Paraguay, parlamento assaltato e dato alle fiamme

Irruzione all'interno del parlamento del Paraguay contro la riforma della Costituzione, voluta dal presidente Horactio Cartes, che apre la strada al suo secondo mandato

La riforma della Costituzione che apre la strada alla rielezione del presidente del Paraguay, Horactio Cartes, scatena una violenta protesta di piazza, soprattutto nella capitale Asuncion. Gli oppositori alla riforma hanno assaltato il parlamento, buttando giù le barriere metalliche poste dalla polizia a protezione dell'edificio ed appiccando le fiamme all'interno del palazzo. L'incendio è stato domato solo dopo una-due ore, come ha reso noto il giornalista del Pais, Santi Carneri, intervistato dalla Bbc. Decine i feriti negli scontri, fra cui esponenti politici e agenti di polizia. Il ministro degli Interni, Miguel Tadeo Rojas, poco dopo l'apice degli scontri ha spiegato che le forze di sicurezza sono state costrette a reagire con gli idranti e i proiettili di gomma, per disperdere la folla.

La Costituzione varata in Paraguay nel 1992, dopo 35 anni di dittatura, limitava il potere del presidente a un unico mandato di cinque anni. Ma Cartes, il cui mandato termina il prossimo anno, sta provando a rimuovere tale vincolo con un emendamento che autorizza un secondo mandato.

La manifestazione di piazza si è scatenata mentre 25 senatori, la maggioranza, aveva approvato l'emendamento alla Costituzione che ora deve essere esaminato dalla Camera, dove però Cartes può contare su una solida maggioranza.

Nella sede del Partido Liberal Radical Autentico un giovane è morto per gli spari della polizia. Il presidente del partito, Efrain Alegre, ha raccontato che la polizia ha fatto irruzione "in modo barbaro" nei locali del partito, sparando contro i manifestanti.

Commenti

TruthWarrior1

Sab, 01/04/2017 - 09:11

Mi chiedo il motivo perché queste cose non avvengono in Italia con una classe politica contro il suo popolo, cornuta e corrotta fino al midollo??

Tarantasio.1111

Sab, 01/04/2017 - 09:14

Paraguaiani: gente con le palle...non come gli italioti.

Ritratto di mario bonelli

mario bonelli

Sab, 01/04/2017 - 09:26

Questo dovremmo fare anche noi.

antipifferaio

Sab, 01/04/2017 - 10:01

Italioti...prendete esempio...ma tanto a che serve se siete dei pavidi lecchini....tutto inutile!!!

lento

Sab, 01/04/2017 - 10:01

In Italia sarebbe molto piu' facile visto il numero ridotto delle forze dell'ordine ! !

DemyM

Sab, 01/04/2017 - 10:13

Qualche "paragone" con il referendum renziano ?

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Sab, 01/04/2017 - 10:39

Il popolo esasperato assalta il parlamento? Prepariamoci a cose simili anche dalle parti dell'Europa...

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 01/04/2017 - 11:02

Che poveretti questi che godono delle imprese degli altri, come gli impotenti si crogiolano nel voyeurismo. Ma cosa sapete del Paraguay e delle motivazioni vere del malcontento, a parte un riassuntino di poche righe del Giornale? Nulla. Siete solo dei perdenti cronici in mutande e canotta dietro una tastiera al caldo del salotto di casa, che si rifocillano con le azioni e il coraggio altrui. Che tristezza.

giovanni951

Sab, 01/04/2017 - 11:31

dovremmo farlo anche noi....purtroppo ogni giorno c'è una partita di calcio....

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 01/04/2017 - 12:02

Un sogno. Spero prima di andarmene di vivere un giorno cosi', in itaglia ovvio.

Tobi

Sab, 01/04/2017 - 12:10

si tratta di rivolta spontanea oppure è uno dei soliti colpi di stato macchinati dagli USA in America latina? Il governo statunitense aveva già patrocinato il golpe di Stato in Paraguay, contro Fernando Lugo, nel 2012. I paesi dell'America latina hanno enormi ricchezze petrolifere, minerarie, e non ultime dell'agricoltura (appetitose per le multinazionali soprattutto per le coltivazioni OGM). Ma spesso le risorse dei suoli delle nazioni paradossalmente si trasformano in maledizioni per i popoli che vi abitano. Fanno appetito a nazioni potenti e prepotenti.

Tobi

Sab, 01/04/2017 - 12:14

TruthWarrior1, non preoccuparti, le rivolte in Italia le abbiamo avute anche di recente. Quella "popolare" contro Bettino Craxi e prima ancora quella più spiccia contro Aldo Moro mediante le brigate rosse (nel ruolo di utili idioti). Entrambe le rivolte furono pilotate dall'estero.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 01/04/2017 - 13:57

Meno male che qui c'è uno che sa TUTTO del Paraguay, altrimenti come faremmo a venire da Lui ERUDITI!!! Dai raccontaci!!!lol lol.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Sab, 01/04/2017 - 14:48

Visto come si fa? Si fa così !

Ritratto di cape code

cape code

Sab, 01/04/2017 - 14:56

Pravda99..il sinistrato superuomo che combatte il male in tutto il mondo....come no...ahahah poveri sinistrati, ormai a voi pirlotti non rimane che infestare la sezione commenti dei giornali distanti politicamente anni luce da voi come se foste dei Soloni...a me sembrate delle sole piu' che altro...ahaha

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 01/04/2017 - 15:04

@pravda. Parlami un po' del Venezuela con governo comunista dove quel tamarro di Maduro ha esautorato di tutti poteri il parlamento instaurando una dittatura. Dove la gente non ha nulla da mangiare e non ci sono neppure le aspirine. Dove manca il carburante mentre stanno sopra un mare di petrolio. In Paraguay é la stessa minestra del Venezuela. Io abito in Sudamerica e seguo da vicino le vicende.

Malacappa

Sab, 01/04/2017 - 15:21

Cosi si fa entrare al parlamento e a pedate cacciare fuori tutti i traditori che hanno ridotto la patria un letamaio,W L'ITALIA.

ziobeppe1951

Sab, 01/04/2017 - 15:51

pravda99...babbeo..preoccupati solo delle scie chimiche..