Parigi, nella rivendicazione dell'Isis la voce di un noto jihadista francese

Secondo gli inquirenti a leggere quel messaggio è Fabien Clain. Si ritiene che l'uomo sia a Raqqa

C'è un dettaglio, nel messaggio diffuso dall'Isis all'indomani degli attentati di Parigi, che potrebbe tornare utile agli inquirenti. La voce dell'uomo che legge la rivendicazione potrebbe rivelarsi un indizio in più di come il colpo sia stato pianificato in Siria.

A dirlo sono indiscrezioni raccolte dallo Spiegel, secondo cui la voce che parla nel messaggio sarebbe quella di Fabien Clain, cittadinanza francese e noto per le sue posizioni radicali, che attualmente si troverebbe a Raqqa, capitale de facto del sedicente Stato islamico.

Su posizioni islamiste da oltre un decennio, vicino a Mohammed Merah, l'attentatore di Tolosa, Clain farebbe parte di una cellula impegnata nella produzione di materiale propagandistico per l'Isis e nella sua distribuzione sui canali online.

Secondo gli inquirenti il messaggio sarebbe stato prodotto in un'area controllata dagli estremisti e lì tradotto in diverse lingue. Nella rivendicazione anche Jean-Michel Clain, fratello 35enne di Fabien. Sua sarebbe la voce che canta il nasheed che accompagna il messaggio. Si troverebbe in Siria dal febbraio 2014.

Commenti

little hawks

Mar, 17/11/2015 - 18:20

E comunque questi banditi vivono nel mezzo degli altri mussulmani che li difendono e li proteggono.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 18/11/2015 - 04:27

Inutile che dicano: gli islamici non sono tutti uguali. Vedetevi un po' il filmato relativo alla partita di calcio tra Grecia e Turchia ad Ankara. Il minuto di silenzio é stato accolto dagli spettatori turchi con bordate di fischi ed all'unisono si é udito il coro gridare '' hallah u akbar''. Poche palle. Chi crede alla frottola che esistano mussulmani buoni e mussulmani cattivi non ha capito un ciufolo.

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 18/11/2015 - 06:29

QUESTI DELINQUENTI MUSSULMANI, SI COPRONO UNO CON L`ALTRO, PROPRIO COME I FASCIO-SOCIAL-COMUNISTI, CHE SI SPACCIANO PER DEMOCRISTIANI, AL GOVERNO ITALIANO!!! E giustamente sono questi Democristiani che li assecondano e li difendono.