Parigi, giallo sul passaporto "simile" dell'uomo arrestato in Serbia

Secondo il premier serbo i due documenti non sarebbero affatto identici

Migranti in attesa di entrare nel campo profughi di Presevo, in Serbia

C'è ancora molta confusione sul passaporto di uno dei terroristi coinvolti negli attacchi a Parigi di venerdì. È arrivata oggi, dalla Serbia, la smentita di un arresto di cui si era parlato nei giorni scorsi, in cui sarebbe stato fermato un uomo con un documento praticamente identico, se non per la foto.

La tesi degli inquirenti era che entrambi i documenti fossero falsi: quello del terrorista e quello dell'uomo messo in manette nel campo profughi di Presevo. Il premier Aleksandar Vucic sostiene però che sul passaporto dell'uomo non ci fossero gli stessi dati. Il passaporto recuperato a Parigi identifica un uomo come Ahmed Mohammad.