e della cultura: 1000 persone. Alle 17,20, probabilmente di nuovo con Bartolomeo I, Francesco si recherà al Patriarcato Copto dal Papa Twadros II, e da lì raggiungeranno insieme la chiesa di S. Pietro per pregare per i cristiani uccisi. Prima di entrare lasceranno fiori e accenderanno ceri. Al rientro in nunziatura, prima e dopo cena Francesco vedrà gruppi di fedeli cattolici: i bambini della scuola comboniana al suo arrivo, e prima di ritirarsi a riposare i ragazzi arrivati in pellegrinaggio da altre località dell’Egitto.

Il giorno dopo alle 10 allo Stadium dell’Aeronautica militare, la messa, che pur essendo sabato mattina vale per la domenica. Qui è previsto il giro in golf-car tra i fedeli. E dopo la messa un pranzo con i vescovi. Poi alle 15 l’incontro con sacerdoti, seminaristi e suore (500 persone che rinnoveranno insieme le promesse della vita consacrata). In tutto cinque discorsi. Il Papa parlerà in italiano ma ci saranno traduzioni simultanee. Il motto del viaggio è "Il Papa della pace nell’Egitto della pace". Burke ha risposto anche a una domanda sul caso di Giulio Regeni sottolineando che pur essendo "fondamentalmente una questione tra due stati, la Santa Sede quando può viene incontro a questioni umanitarie come questa, ma con la massima discrezione. Opera in modo tranquillo e efficace". E in ogni caso "il Papa è consapevole e ha pregato per lui e partecipa nel dolore della famiglia". Per Greg Burke, infine, non c’e da preoccuparsi neppure che il viaggio sia utilizzato politicamente. "Ogni viaggio - ha detto - è diverso dall’altro. Per noi è importante questo viaggio in un momento difficile per i cristiani del Medio Oriente".

Bergoglio e il caso Regeni

Il Papa parlerà del caso Giulio Regeni al presidente Al Sisi, rispondendo all'appello dei genitori del ragazzo? "Non lo so - risponde Burke -. Ma questa fondamentalmente è una questione tra due Stati. Il Papa naturalmente è consapevole del caso e partecipa al dolore della famiglia. In situazioni simili la Santa Sede, quando può, viene incontro intervenendo per motivi umanitari, ma lavora con la massima discrezione anche per rispetto di tutte le parti coinvolte".

Commenti

aredo

Lun, 24/04/2017 - 16:06

Tanto è molto difficile che possano sparargli o farlo esplodere. E' un terrorista come loro, un vero compagno comunista criminale che si spaccia per essere divino.

angelovf

Lun, 24/04/2017 - 16:17

A questo papa i tagliamole non lo toccano, gli ha dimostrato che è loro amico, dandogli la possibilità ad arrivare sino a noi con le grandi navi, che il nostro governo autorizza a scaricare in italia, nonostante battono bandiere di altri stati. Non state in pensiero per chi del cristianemo non se ne fotte, la sua religione è l'Islam, spero che vada via presto, se deve ingannare questo popolo.

Angelo664

Lun, 24/04/2017 - 16:17

Mah ... il rischio martirio in quella terra è alto. Andare in giro così sperando che gli attentatori possibili siano tutti in vacanza è azzardato. Le masse arabe sono masse ignoranti e rozze, facilmente manipolabili. Se riuscisse a fare il miracolo di convertirli tutti al cristianesimo non sarebbe male. Temo però il contrario.

NickByte

Lun, 24/04/2017 - 16:18

ma dai ... accendete i 2 neuroni che vi restano ... perchè mai dovrebbero colpire quello che li fa entrare in europa .... sono islamici, non sono mica scemi con l'anello al naso e la sveglia al collo ...

fifaus

Lun, 24/04/2017 - 16:25

aredo: condivido e mi accontenterei se rimanesse con i suoi amichetti.

Renee59

Lun, 24/04/2017 - 16:28

Per quale motivo dovrebbero far del male al loro amico.

antonmessina

Lun, 24/04/2017 - 16:29

va a trovare i suoi capi?

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 24/04/2017 - 16:31

nella storia millenaria della chiesa non si era mai visto un gesuita che volesse diventare santo .

Ritratto di libere

libere

Lun, 24/04/2017 - 16:47

E' il libero arbitrio. Se il Papocchio intende dare una mano alla Provvidenza scorrazzando con la cabriolet sono fatti suoi. Importante è che si porti a compimento il martirio.

Vigar

Lun, 24/04/2017 - 16:47

Non credo che rischi molto. Ma chissà....le vie del Signore sono infinite!

VittorioMar

Lun, 24/04/2017 - 17:02

...NON E' QUESTO "IMAM" DA INCONTRARE MA,COME FECE SAN FRANCESCO ,IL "FEROCE SALADINO AL-BAGHDADI" !!!

Rodolfo89

Lun, 24/04/2017 - 17:08

Fosse vero . . .

moshe

Lun, 24/04/2017 - 17:10

che eroe, con migliaia di poliziotti che lo difendono

pier1960

Lun, 24/04/2017 - 17:11

tra colleghi non si toccano, anzi...ognuno ha il proprio gregge di pecoroni da mungere per continuare a vivere nel lusso senza lavorare...

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 24/04/2017 - 17:12

di cosa dovrebbe avere paura??? non ci diceva che i musulmani sono anche nostri fratelli??

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 24/04/2017 - 17:13

A scanso di equivoci,si è portato dietro il Corano,dopo averlo imparato a memoria.....

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 24/04/2017 - 17:21

Dei programmi di questo signore non potrebbe fregarmi di meno.

cir

Lun, 24/04/2017 - 17:40

angelo 664, anche io spero in un miracolo.....

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 24/04/2017 - 17:53

Ma chi lo tocca? È il loro cavallo di Txxxa.

pier1960

Lun, 24/04/2017 - 18:01

purtroppo ci frega perchè paghiamo tutto noi, come peraltro alle migliaia di membri del clero e della casta dei politici....ma a noi pecoroni ci propinano la champion, il cibo per i cani di cui sono piene le città, i cuochi super star, il gioco d'azzardo....swembriamo pinocchio nel paese dei balocchi, ma prima o pio cisarà un duro risveglio.....

baronemanfredri...

Lun, 24/04/2017 - 18:08

E CHI TOCCA IL LORO PIU' CARO AMICO IN ITALIA? SAREBBERO PAZZI HANNO UN POTENTISSIMO AMICO. MA FACCIAMO I SERI. SE VERAMENTE LO VOLEVANO AMMAZZARE VI SONO STATE OCCASIONI MIGLIORI A ROMA O VICINANZE DI ROMA. CHI VUOLE APRIRE LE PORTE A MILIONI DI PEDOFILI? DON CICCIO E ALLORA SE NON E' LUI IL LORO MIGLIORE ALLEATO CHI DOVEVA ESSERE IL VERO PAPA RATZINGER O, SE VIVEVA GIOVANNI PAOLO II? DON CICCIO FAI IL SERIO NON SIAMO NATI NEI DESERTI DEI TUOI AMICI E PROTETTI

baronemanfredri...

Lun, 24/04/2017 - 18:11

E CHI TOCCA IL LORO PIU' CARO AMICO IN ITALIA? SAREBBERO PAZZI HANNO UN POTENTISSIMO AMICO. MA FACCIAMO I SERI. SE VERAMENTE LO VOLEVANO AMMAZZARE VI SONO STATE OCCASIONI MIGLIORI A ROMA O VICINANZE DI ROMA. CHI VUOLE APRIRE LE PORTE A MILIONI DI PEDOFILI? DON CICCIO E ALLORA SE NON E' LUI IL LORO MIGLIORE ALLEATO CHI DOVEVA ESSERE IL VERO PAPA RATZINGER O, SE VIVEVA GIOVANNI PAOLO II? DON CICCIO FAI IL SERIO NON SIAMO NATI NEI DESERTI DEI TUOI AMICI E PROTETTI PECCATO CHE NON SI PORTERA' DIETRO IL DIRETTO DELLA CEI, PECCATO DUE PICCIONI CON UNA FAVA

pardinant

Lun, 24/04/2017 - 18:13

Avrà anche una protezione Divina, sara pure fondamentalmente di sinistra e pervaso da giusto buonismo, ma in un Paese Arabo senza le giuste precauzioni al suo posto non ci andrei. In ogni caso non si può negare che abbia coraggio o non sia sostenuto dalla fede e questo gli deve essere riconosciuto anche da chi non crede, altrimenti è ipocrisia.

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Lun, 24/04/2017 - 18:16

..... Papy Bellimbroglio vuole stupiscere lo Munno...una vera Star.. ......come il doppiobrodo.....lol

Tarantasio

Lun, 24/04/2017 - 18:36

spero non vada là solo per incrementare gli ingressi illegali e dare assicurazioni sulla benevolenza del vaticano in cambio di protezione per copti e cattolici

moshe

Lun, 24/04/2017 - 18:43

sarebbe bello ricordarlo come un santo martire, ma dai suoi fratelli musulmani non ha niente da temere!

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Lun, 24/04/2017 - 19:12

a merdoglio non serve l'auto blindata, lui è protetto dallo spirito santo

Anonimo (non verificato)

diesonne

Lun, 24/04/2017 - 19:34

diesonne non ò necessario pubblicizare prima-si fa è basta,caro papa

Ritratto di nonnoFelicetto..

nonnoFelicetto..

Lun, 24/04/2017 - 19:41

ma cosa ha può mai temere l'imam bergoglio in visita dai (suoi) fratelli musulmani in egitto?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 24/04/2017 - 19:43

Ormai l'hanno proclamato loro imam e gran visir, non ha più nulla da temere, dopo le dimostrazioni che dato, non ci sono dubbi di sorta, da che parte stia. Vedete che neppure l'Isis parla più di attaccare il Vaticano e Roma? Ormai lo considerano un fedele alleato.

Ritratto di ottimoabbondante

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Una-mattina-mi-...

Lun, 24/04/2017 - 21:06

E PERCHE' MAI DOVREBBERO FARGLI UN ATTENTATO, E' IL LORO MIGLIOR ALLEATO !!!!!

MLADIC

Lun, 24/04/2017 - 21:26

Fosse la volta buona che lo incassettano...

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Lun, 24/04/2017 - 21:29

Tra delinquenti difficilmente ci si azzanna. Franceschiello tra questi assassini non corre alcun rischio. I rischi tra un po li correrà in Italia insieme ad un clero becero e marcio.

vottorio

Lun, 24/04/2017 - 21:53

chissà che non vada a raggiungere Giulio Regeni per somministrargli di persona i sacramenti.

piazzapulita52

Lun, 24/04/2017 - 21:56

Qualunque commento su questo individuo è inutile! Sarebbe solo tempo, parole e fiato sprecato!

Mefisto

Mar, 25/04/2017 - 00:40

Può andare anche a piedi, è come fosse a casa sua...

Giorgiopin

Mar, 25/04/2017 - 07:15

e chi lo tocca laggiu? è uno di loro....

Accademico

Mar, 25/04/2017 - 07:18

Francesco non è "solo" un papa. Non è un eroe. E' molto di più. E' un Giusto. Che non ha bisogno di amare per calcolo, ma solo in quanto portatore autentico del messaggio di Cristo. Francesco sembra l'interprete, forse il protagonista, se non addirittura l'autore ancor oggi ignoto, di quel "De Imitatione Christi" che, dopo la Bibbia, è il testo più diffuso di tutta la letteratura cristiana occidentale. Francesco, infatti, nella "Imitazione" in argomento è animato da uno slancio spontaneo e irrazionale che lo porta verso l'altro, solo per volere sinceramente il suo bene. Francesco, che si porta in Egitto, forte del suo bisogno di donare e donarsi senza motivo, paradossalmente fa paura. Ecco perché tornerà sano e salvo da questa delicatissima missione. Francesco, per chi non l'avesse ancora capito, viaggia armato. Dell'arma invincibile della Carità.

Popi46

Mar, 25/04/2017 - 07:54

Ma quale sfida al terrorismo! Li sta aiutando a distruggere la cristianita' in occidente!

giancristi

Mar, 25/04/2017 - 08:25

Non ce ne frega niente di quello che fa Bergoglio!

giannide

Mar, 25/04/2017 - 09:26

Perchè non rinuncia anche alla scorta armata...