Portogallo, morto l'ex presidente Mario Soares

Lo storico leader socialista aveva 92 anni ed era ricoverato da settimane in un ospedale di Lisbona

È morto a 92 anni l'ex presidente del Portogallo e leader socialista, Mario Soares.

Lo storico leader socialista era ricoverato da un paio di settimane all'ospedale della Croce Rossa di Lisbona ed era entrato in coma nei giorni di fine anno.

Presidente della Repubblica per dieci anni, dal 1986 al 1996, è stato una delle figure politiche di spicco del socialismo portoghese ed europeo. Protagonista per 40 anni della vita pubblica del suo paese, Soares fu uno dei leader della transizione portoghese alla democrazia, dopo la "Rivoluzione dei garofani", che mise fine alla dittatura salazarista nel 1974 e riportò il paese alla libertà. La sua opposizione al regime gli era costata l'esilio e il carcere. Tra i fondatori del Partito socialista portoghese, fino a poco tempo fa ha preso parte attivamente al dibattito politico attraverso la fondazione che porta il suo nome. Soares fu capo del governo portoghese negli anni immediatamente successivi alla dittatura, tra il 1976 e il 1978 e poi tra il 1983 e il 1985, ministro degli Esteri e infine capo dello Stato per un decennio. Convinto europeista, sotto la sua presidenza il Portogallo avviò il negoziato che l'avrebbe portato a far parte della Comunità europea.

Commenti

Cheyenne

Dom, 08/01/2017 - 10:38

un grande personaggio che ha salvato il portogallo dal comunismo dello stalinista cunhal, come tutti I VERI SOCIALISTI, in Italia da Turati a Nenni a Pertini a Craxi a Lombardi tutti fieri anticomunisti