Pressing dell'Ungheria sulla Ue: "Torniamo alla pena di morte"

Il premier Orban evoca l’ipotesi di reintrodurre la pena di morte. Scoppia il putiferio a Bruxelles. Juncker: "Chiarisca o è scontro"

Il premier nazionalista ungherese Viktor Orban ha avanzato la possibilità di reintrodurre nel Paese la pena capitale. Una proposta che ha provocato l'immediata reazione dell'Ue. "Non c’è bisogno di discutere ovvietà - ha commentato il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker - siamo forti oppositori della pena di morte. Orban chiarisca subito che non è sua intenzione. Se lo fosse, ci sarebbe uno scontro".

L'ipotesi di reitrodurre la pena di morte è tornata a essere materiale di dibattito politico interno dopo l'assassinio di un giovane tabaccaio nel sud dell’Ungheria. Omicidio che ha suscitato rabbia e polemiche nel Paese orientale. Abolita nel 1990, la pena capitale è contraria alle regole comunitarie. "Tuttavia - ha sottolineato Antal Rogan, leader del partito Fidesz in parlamento - anche in un Paese membro dell’Ue, se l’opinione pubblica vuole avere la condanna a morte, allora un dibattito potrebbe essere sollevato a livello europeo".

Non la pensano così a Bruxelles. "Qualsiasi ritorno alla pena capitale .- ha affermato il deputato austriaco Joerg Leichtfried - è una barbarie e una violazione del diritto europeo". Il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, ha fatto sapere di aver chiesto un colloquio telefonico con Orban. Il premier ungherese, sotto pressione da parte dell’estrema destra euroscettica del partito Jobbik, non è nuovo a simili prese di posizione. Recentemente, di fronte al dramma dei migranti che muoiono a centinaia attraversando il Mediterraneo, aveva suggerito di internare i clandestini in campi di lavoro.

Commenti

Tuthankamon

Gio, 30/04/2015 - 14:18

In linea di principio per certi reati sono (sempre stato) d'accordo. PERO', NON con la magistratura italiana di oggi!! La vera barbarie non e' la pena di morte, e' il fatto che certi reati abietti non siano perseguiti pienamente!!

maurizio50

Gio, 30/04/2015 - 16:59

Il Premier ungherese ha ragione! Ma il problema, come detto da altri, per noi Italiani è la Magistratura che ,invece di giudicare secondo le leggi, giudica secondo il credo politico! Di lì la motivazione del perchè i reati patrimoniali contro i cittadini siano praticamente quasi sempre ignorati; al contrario delle vicende personali dei nemici politici per i quali si va a frugare anche ...tra le lenzuola!!!!!

VittorioMar

Gio, 30/04/2015 - 17:04

Bisogna sacegliere la vera pena di morte per un reato, processato e condannato o la morte morale della persona,della famiglia,parenti,amici solo per un titolo di un giornale?Tra le due preferisco quella fisica perchè eseguita dopo molti anni e revisione dei processi.Quella morale è immediata!!

maricap

Gio, 30/04/2015 - 18:41

"Qualsiasi ritorno alla pena capitale .- ha affermato il deputato austriaco Joerg Leichtfried - è una barbarie e una violazione del diritto europeo" - E il diritto dell'assassinato dove lo mettiamo? Perché il carnefice, deve sopravvivere alla sua vittima? Chi stabilisce, che la sua vita vale molto di più, di quella alla quale lui ha posto fine? Siamo nelle mani di gente senza palle, che da sempre ha sentenziato, che il torto è sicuramente del morto, sua è la barbarie, dato che si è fatto ammazzare.

uggla2011

Gio, 30/04/2015 - 18:48

L'Ungheria é un Paese democratico ed Orban é stato eletto con una larga maggioranza.Ogni Stato é sovrano e la reintroduzione della pena capitale é più che legittima.L'UE non esiste,tranne nella testa di burocrati nullafacenti lautamente pagati.Loro hanno Orban noi Renzie. Vedete un po' chi é meglio......ciascuno ha ciò che si merita come sempre.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 01/05/2015 - 00:39

Sono d'accordo con questo Orban. Purtroppo però noi abbiamo una magistratura inquinata dal sociologismo sinistroide che considera ECCESSO DI LEGITTIMA DIFESA QUALSIASI AZIONE OFFENSIVA CONTRO LA CRIMINALITÀ. Siamo nelle mani di stolti scriteriati che hanno depenalizzato molti reati PER SFOLTIRE LE CARCERI ED EVITARE LE SANZIONI DELL'EUROPA. L'ignoranza e la fellonia di pochi stanno uccidendo il paese.

karlettogd

Ven, 01/05/2015 - 05:26

Qualsiasi ritorno alla pena capitale .- ha affermato il deputato austriaco Joerg Leichtfried - è una barbarie e una violazione del diritto europeo ... Pero' cosi' pare che ci siano delle persone, per cosi' dire, che per rapina od altro ti ammazzano. Allora per loro va bene. Occhio per occhio dente per dente.

Anonimo (non verificato)

swiller

Ven, 01/05/2015 - 10:45

Sopratutto per i politici.

Raoul Pontalti

Ven, 01/05/2015 - 12:47

Ricordiamo a beneficio dei bananas che l'Unione europea esisterà come dice taluno solo nella testa degli euroburocrati, ma il divieto di applicare la pena di morte è contenuto nel XIII protocollo aggiuntivo della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali redatto dal Consiglio d'Europa (istituzione questa diversa dall'Unione europea, facendone parte anche RUS, TR, AZ, AM, GE, etc.). Applicare la pena di morte significa porsi al di fuori del Consiglio europeo, anche la Russia, che formalmente mantiene nel proprio ordinamento la pena di morte, l'ha di fatto abolita per non infrangere la CEDU, tutti gli altri paesi europei (eccetto la Bielorussia, unico paese fuori dal Consiglio d'Europa) hanno anche abolito formalmente la pena di morte. Ciò detto e precisato, i bananas possono sempre continuare a masturbarsi invocando la pena di morte per risolvere tutti i mali.

mila

Ven, 01/05/2015 - 17:46

@ Pontalti -Il Consiglio d'Europa non c'entra con l'Unione Europea, ma e' anche lui uno di quegli Enti di nessuna utilita', se non dannosi, che servono a togliere sovranita' agli Stati tradizionali. La Russia ci e' entrata, scommetterei ai tempi di Eltsin & Co, e Putin fa male a non uscirne. La pena di morte non risolve tutti i problemi (io preferirei un numero adeguato di anni di lavori forzati), ma e' anche vero che in Cina, cove c'e' tale pena per gli spacciatori, lo spaccio e l'uso di droghe e' molto piu' basso che nei Paesi occidentali.

Ritratto di filatelico

filatelico

Sab, 02/05/2015 - 11:50

L'UE è un fantasma, il Consiglio d'Europa non è MAI servito a qualcosa e un capiscione come il politico trombato Raoul pontifica anche sulla pena di morte !!! La sovranità appartiene ai popoli e i burocrati di Bruxelles non hanno nessun potere !!! NO UE NO EURO NO NATO !!!

NickByte

Ven, 24/07/2015 - 10:08

Chiedo Asilo Politico all'Ungheria ... mi sembra che siano gli unici che ragionano in questa europa di stupidi e banditi ...