Papa Francesco incontra Aung San Suu Kyi: "Promuovere la pace"

Il Santo Padre incontra la leader birmana: "Mantenere e salvare i principi fondamentali. Il futuro per il Myanmar deve essere la pace. Bisogna rispettare ogni gruppo etnico"

Papa Francesco ha incontrato nel palazzo presidenziale la leader birmana Aung San Suu Kyi. Un incontro atteso da tempo, soprattutto dopo la crisi della minoranza musulmana dei Rohingya. La riunione, duranta una quarantina di minuti, aveva come centro quello della libertà religiosa nel Paese.

Questo tema era già stato toccato dal Pontefice durante l'incontro, intitolato "L'università nella diversità", con i religiosi del Paese che si è svolto nel refettorio dell'Arcivescovado. Dopo l'incontro con i leader religiosi e prima della celebrazione della messa in privato, il Papa ha incontrato brevemente il leader buddhista Sitagou Sayadaw. Per il portavoce vaticano Greg Burke, questa riunione "rappresenta lo sforzo di incoraggiare la pace e la convivenza fraterna come unica via da percorrere".

Francesco e il nodo dei cristiani birmani

Durante il suo intervento, papa Francesco ha sottolineato l'importanza della presenza della comunità cattolica nel Paese. Francesco ha inoltre esortato il governo a seguire la via del dialogo con tutte le minoranze. Come ha scritto Gian Micalessin su ilGiornale di oggi, "i cristiani birmani sono più di tre milioni e rappresentano la più importante minoranza religiosa in un paese largamente buddhista. Eppure nessuno ne parla. Neppure un Papa Francesco chiamato a testimoniare le sofferenze del suo gregge. Sofferenze non da poco visto che i cristiani, appartenenti in gran parte ai gruppi etnici Karen, Kachin e Chin sono stati perseguitati per oltre 50 anni, prima dalla spietata dittatura di Ne Win e, poi, dalla giunta militare ancora oggi al potere".

Vogliamo sostenere i cristiani perseguitati
Questi sono tre progetti, tutti con un unico obiettivo: non lasciare soli i cristiani di Aleppo
Può donare online o tramite bonifico.
Iban: IT67L0335901600100000077352 Banca Prossima
Causale: ilgiornale per i cristiani

Per conoscere i dettagli per sostenere i cristiani che soffrono, potete scrivere a info@gliocchidellaguerra.it

"Il popolo birmano soffre a causa dei conflitti"

Il popolo birmano "ha molto sofferto e tuttora soffre, a causa di conflitti interni e di ostilità che sono durate troppo a lungo e hanno creato profonde divisioni. Poiché la nazione è ora impegnata per ripristinare la pace, la guarigione di queste ferite si impone come una priorità politica e spirituale fondamentale", queste le parole di Papa Francesco, nel discorso ufficiale davanti a Aung San Suu Kyi. "La mia visita possa abbracciare l'intera popolazione del Myanmar e offrire una parola di incoraggiamento a tutti coloro che stanno lavorando per costruire un ordine sociale giusto, riconciliato e inclusivo - ha auspicato il Pontefice - Il Myanmar è stato benedetto con il dono di una straordinaria bellezza e di numerose risorse naturali, ma il suo tesoro più grande è certamente il suo popolo" (Guarda la gallery sul viaggio del Papa).

Il Santo Padre ha poi toccato uno dei temi a lui più caro: quello dei giovani. "Il futuro del Myanmar - ha detto Francesco - in un mondo in rapida evoluzione e interconnessione, dipenderà dalla formazione dei suoi giovani, non solo nei settori tecnici, ma soprattutto nei valori etici di onestà, integrità e solidarietà umana, che possono garantire il consolidamento della democrazia e della crescita dell'unità e della pace a tutti i livelli della società. La giustizia intergenerazionale - ha sottolineato il Pontefice - richiede altresì che le generazioni future possano ereditare un ambiente naturale incontaminato dall'avidità e dalla razzia umana. È indispensabile che i nostri giovani non siano derubati della speranza e della possibilità di impiegare il loro idealismo e i loro talenti nella progettazione del futuro del loro Paese, anzi, dell'intera famiglia umana".

Commenti

CidCampeador

Mar, 28/11/2017 - 12:24

a cominciare dai cristiani perseguitati in medioriente di cui lui non si cura

agosvac

Mar, 28/11/2017 - 12:26

Il Papa si preoccupa della minoranza islamica in quel paese. Forse perché la minoranza Cristiana non dando in alcun modo problemi al paese non è perseguitata, oppure perché delle minoranze Cristiane non gli importa un bel niente????? Ormai molti credono che il cuore di Papa Francesco batta più per gli islamici che per i Cristiani!!!

FRATERRA

Mar, 28/11/2017 - 12:27

......." È indispensabile che i nostri giovani non siano derubati della speranza e della possibilità di impiegare il loro idealismo e i loro talenti nella progettazione del futuro del LORO PAESE"....appunto, del loro paese, del loro paese....

dank

Mar, 28/11/2017 - 12:32

ma pensi alla minoranza di cristiani europei che non son padroni a casa loro e non vada a scocciare questa Santa Donna Meravigliosa che è Aung San Suu Kyi.

venco

Mar, 28/11/2017 - 12:42

Rispetto per le minoranze autoctone e non per quelle importate sappi Bergoglio.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 28/11/2017 - 12:44

.....specialmente dei suoi fratelli mussulmani. Dei cristiani massacrati gli frega poco.

Ritratto di .sarah

.sarah

Mar, 28/11/2017 - 13:01

peccato che ha bacchettato sàn suchì e non il generalone di turno, c'erano buone possibilità che se lo de-tenevano per un buon periodo di vacanza allà a miammàr

pinux3

Mar, 28/11/2017 - 13:05

"Durante il suo intervento, papa Francesco ha sottolineato l'importanza della presenza della comunità cattolica nel Paese."... praticamente IL CONTRARIO di quanto scrive Micalessin...Complimenti per la coerenza...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 28/11/2017 - 13:12

Viste le esibizioni del Bergoglio, si deve dire che "Lavora bene".

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Mar, 28/11/2017 - 13:13

accoglienza, solidarietà... buonismo. ma quanto ha rotto el papa?

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Mar, 28/11/2017 - 13:16

imam bergoglio. bell'affare per la Chiesa.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 28/11/2017 - 13:17

TACCIA questo agente del mondialismo. Liquidatore della chiesa. Ma quand'è che i pochi prelati non vendutisi ai massoni o ai sionisti si svegliano?

Koch

Mar, 28/11/2017 - 13:20

Il un paese largamente buddista e con tre milioni di cristiani Papa Tafazzi è ovviamente preoccupato per le minoranze musulmane !

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 28/11/2017 - 13:20

Lì sono buddhisti e le sue menzogne non le bevono.

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 28/11/2017 - 13:22

prova a pensare agli scandali sessuali, finanziari, a quelli dei tuoi vescovi palazzinari che sfruttano i soldi dei poveri a loro piacere, al lusso sfrenato, ai costi stratosferici del tuo girovagare in giro per il mondo ed alle migliaia di tuoi (forse) fratelli cristiani trucidati dai musulmani ... ... ... VEDRAI CHE POI NON AVRAI PIU' TEMPO DI PENSARE AI TUOI FRATELLI MUSULMANI !!!

Maura S.

Mar, 28/11/2017 - 13:30

Il santo padre......santo perché ?????? Quello di santo non ne ha neppure il sentore.

Ritratto di hardcock

hardcock

Mar, 28/11/2017 - 13:35

L'unica cosa che interessa al truffatore, ripeto, eletto dai suoi sodali sono le immense ricchezze della Cina. Evidentemente sa che la Cambogia aderisce al patto Mekong Tie con cui i paesi del Mekong hanno stipulato accordi con la Cina. Birmania, Cambogia, Laos e Vietnam. Circa 400 milioni di abitanti che rifiutano le religioni uniti a 1,5 miliardi di cinesi fanno gola e siccome la Cina probisce l'ingresso alle religioni. Il furbo sta cercando l'ingresso di servizio per intrufolarsi e cosi' depredare come fanno in tutti i paesi che li hanno accolti. Mao Li Ce Linyi Shandong China

Malacappa

Mar, 28/11/2017 - 13:39

Sai quanto le frega alla Birmania

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 28/11/2017 - 13:40

guarda piuttusto in Vaticano quanti pedofili ci sono..

Ritratto di hardcock

hardcock

Mar, 28/11/2017 - 14:10

Pregate il "santo padre" e tutti i santi anche gli ultimi come Giovanni Paolo II che tralasciando le tante monachelle polacche addette alla sua persona esportava denaro facendolo cucire negli orli delle suddette monache che dopo averlo soddisfatto tornavano in patria. Davvero un comportamento da sant'uomo Mao Li Ce Linyi Shandong China

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 28/11/2017 - 14:38

I Birmani delle omelie dell'Imam di bianco vestito faranno un uso igienizzante. Prima di azionare lo sciacquone.

alkhuwarizmi

Mar, 28/11/2017 - 14:47

Questo incredibile Papa sinistro sudamericano che si reca in un Paese a larghissima maggioranza buddista, in cui i Cristiani sono da decenni perseguitati, e sui quali non spende una sola parola, per perorare la causa di un'esigua minoranza di immigrati musulmani. Non si trovano quasi più parole per significare la follia di Bergoglio.

Trinky

Mar, 28/11/2017 - 15:19

Speriamo che si tengano lui e la sua cricca.......

nopolcorrect

Mar, 28/11/2017 - 15:28

Ormai del cristianesimo come tale non gliene frega più niente. Con la scusa delle minoranze e dei migranti pretende di comandare in tutto il mondo. E' proprio vero allora che "cummannari è megghiu che futtiri"!

gneo58

Mar, 28/11/2017 - 16:16

il pagliaccio biancovestito ha cominciato il tour natalizio.

Tarantasio

Mar, 28/11/2017 - 16:20

i suoi amici l'hanno spedito laggiù in qualità di esperto per fomentare guai

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 29/11/2017 - 01:27

Dovrebbe rima andare in afghanstan, Yemen, Siria, Iraq, Iran, Turchia, eh...ce sono prima con urgenze maggiori. Ci vada.

Ramsmeat

Mer, 29/11/2017 - 01:37

In Cina c'è la religione del capital-comunismo dove lavori come formiche e devi obbedire. Bella storia.