"Raqqa liberata per il 90% dall'Isis". L'incredibile avanzata curda

Le forze democratiche siriane, in un'unica operazione militare, strappano il 20 per cento della città alle bandiere nere. Quattrocento terroristi sono ancora asserragliati nell'ormai ex capitale dell'Isis

La terza "capitale" dello Stato islamico sta per scomparire. Dopo Sirte e Mosul, adesso sembra che Raqqa stia per cadere sotto i colpi dell'aviazione americana e le forze curde. Lo rende noto l'emittente Al Arabiya.

La battaglia per liberare Raqqa

Lo scorso 6 giugno, le forze democratiche siriane (Sdf) hanno lanciato un'offensiva militare per liberare l'ultima roccaforte dello Stato islamico in Siria. Il 4 luglio, i curdi sono riusciti ad entrare nella città vecchia di Raqqa. Da allora, gli uomini e le donne dell'Sdf sono avanzati nel dedalo di viuzze della città, sotto il fuoco dei cecchini delle bandiere nere. Una guerra estenuante, dove si avanza di pochi metri alla volta, per evitare di correre rischi inutili. In un'unica e recente offensiva, i curdi sono riusciti a recuperare il 20 per cento della città, portando così i territori controllati dalle bandiere nere solamente al 10 per cento. I terroristi asserragliati sarebbero ancora 400.