Renzi: "Intervenire in Libia prima che la occupi l'Isis"

Renzi lancia l'allarme: "Intervenire in Libia prima che le milizie dell’Isis occupino tutto il Paese"

La situazione in Libia continua ad essere esplosiva. Le truppe dell'Isis e quelle libiche ormai da settimane combattano per il controllo del territorio. Ma il rischio che i tagliagole arrivino a controllare tutto il Paese è altissimo e dalla Libia avrebbero gioco facile per minacciare l'Italia e la nostra sicurezza nazionale. Così adesso il premier Renzi in visita in Egitto afferma: "Bisogna intervenire in Libia prima che le milizie dell’Isis occupino in modo sistematico non solo piccoli e sporadici luoghi ma una parte del Paese". Il premier ha parlato di "intervento significativo a partire dagli sforzi diplomatici dell’Onu".



Ad una domanda sulle posizioni più interventiste in senso militare dell’Egitto in Libia, Renzi ha risposto: "Ci sono sensibilità diverse nella comunità internazionale, ma non c’è nessun dubbio che occorra lottare con decisione e determinazione contro il terrorismo. La minaccia è evidente in ciò che è accaduto nelle ultime settimane", ha spiegato il presidente del Consiglio rievocando l’uccisione dei 21 cristiani copti egiziani da parte dell’Isis. Insomma, ha aggiunto Renzi, "ci sono sensibilità diverse ma mi pare di poter dire che c’è condivisione ampia sulla necessità di un intervento rilevante in Libia, da realizzare a partire da sforzi diplomatici dell’Onu".

L’Italia ha compiuto un giro di consultazioni con la Russia, la Francia e gli inglesi, e nelle prossime settimane "avremo un approfondimento con gli Usa, che sono il key player in questa partita". Tutto questo, ha concluso il premier, affinchè la crisi in Libia sia una "priorità": "Non può essere l’ultimo dossier".

Commenti

acam

Ven, 13/03/2015 - 19:20

pirla ci devi andare tu te lo ha cheisto il genrale ma tu resposabilità Zero,sei pericoloso

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 13/03/2015 - 19:38

Possiamo formare un paio di regimenti da combattere il prima linea, METTENDO TUTTI I PARLAMENTAR E I DIRIGENTI STATALI, COMPRESE LE DONNE. SOLAMENTE COSÌ, POTREBBERO GUADAGNARSI LO STIPENDIO """onestamente"""!!!

paco51

Ven, 13/03/2015 - 19:43

stiamo distanti dalla Libia! Ogni volta che si samo andati siamo stati degli incaapci: Abbiamo perso, non abbiamo trovato il pertolio, abbiamo usato i gas ed ancora ci accusano, Dovevamo essre più decisi. stiamo acasa npostra e rimandiamo tutti quelli che sono arrivati in LIbia.

paco51

Ven, 13/03/2015 - 19:43

stiamo distanti dalla Libia! Ogni volta che si samo andati siamo stati degli incaapci: Abbiamo perso, non abbiamo trovato il pertolio, abbiamo usato i gas ed ancora ci accusano, Dovevamo essere più decisi. stiamo a casa postra e rimandiamo tutti quelli che sono arrivati in LIbia.

GMfederal

Ven, 13/03/2015 - 19:47

Toh! L'ebetino si è svegliato!

carpa1

Ven, 13/03/2015 - 19:49

Ma Renzi lo sa quello che vuole? Cambia versione ogni volta che cambia il tempo. Proprio con Francia ed Inghilterra devi consultarti? Ce l'hanno già infilato in quel posto esattamente nel marzo di 4 anni fa, non ti pare che ne abbiamo già abbastanza? E' meglio che ti dai da fare per bloccare i trasporti di clandestini e terroristi al limite delle loro acque territoriali, ma con i cannoni, non a parole.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Ven, 13/03/2015 - 20:02

Ora si sveglia!! Andrà a finire che si chiuderà la stalla quando i buoi saranno scappati! Vuole fare intervenire la Russia? Sai quanto glie ne importa a Putin della Libia!! Incominci a togliere l'embargo alle merci alla Rusia impostoci da quel pirla di Obama, poi magari Putin lo ascolterà.

ghorio

Ven, 13/03/2015 - 20:14

Certo che se si aspetta l'Onu la Libia non verrà mai invasa per fare ordine e far ritornare un governo credibile che isoli gli estremisti islamici e li sconfigga in modo definitivo.

angeli1951

Ven, 13/03/2015 - 20:27

Ecco: straparlare in inglese è tipico degli ex-imbonitori ottocenteschi dell'elisir di lunga vita e degli attuali imbonitori televisivi e del telefonino. Morale: non contano un cxxxo ma arraffano a piene mani nelle risorse dei beoti, e di itaglioni ne trovano tantissimi.

emigrante

Ven, 13/03/2015 - 21:51

Proporre di andare a combattere in Libia, lasciando una frontiera-colabrodo è quanto meno incoerente. Inviare corpi militari a combattere contro esiziali, ma evanescenti, pattuglie di guerriglieri, appoggiati da parte della popolazione, è una istigazione al suicidio. Credo sarebbe più efficace ed economico un binomio "blocco navale" e "droni imbottiti di esplosivo ad alto potenziale come grandine su ogni camionetta armata identificabiole ISIS"

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 13/03/2015 - 21:52

Ma come? Se hai appena sbugiardato tre dei tuoi ministri su questo argomento! E' un falso e un mentitore abituale che starebbe bene in un mercato orientale.

roberto zanella

Ven, 13/03/2015 - 21:55

La differenza tra noi e gli Inglesi e i Francesi ,Americani e che quelli fanno ..non vannno in giro a fare diplomazie democristiane...ora immagi niamo che tutti dicano bravo Renzi , ma noi non siamo interessati....che fa Renzi ? Torna a casa con le pive nel sacco...o fa come quello sxxxxxo di Sarkozy...non sa neppure quanti aerei ha..se i carri armati sono di cartapesta...il problema che quelli dell'Isis appena i nostri aerei bombardassero occuperebbero il Quirinale perchè sanno che abbiamo una difesa da barzelletta ....e poi avremmo in piazza quei coglixxi dei centri sociali che aprirebbero i portoni....catto comunisti zecche vere e proprie...non c'è niente da fare questo paese si cambia solo con i militari....io voglio vivere nella sicurezza.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 13/03/2015 - 23:42

L'attacco dell'ISIS alla Libia ha avuto una grande motivazione nella dimostrazione di debolezza del nostro governo che ha organizzato l'operazione Mare Nostrum. L'Italia e l'Europa non hanno mosso un dito per fermare i clandestini. Anzi sono andati a raccoglierli fin sulle coste della Libia È STATO UN INVITO A NOZZE PER I MALEDETTI ASSASSINI ISLAMICI DELL'ISIS. Facciamo i complimenti ai senzapalle che ci governano.

roliboni258

Sab, 14/03/2015 - 00:23

si possono fare due battaglioni,battaglione Montecitorio e battaglione Quirinale,generale d'armata l'ebetino

NON RASSEGNATO

Sab, 14/03/2015 - 07:52

SE gli interventi si facessero a chiacchiere abbiamo una esperienza tale che saremmo la prima potenza mondiale.

Duka

Sab, 14/03/2015 - 08:00

Via un "tentenna" ne arriva un altro. Ma che cosa aspetta ad intervenire. Ci vuole tanto a capire che può essere la salvezza della nostra economia, nonche il metodo più sicuro per regolare le immigrazioni? S V E G L I A !!!! Invece di trascorre le giornate a fare il figo datti da fare!!!!

vince50_19

Sab, 14/03/2015 - 08:14

Non ho ancora sentito o letto circa l'allineamento "politico" del noto agrigentino semi pelato, fedele scudiero del toscano, in questo tema. Vorrò leggere di qualche sua capriola pro cadrega. Che ominicchio (e qui sono molto "gentile") squallido ..

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Sab, 14/03/2015 - 08:31

Armiamoci e partite!

linoalo1

Sab, 14/03/2015 - 08:33

Ma,Brutti Ignorantoni che non siete altro.non era meglio non attaccare la Libia e lasciarla in mano a Gheddafi?Noi Italiani,che interesse avevamo ad attaccare la Libia ed a far fuori Gheddafi?Se ci fosse stato Berlusconi,la Libia sarebbe in pace ,l'Africa del Nord,anche!E,soprattutto,non dovremmo assistere e mantenere tutte queste migliaia di Immigrati!Anche questa è una Grande Colpa da attribuire al Vecchio Arteriosclerotico ed al suo Triumvirato di Usurpatori,Magstrati Schierati compresi!Lino.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Sab, 14/03/2015 - 08:41

Renzi, ha già parlato con Marino, che gli metterà a disposizione i vigili urbani di Roma, in assetto da guerra (medici della mutua permettendo).

marco46

Sab, 14/03/2015 - 08:58

Devi essere tu in prima fila, o sei anche tu di quelli che predicano armiamoci e partite.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Sab, 14/03/2015 - 09:10

ha smesso di usare twitter, che si è accorto della cosa? vietate twitter a Renzi, cosi' lavorerà di più.

mezzalunapiena

Sab, 14/03/2015 - 09:13

A parte che l'isis sono anni che è in Libia ma i nostri ministri incluso il presidente del consiglio hanno sempre dichiarato che non esisteva un pericolo immediato vedi immigrazione sufficiente a spiegare la pochezza dei nostri ministri.

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 14/03/2015 - 09:14

Sono diversi giorni che navi militari Italiane tengono sotto tiro le postazioni dell isis (che si sono subito ritirate) che minacciavano il gasdotto eni, uff erano esercitazioni...ma si pensa sia un operazione piu complessa, una nave ha caricato un buon numero di incursori della marina..

emmea

Sab, 14/03/2015 - 09:34

Domanda: Matteo Renzi ha fatto il servizio militare? Se si, dove? E se non lo ha fatto, perché? Intervenire in Libia significa mandare a morire molta gente figli di povera gente. Personalmente penso che fino a quando ci saranno politici, dirigenti statali civili e militari immeritatamente strapagati, gran comì di Stato e parassiti vari, magistrati strapagati (specie quelli costituzionali) e inconcludenti nonchè super pensionati, a fare la guerra in Libia per continuare a garantire a questa gente di godersi la vita non ci deve andare nessuno. Se proprio vogliono, beh ognuno di loro ci mandi un figlio, ma in prima linea.

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 14/03/2015 - 14:58

emmea abbiamo mandato parecchi militari in afganistan e in iraq, alle porte del nostro paese a maggior ragione devono andare a protezione immediata dei nostri confini altrimenti a che cacchio servono, in libia serve un immediata azione militare, accorta ma immediata anche a scopo intimidatorio..

emmea

Dom, 15/03/2015 - 17:17

#rapax. Le ricordo che le regole d'ingaggio per l'Irak e l'Afganistan non erano, non sono e non sarebbero identiche a quelle che si prefigurerebbero per la Libia in caso d'intervento. Abbiamo visto troppi figli di povera gente crepare in passato per il Re, per le manie di potenza e di conquista coloniale di governi despoti, dalle quali hanno tratto vantaggio sempre i ricchi e potenti. Io non so se lei fa parte di quella cerchia di privilegiati che ho citato, ma sarei curioso di saperlo e nel qual caso sarei curioso di sapere se fosse disposto a mandare in guerra un figlio o un nipote figlio di un suo figlio. Quanto ai militari attuali, diciamolo apertamente e senza ipocrisie che la stragrande maggioranza sono gente in fuga dalla disoccupazione per cui va bene anche uno straccio di lavoro a ferma breve o prolungata, dunque precaria. L'importante è mangiare, e in quest’Italia di parassiti governativi strapagati io li capisco e me ne faccio una ragione. Segue

emmea

Dom, 15/03/2015 - 17:20

Segue #rapax. Finora questi soldati quando sono andati in missione all’estero sapevano di avere dalla loro parte la statistica in sopravvivenza, ma purtroppo qualcuno non è più tornato. Un conto è difendere il proprio territorio da un attacco, altro conto è una guerra preventiva in casa altrui con l'occulto motivo di proteggere i campi petroliferi per l'approvvigionamento di petrolio e gas ed i lauti profitti per pochi amici. Se Berlusconi, Renzi, Gentiloni, Pinotti e via di seguito tutta quella caterva di privilegiati che ho citato ci mandassero obbligatoriamente un loro figlio o nipote, in prima linea, si può fare (come pretese Margareth Tatcher alla Regina Elisabetta, che fu costretta di mandarci suo figlio Andrea su una nave da guerra alle isole Falkland- Malvinas). In un paese serio tutti dovrebbero vivere godendo ragionevolmente, e allora altrettanto ragionevolmente si è disposti a rischiare di sacrificare la propria vita, gli uni per gli altri.

Shot

Dom, 05/04/2015 - 09:20

mah! Chissà già da quanti giorni i nostri gloriosi corpi speciali stanno spianando la strada ad un intervento un po' più deciso! Loro ci sono credetemi! E non hanno nulla da invidiare ai migliori corpi Inglesi o Americani! quanto alla Russia non è vero con gli interessa niente della Libia vorrei ricordare che tutte le armi che hanno in mano i terroristi o per lo meno le più tante sono di provenienza Russa!