Il piano di Russia e Francia ​per annientare il Califfato

Putin e Hollande avviano una maggior collaborazione per contrastare i terroristi in Siria, salvaguardando le postazioni dei ribelli moderati

Putin e Hollande durante l'incontro al Cremlino

L'abbattimento del Sukhoi russo al confine tra Siria e Turchia avrebbe potuto generare un'escalation di violenza in Medio Oriente. Così, però, non è stato: Putin ha mantenuto la calma davanti a quella che è parsa subito una provocazione di Ankara e ha deciso di tendere la mano ad Hollande per combattere assieme il terrorismo.

Secondo quanto ha reso noto il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, il presidente russo ha chiesto alla Francia di disegnare una mappa delle aree siriane dove operano i gruppi che stanno combattendo l’Isis in modo da non bombardarli.

Durante l'incontro al Cremlino, Putin e Hollande hanno inoltre concordato di avviare operazioni scambio di intelligence sull’Isis e gli altri gruppi ribelli, Al Nusra in primis, in modo da migliorare l’efficacia dei loro bombardamenti.

"Ci ha chiesto -ha spiegato Fabius- di definire una mappa delle forze che non sono terroristi e che stanno combattendo il Daesh (acronimo arabo per Isis). Si è impegnato a non bombardare quelle zone una volta che gliele avremo indicate".

Il ministro degli esteri francesi ha aggiunto che l’obiettivo immediato per Francia e Russia nelle prossime settimane sarà di liberare Raqqa, la roccaforte dell’Isis in Siria ("Il centro neurologico del Daesh, dove gli attentati, soprattutto quelli in Francia, sono partiti") e colpire le infrastrutture petrolifere controllate dal gruppo.

Fonti francesi hanno illustrato la possibilità di schierare forze speciali, una misura che è stata discussa martedì anche con il presidente americano, Barack Obama. Questo il quadro delle relazioni tra Francia e Russia fino ad oggi.

Ma Putin punta anche a creare un vasto fronte anti-Isis che preveda la collaborazione russa con la coalizione internazionale a guida degli Stati Uniti.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Ven, 27/11/2015 - 13:01

I beduini tagliagole in nero stanno per chiudere i battenti.

agosvac

Ven, 27/11/2015 - 13:03

Questa di distruggere il petrolio dell'isis è la cosa giusta da fare! Intanto di toglie all'isis una bella fonte di soldini ed in più si toglie alla Turchia un approvvigionamento di petrolio a basso costo!!!

Gioa

Ven, 27/11/2015 - 13:27

MA QUALE DISTENZIONE...VLADIMIR SE TI DISTENTI CON STI TURCHI VUOL DIRE "DISTENDERSI PER SEMPRE". ESSRE DISTENZIVI CON QUESTI SOGGETTI DALLA MEMORIA CORTA QUANDO GLI PARE VUOL DIRE ANCHE SE INDIRETTAMENTE "AMARLI". MAI ABBASSARE LA GUARDIA...SPECE SE STI "SOGGETTINI TURCHI" HANNO CHI ALLE SPALLE OLTRE TOPO GIGIO CHE LI PROTEGGE, ANCHE COLORO CHE NON "ANNUNCIATI APERTAMENTE" DALLA LORO POSIZIONE "DI COPERTURA" E PER NIENTE INSOSPETTABILE CHE POSSOA ESSERE ISTITUZIONE O NO, ESISTONO E SI PERMETTONO DI OLTREPASSARE IL "CONFINE DELLA LIBERTA' NOSTRA, ITALIANI O EUROPEI...QUANDO L'ITLAIA PER MEZZO DELL'UE, COMANDATA DAL PAROLAIO ARRIVA VINO A TOPO GIGIO....QUANDO LE POLTRONE ISTITUZIONALI POTREBBERO SERVIRE DA "COPERTURA"...L'ITALIA TRASVERSALMENTE MESSA IN UE... SE GLI DAI UN "DITO TI PRENDONO TUTTO IL CORPO"...ESEMPIO: MAFIA CAPITALE....QUANDO LA CORRUZIONE HA VIAGGIATO INDISTURBATA AD UN PASSO DAI "GRANDI SALOTTI DEL POTERE"....NON A CASO E NON E' FINITA!!.

Gius1

Ven, 27/11/2015 - 13:30

ci vorrebbero tanti putin nel mondo. Sangue freddo e intelligenza. Forse un po di dittatura ma fa bene l´interesse della Russia

alox

Ven, 27/11/2015 - 13:44

L'ISIS e' solo un pretesto! Putin ha gia' detto che non vuole soldati della coalizione internazionale in Siria in quanto non e' preoccupato per l'ISIS ma perche' Assad salta e verrebbero fuori prove di lagami fra Assad e ISIS! Anche con un intervento i tagliagole si mischierebbero con la popolazione civile e riappariranno quando la coalizione abbassera' la guardia (vedi IRAQ)!

VESPA50

Ven, 27/11/2015 - 14:10

Alox smetti di bere..non ti fa bene

alox

Ven, 27/11/2015 - 14:17

@Gius1 Interessi della Russia? Solo i Suoi di INteressi! Aspetta e vedrai...

fisis

Ven, 27/11/2015 - 14:55

L'intesa attuale tra Francia e Russia che si ricollga a un'alleanza già avvenuta in passato tra i due paesi, dimostra che anche l'Italia e gli altri paesi europei - non questa ue demente, serva delle banche - avrebbero un'occasione unica a portata di mano: associarsi alla Russia sia economicamente che politicamente. Gli stati europei avrebbero grandissime risorse tecnologiche e di know how da condividere con la Russia, che invece possiede sterminati territori, risorse energetiche inestimabili e ancora inesplorate (soprattutto in Siberia). Sarebbe una Nuova Frontiera bellissima e stimolante per un'Europa in via di disfacimento morale e sottoposta a un' invasione demografica, per di più islamica. Potrebbe nascere una formidabile federazione di stati dall'atlantico al pacifico, che competerebbe ad armi più che pari con Usa e Cina.