La reazione Usa alle minacce: "Possibili raid in Nord Corea"

Altissima tensione tra la Nord Corea e gli Stati Uniti. Dopo le minacce sempre più chiare e dirette da parte di Pyongyang, arriva la risposta Usa

Altissima tensione tra la Nord Corea e gli Stati Uniti. Dopo le minacce sempre più chiare e dirette da parte di Pyongyang, arriva la risposta di Washington che non escludono l'ipotesi di raid in caso di test nucleare. E a dirlo è stata l'ambasciatrice americana all'Onu, Nikki Haley. "Non faremo qualcosa a meno che non ce ne dia motivo", ha spiegato, citando ad esempio un attacco ad una base militare americana o l’uso di un missile balistico intercontinentale. Se la Corea del Nord Corea farà il sesto test nucleare, allora "il presidente Donald Trump entrerà in campo e deciderà cosa fare". Solo ieri la Nord Corea ha minacciato gli Stati Uniti con un messaggio abbastanza forte: "Siamo pronti a spazzare via dalla faccia della Terra gli Stati Uniti in caso di guerra nucleare", ha affermato un portavoce del Quartier Generale della Commissione Speciale Nazionale.

"L’aggressore imperialista statunitense", ha spiegato il portavoce del regime di Kim Jong-Un, "starebbe mettendo in atto il piano Giove che contempla la possibilità di una guerra con l’uso di armi chimiche, utilizzando come base il porto di Pusan, nel sud-est della Corea del Sud, per sterminare la nazione coreana e realizzare la feroce ambizione di dominare il mondo".

Commenti
Ritratto di Tris251245

Tris251245

Lun, 24/04/2017 - 17:36

Mah.. mi sembra di sentire Saddam Hussein,, quando SCATENAVA LA MADRE DI TUTTE LE BATTAGLIE.. Poi all'arrivo degli Americani, se la dettero tutti a gambe levate .Questo mi da l'impresione che sia uguale .. Tutte chiacchiere !

Efesto

Lun, 24/04/2017 - 17:38

Kim Jong-Un non si rende conto di avere l'aeronautica militare cinese a nord ovest, i carri armati russi a nord e ad est la flotta statunitense. Ho l'impressione che tra breve ci saranno delle intese "diplomatiche".

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 24/04/2017 - 17:52

La guerra parlata tra bulli continua.

Ritratto di ettocima

ettocima

Lun, 24/04/2017 - 18:07

Can che abbaia non morde. Ancora una volta minacce cui non seguirà nulla. Questo potrebbe essere interpretato come segno di impotenza delle potenze occidentali. La Corea, sentendosi immune da reazioni continuerebbe con i suoi piani di armamenti e quando la misura fosse colma si rischierebbe una guerra di grandi proporzioni.

Renee59

Lun, 24/04/2017 - 18:14

Saddam? solo che Saddam non aveva un potenziale nucleare, che basta colpirlo con una bombetta, che saranno guai seri.

titina

Lun, 24/04/2017 - 18:47

Non sbagliate mira!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

gian paolo cardelli

Lun, 24/04/2017 - 20:06

A convincere Gheddafi non furono le bombe americane, ma la partenza della flotta sovietica il giorno prima. Chi ancora blatera di un confronto solo tra USA e Corea non ha capito che il giorno di un'azione militare americana sarà stato preceduto da accordi non pubblicizzati con Russia e Cina. Quali e di che natura, al momento non ci è permesso, ovviamente, di saperlo, ma di certo le trattative sono già in corso.

Ritratto di Evam

Evam

Lun, 24/04/2017 - 21:44

Il mostro giallo avrebbe bisogno di una terza scossa, questa volta però un po' più forte delle altre due.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 24/04/2017 - 22:27

I raids fanno ridere i polli. Con Kim non si possono adottare mezze misure. Va cancellato e basta. Il sistema più pratico ed indolore potrenne essere quello di un'azione stile 'commando'(difficilissima) oppure l'uso di un 'drone' pirata, oppure l'uso di un sicario o di una sicaria tra il personale 'fidatissimo' che lo liquida sul tamburo, magari con un'inezione al plutonio.

Ritratto di jasper

Anonimo (non verificato)