La protesta davanti al negozio Dolce & Gabbana a Londra

I manifestanti si sono riuniti davanti al punto vendita dopo le dichiarazioni degli stilisti italiani sulle adozioni gay

Impazzano le polemiche contro le dichiarazioni di Domenico Dolce. Dal web, la protesta si è spostata davanti al negozio Dolce & Gabbana, a Londra, dove alcuni manifestanti, con tanto di cartelli e di slogan, hanno contestato le affermazioni degli stilisti italiani sulle adozioni gay. Va avanti così la battaglia lanciata dal cantante americano Elton John che aveva invitato con l'hashtag #boycottDolceGabbana a boicottare la prestigiosa casa di moda.

Durante un'intervista, Dolce si è detto contrario alle adozioni gay e ai "figli della chimica che non hanno mamma e papà".

"Come vi permettete a dire che i miei meravigliosi figli sono 'sintetici'?"- ha risposto John su Twitter- Dovrebbero vergognarsi per aver puntato i loro ditini contro la fecondazione in vitro, un miracolo che ha consentito a legioni di persone che si amano, etero e omosessuali, di realizzare il loro sogno di avere figli. Il vostro pensiero arcaico è fuori tempo: proprio come le vostre creazioni di moda".