Quelle strane dichiarazioni degli islamisti su Regeni

Lunedì 8 febbraio sono state pubblicate alcune strane dichiarazioni di Mohamed Soltan

Lunedì 8 febbraio sono state pubblicate alcune dichiarazioni di Mohamed Soltan per quanto riguarda l’omicidio del ricercatore italiano Giulio Regeni: "Sul suo corpo c'erano gli stessi segni che erano sul mio e su quello dei miei compagni di prigionia - racconta -. Il suo dolore è stato il mio". Soltan ha poi dichiarato di essersi salvato solo grazie all’imminente intervento dell’ambasciata statunitense che si è mobilitata per lui, aggiungendo: "Mi odiavano - dice dei suoi carcerieri - ma sapevano che non potevano ammazzarmi; hanno cercato di spingermi al suicidio………Non capisco chi tratta il governo egiziano come se fosse uno stato in cui esiste la legge". Strane e premature dichiarazioni considerando che la vicenda è ancora oggi tutta da chiarire. Il fatto che Giulio sia stato massacrato è palese, quello che però risulta insolito è la certezza con la quale Soltan afferma che i segni presenti sul corpo di Giulio siano gli stessi dei suoi. Considerata la confusione che regnava in quei giorni e le continue conferme e smentite, come faceva Soltan a sapere che i segni erano gli stessi? Altro elemento su cui riflettere: Giulio spariva il 25 gennaio e di lui si perdevano le tracce per nove giorni; ancora oggi non ci sono prove evidenti che il giovane sia stato arrestato dalle autorità. Mohamed Soltan afferma invece che un repentino intervento dell’ambasciata italiana avrebbe potuto salvare il ricercatore friulano, ma come faceva il Governo a intervenire se Giulio non risultava detenuto ma piuttosto scomparso? Come mai tutta questa certezza sulla responsabilità delle forze di sicurezza egiziane? Mohamed Soltan, doppia cittadinanza statunitense ed egiziana, non è un attivista qualunque, ma il figlio di Salah Sultan. Salah è un alto membro dei Fratelli Musulmani egiziani, legato all’ex governo islamista di Mohamed Morsy come segretario generale del consiglio supremo per gli affari islamici, è stato segnalato in più occasioni per le sue visioni radicali e per le sue dichiarazioni anti-cristiane e anti-ebraiche, tanto che, secondo quanto dichiarato dalla Global Muslim Brotherhood daily Watch, il governo americano avrebbe sospeso le procedure per il conferimento della cittadinanza statunitense. Sempre secondo la Muslim Brotherhood Daily Watch, Salah Sultan, durante un’apparizione su al-Jazeera nell’agosto 2011, incitò all’uccisione dell’ambasciatore israeliano.

Nello stesso mese egli aveva poi dichiarato che era legittimo per qualsiasi egiziano uccidere sionisti incontrati in Egitto. Nell’estate del 2012 dichiarò, durante alcuni sermoni ad al-Aqsa Tv, che gli ebrei erano entrati in Egitto per infettare le donne con l’Aids. Tutti fatti documentati da MEMRI e Muslim Brotherhood Daily Watch. 1 2 3 4 5 Salah Sultan, attualmente in carcere, era sul palco di Raba’a al-Adawiyya nell’estate del 2013 per protestare contro la deposizione di Mohamed Morsy mentre il figlio Mohamed era presente in qualità di “attivista per i diritti umani”. Altro fatto degno di nota, Salah Sultan qualche anno fa veniva fotografato presso la sede dell’Alleanza Islamica d’Italia di viale Monza (inserita nella “lista nera del terrore” da parte degli Emirati Arabi nel 2014), assieme ad alcuni personaggi legati a Caim e Comitato Egitto Democratico (quest’ultimo attivo in chiave anti al-Sisi). Forse sarebbe il caso di attendere ulteriori sviluppi per quanto riguarda la vicenda di Giulio Regeni, invece di lasciarsi andare a dichiarazioni che sembrano avere lo scopo di rovinare i rapporti tra Italia ed Egitto. Il caso va affrontato con la massima pacatezza, con l’obiettivo di scoprire cosa è realmente accaduto al povero Giulio e senza strumentalizzazioni.

Commenti

Mizar00

Mer, 10/02/2016 - 14:38

E' ovvio che questo non sa nulla, ma vuole fare l'avvoltoio.

tormalinaner

Mer, 10/02/2016 - 14:41

Basta con questo Regeni, per il fatto che è di sinistra ne stanno facendo un martire. Regeni se le andata a cercare mettendo il naso in affari che non lo riguardavano non è un eroe ma uno stupido.

scimmietta

Mer, 10/02/2016 - 14:50

Cui prodest? Non si sa, ma tutto fa pensare che l'unico a trarne svantaggio è proprio il Governo Egiziano, l'unico che sicuramente non avrebbe voluto, o desiderato, di trovarsi tra le mani un pasticcio del genere che serve solo a metterlo in cattiva luce di fronte al consesso internazionale.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 10/02/2016 - 15:23

Giacalone:....Concordo!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 10/02/2016 - 15:47

@scimmietta:.....concordo!

antipodo

Mer, 10/02/2016 - 15:47

Questo signorino di sinistra poteva restare a casa sua o andare a ficcare il naso in australia o in nuova zelanda. Questi eroi del cavolo cercano fama e fare i martiri e noi dobbiamo subire fiaccolate , lacrime e sovente pagare onerosi ricatti.Mi sono rotto le cosi dette pelotas! Rischiamo anche di perdere contratti e posti di lavoro a causa di questi rivoluzionari del cavolo. Che i genitori che sono responsabili paghino fino all'ultimo centesimo le spese che lo stato , cioe noi, stiamo spendendo!!!!!!!!

alexrandall

Mer, 10/02/2016 - 16:02

Non ci sono sostantivi ed aggettivi adatti per definire coloro che, nella loro meschina ed immonda pochezza umana, si dilettano ad insultare un ragazzo che, prima di morire, ha patito tutte le pene dell'inferno.

Ritratto di allecarlo

allecarlo

Mer, 10/02/2016 - 16:22

tormalinaner: Concordo in pieno!!

ziobeppe1951

Mer, 10/02/2016 - 16:33

Gli intitoleranno un'aula del Senato e il discorso è chiuso

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 10/02/2016 - 16:49

alexrandall, non lo conoscevo, fotte nulla della sua fine ma mi interessa la sua comunanza coi fratelli musulmani che hanno milioni di morti sulla coscienza. Dai bambini morti annegati cercando di scappare ai torturati dai fanatici islamonazisti, loro braccio operativo.

Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 10/02/2016 - 16:54

Lapalissiano....hanno semplicemente fatto fuori un idealista idiota per far ricadere la colpa sul Governo Egiziano.....mi spiace moltissimo per il ragazzo ma non trovo altro epiteto per chi si fida e si ritiene amico di questa feccia!!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 10/02/2016 - 16:57

Se vanno al governo invece gli islamisti l'egitto diventa un oasi di democrazia e diritti.

jeanlage

Mer, 10/02/2016 - 17:06

Se è vero che questi erano gli amici di Regeni, l'unica conclusione è: uno di meno; chiunque sia stato, ha fatto bene!

tzilighelta

Mer, 10/02/2016 - 17:19

Si si concordate pure, continuate a infangare questo ragazzo che "se l'è andata a cercare" difendete il generale Al Sisi regolarmente eletto attraverso golpe militare, e dopo aver preso il potere da salvatore è diventato un normale dittatore che mal sopporta i suoi oppositori da qualsiasi parte provengano. Per quello che mi riguarda se si fosse trattato di un simpatizzante di destra la penserei allo stesso modo, e cioè che il dittatore Al Sisi non deve permettersi di uccidere nessuno che non gli dimostri simpatia, nel mondo normale le opposizioni possono anche prendere in giro il capo del governo senza aspettarsi che la Gestapo gli piombi in casa in piena notte, e poi dopo ti risvegli sotto un ponte con il collo spezzato!

Ritratto di DONCAMILLO7

DONCAMILLO7

Mer, 10/02/2016 - 17:45

Solo

cordelia

Mer, 10/02/2016 - 17:52

http://www.madamasr.com/news/badie-sentenced-death-fourth-time Ci sono delle incongruenze abbastanza importanti su chi è M. Soltan, sembra infatti che abbia dovuto rinunciare alla cittadinanza egiziano e non a quella americana !!!

giseppe48

Mer, 10/02/2016 - 17:56

Ma perché è andato ha rompere i c.......i agli egiziani .se andava a gnocche era meglio sarebbe ancora vivo

Maura S.

Mer, 10/02/2016 - 18:06

x Alexrandall = Non è un martire, ma un povero ragazzo che si è agganciato alle persone sbagliate, i fratelli musulmani considerandoli i martiri del regime. Balle, meno male che El Sissi è intervenuto prima che l'Egitto seguisse la stessa sorte della Libia. Mi dispiace per lui, ma uno deve rispettare il governo del paese dove si trova, se non è d'accordo allora se ne torna do dove è venuto. Comunque ci sono molte zone d'ombra considerando che si era diplomato a Cambridge e che scriveva per un giornale comunista marxista. Meditate, gente, meditate!!!!!!!

scimmietta

Mer, 10/02/2016 - 19:21

X stenos: "...se vanno al governo invece gli islamisti..." c'erano già andati, ma il popolo li ha conosciuti subito per quel che sono e -trenta milioni in piazza - li hanno cacciati a pedate!

scimmietta

Mer, 10/02/2016 - 19:24

x tzilighelta: forse non ti sei accorto ma il disco si è rotto .... si è rotto ... si è rotto .... si è rotto ...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 11/02/2016 - 12:41

Cara scimmietta, hai capito dove finivano i soldi per la "ricerca scientifica" della "buona scuola"? Semplice ai "ricercatori", come il Regeni, che se le cercano col lanternino...

tzilighelta

Gio, 11/02/2016 - 13:58

Scimmietta, che vuoi tu, cosa ti salta in mente di rivolgerti a me bofonchiando parole incomprensibili, rivolgiti a gianfranco robe, fra trogloditi vi capite meglio!

little hawks

Gio, 11/02/2016 - 17:42

Quando ci sono di mezzo dei maomettani bisogna pesare bene ogni informazione ed essere molto prudenti perché ritengono doveroso ed onorevole ingannare gli infedeli.