Proposta in Germania: "Gli immigrati parlino tedesco anche in casa"

Gli alleati della Merkel: "Sei straniero? Devi parlare comunque tedesco, a casa e nei luoghi pubblici"

Sei straniero? Devi parlare comunque tedesco, a casa e nei luoghi pubblici. La Csu bavarese ha clamorosamente sbagliato il tiro. La proposta lanciata nei giorni scorsi dagli alleati di Angela Merkel ha sollevato un mare di polemiche in Germania, oltre all'indignazione di un'associazione turca che ha bollato l’iniziativa come "assurda". Lo era al punto che è bastato il fine settimana a far ritirare la bozza, che circolava fra i cristiano-sociali in vista del congresso di partito di fine settimana.

La Germania è ormai secondo paese d’immigrazione dopo gli Stati Uniti. Almeno 400mila gli stranieri presenti. E l'idea che si potesse imporre all’improvviso il tedesco anche in casa è stata travolta dalle critiche fino a un'esternazione della cancelliera che, in serata, a Colonia ha detto: "Una buona conoscenza del tedesco fa parte dell’integrazione, ma è un vantaggio quando i bambini possono crescere bilingue". E dunque "no", l’obbligo linguistico della Csu non fa parte del programma di governo. Non è la politica a dire in che lingua si debba parlare, aveva del resto liquidato la questione il partito precedentemente. Mentre l’Spd ha parlato di "proposta esilarante", naturalmente stroncandola.

"Ognuno deve parlare come vuole a casa sua", ha detto oggi il vice del partito promotore, Peter Gauweiler, uno dei falchi che hanno attaccato la Bce e il meccanismo di stabilità europea Esm davanti alla Corte costituzionale di Karlsruhe, in passato. L’idea di bandire nei fatti il turco, l’italiano o l’inglese dalle case degli immigrati è sembrata un eccesso difficilmente sostenibile pure a lui. E il capogruppo regionale ha ammesso come l’iniziativa fosse ancora acerba: "Dobbiamo lavorare meglio alla formulazione, l’esortazione a parlare tedesco non deve essere sentita come un obbligo ma come uno stimolo".

Mentre la Csu studia come riproporre la cosa, dopo questo imbarazzante passo falso, resta un elemento di osservazione: la presenza di Alternative fuer Deutschland, il partito degli economisti antieuro che raccoglie la simpatia degli estremisti di destra sollecitando gli egoismi nazionali in Germania, induce i conservatori a un riposizionamento. Era prevedibile, e sta accadendo. E anche se la cancelliera gode tuttora di un consenso strepitoso, l’Unione (Cdu-Csu) è dato, grazie a lei, fra il 40 e il 41%. Tanto che il rischio che anche la Cdu di Frau Merkel ceda alla tentazione di rimodulare i toni, spostandosi talvolta a destra, per tenersi stretti i consensi, esiste. Non sempre assecondandola si va lontano.

Commenti

Publio Sestio Baculo

Lun, 08/12/2014 - 21:20

Benissimo, allora cominciamo ad obbligare l'uso della sola lingua Italiana in trentino alto adige, ed adeguiamo le indicazioni stradali bilingui ! Visto che ci siamo affidiamo incarichi di insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado solo a coloro che parlano la nostra splendida lingua senza la minima inflessione.

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 09/12/2014 - 00:39

QUESTO FA PARTE DELL`INTEGRAZIONE. MI COMPLIMENTO CON I TEDESCHI !!!!!!!! IL PROBLEMA CHE ABBIAMO IN ITALIA, È CHE MOLTI RAPRESENTANTI DELLA POLITICA E DELLE DIRIGENZE STATALI, PER CAPIRLE DOBBIAMO AVERE UN INTERPRETE, PERCHÈ LA LORO MADRELINGUA, NON È L`ITALIANO,LA LINGUA CHE TUTTI DOVREBBERO ESSERE OBBLIGATI AD INPARARE, MA UN DIALETTO SFACCIATO !!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 09/12/2014 - 00:45

Bè, direi che questa è una imposizione di tipo Hitleriano. Di questo passo arriveranno a volerli anche tutti biondi. SE DA NOI ABBIAMO LA PIAGA DEL COMUNISMO LATENTE, LA GERMANIA HA QUELLA DEL NAZISMO EMERGENTE.

Claudio Ennam

Mar, 09/12/2014 - 05:24

"La Germania è ormai secondo paese d’immigrazione dopo gli Stati Uniti. Almeno 400mila gli stranieri presenti." In Germania, invero, sono oltre 7 milioni. Altrimenti non potrebbero essere il secondo paese d'immigrazione dopo gli USA. Anche in Italia, purtroppo, sono molto di più di 400mila: sono almeno 5 milioni...

freeride

Mar, 09/12/2014 - 07:59

Giusto, altrimenti sono solo turisti del welfare!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 09/12/2014 - 16:37

Il consenso della Merkell è basato sul parassitismo, ma un po' meno che in Italia, per poter avere l'alibi di non essere da meno degli altri e nel contempo fare la saputella col logorroico Renzi. Infatti quando Berlu stava per fare i tagli lineari alla sua PA, che avrebbero messo economicamente l'Italia ben al di sopra della Germania riunificata, la cancellierina complottava con l'extracomunitario Obama per il passo indietro (con attentato sanguinario) onde poter ,in definitiva, sistemare i suoi parassiti ex-DDR (come lei) nella florida economia germanico-federale. In quanto alla lingua poi, paese che vai usanze che trovi, ogni tanto ne fa una giusta anche lei.

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Mer, 10/12/2014 - 16:59

Che figata ragazzi ....sembra di essere in italia. Fateci caso che anche da noi è la medesima cosa. Che pena, che desolazione....Gwendolin