Il racconto del pilota: "Quella volta in cui lasciai Lubitz solo in cabina"

Frank Woiton: "Lubitz mi disse che era felice e pronto a volare su lunghe distanze"

Un pilota di Germanwings racconta che durante un volo lasciò il copilota Andreas Lubitz da solo in cabina per andare al bagno e che gli parve una persona seria e affidabile. Il 48enne Frank Woiton lo ha raccontato al giornale tedesco Bild, mentre continuano a emergere nuove informazioni su Lubitz, che avrebbe fatto schiantare intenzionalmentel'Airbus uccidendo le 150 persone che erano a bordo.

"Lo ricordo bene. Quando volai con lui, lasciai il mio posto per un breve momento per andare al bagno", ha raccontato, spiegando che in Lubitz non c'era nulla che potesse destare preoccupazione o sospetto. Il copilota gli parlò della sua formazione, di "quanto era felice" e di essere "pronto a volare su lunghe distanze, del fatto che voleva diventare comandante".

"Era molto bravo a condurre l'aereo, lo controllava bene. Anche per questo lo lasciai solo in cabina", ha spiegato. Secondo Woiton, "l'atto inconcepibile di quest'uomo ha distrutto una infinita fiducia, che ora va ricostruita passo a passo". Il pilota è diventato noto sui social network e su internet perché, per rassicurare i passeggeri dei voli che ha condotto dopo il disastro aereo, è andato a stringere la mano a ciascuno di loro. "Volevo che i passeggeri vedessero che anche davanti, in cabina, c'è una persona", ha spiegato.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 28/03/2015 - 16:47

Mentre la famosa scatola nera era in Francia, l'America (sottolineo Obama) rassicurava l'occidente che non si trattava di due missili terra-aria lanciati da Putin nei motori dell'Airbus, onde metter fine alla shoah di "suicidi" russi in Ucraina, constatati dopo l'arrivo degli "istruttori militari" anglo-americani, ma solo di un giovanotto impazzito. Peccato che anche i genitori dello Skettinen, siano scomparsi... come la seconda scatola nera del resto. Ora, l'Airbus è caduto, ma cosa sono andati a fare un summit, lassù tra le montagne, i tre capi di Stato? Forse per scegliersi un capro espiatorio su cui scaricare il barile?

Villanaccio

Sab, 28/03/2015 - 20:48

Deutchland uber alles ? Bah, uno Schettino a testa non fa mai male.....ma almeno lui ne aveva ammazzati di meno......

Cacciamo i Padani

Dom, 29/03/2015 - 10:29

Invito coloro che controllano i commenti di BLOCCARE e BANNARE i "complottisti" che portano avanti su diversi giornali TESI SENZA SENSO, SENZA UNO STRALCIO DI PROVA E FANNO SOLO DELLO SCIACALLAGGIO SU QUESTA TRAGEDIA. Il Procuratore della Repubblica francese è stato esemplare nel descrivere i FATTI, dopo aver ascoltato l'audio della SCATOLA NERA. Ci sono uomini e donne che proprio in questo momento stanno facendo di tutto per ritrovare la seconda scatola nera per chiarire ulteriormente i fatti. RISPETTIAMOLI. Prima di scrivere "USARE IL CERVELLO", se non si è capaci, MEGLIO TACERE.

Aleramo

Dom, 29/03/2015 - 16:58

La depressione spiega solo una parte del problema. Di solito i depressi si suicidano da soli, in privato, al massimo si buttano da una finestra. Perché invece il pilota ha voluto portare con sé nella morte altre 150 persone che non c'entravano niente? E' del tutto evidente che c'era un disegno preciso di uccidere, se poli lo vogliamo chiamare complottismo facciamolo pure.