Portarei Ronald Reagan attaccata dagli hacker cinesi

Il Financial Times rivela che gli hacker cinesi hanno attaccato la portaerei americana Ronald Reagan, per ottenere informazioni e dati sulle manovre militari degli Stati Uniti

Da Wikipedia

Nel clima di Guerra fredda 2.0 assumono un ruolo sempre più importante le intrusioni informatiche. Il Financial Times rivela che gli hacker cinesi hanno attaccato la portaerei americana Ronald Reagan, per ottenere informazioni e dati sulle manovre militari degli Stati Uniti. Il giornale della City cita l'azienda di cyber sicurezza FireEye, secondo cui l'attacco sarebbe avvenuto lo scorso 11 luglio, il giorno prima che il tribunale dell'Aia si esprimesse contro le rivendicazioni di Pechino sul Mar cinese meridionale. Proprio in quel periodo la portaerei stava pattugliando l'area.

Ma come sarebbe avvenuto l'attacco? Gli hacker avrebbero spedito una serie di mail infettate dal malware Enfal a personale di governi stranieri in visita sulla Ronald Reagan. Il sistema, scrive il Financial Times, può essere utilizzato per copiare informazioni da un computer infetto o scaricare altri tipi di virus.

Secondo FireEye gli autori degli attacchi potrebbero essere gli stessi che in passato hanno tentato di compromettere le reti di difesa americane e quelle del Vietnam. Al momento non si sa se dietro l'attacco ci sia il governo di Pechino (o non si vuole ancora puntare il dito contro la Cina) né indicazioni che l'operazione sia andata a buon fine.

Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Ven, 21/10/2016 - 15:47

Sono curioso di sapere cosa farà lAmerica dopo aver annunciato il ciber attacco alla Russia.

wrights

Ven, 21/10/2016 - 17:34

Sono sicuri che le mail erano cinesi perché erano scritte in mandarino e non in inglese???? Come il presunto attacco degli hacker russi, sono solo supposizioni, non mi risulta che oltre le chiacchiere gli USA abbiamo mai fatto una protesta formale. Di proteste formali invece gli USA ne hanno ricevute diverse dai paesi "amici" della UE, che risultavano essere stati spiati, in molti, tranne l'Italia, perché perfettamente inutile, dove tutto viene comandato direttamente dagli USA e se gli manca qualcosa, gli viene fornito direttamente a semplice richiesta. Mi viene da pensare che tutta questa propaganda tramite media, serva per giustificare un'attacco degli USA tramite hacker ad altri paesi.

Ritratto di SAGITT33

SAGITT33

Ven, 21/10/2016 - 18:11

Forse altra bufala.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 21/10/2016 - 18:47

Vero o no? Non ha neanche più importanza... la stampa occidentale è già nel percorso della guerra. La stampa Bilderberg ormai demonizza Putin come già fece con Saddam, Gheddafi e ora Assad. Il solito schema: demonizzazione del nemico che è sempre l'aggressore contro che i nostri "liberatori" saranno costretti a "liberare" per ripristinare i diritti, la democrazia, ecc.

Cheyenne

Ven, 21/10/2016 - 19:40

gli usa hanno stufato

ziobeppe1951

Ven, 21/10/2016 - 23:55

Non avrei mai pensato di tifare per i cinesi