Il ricordo dello Stato Islamico al commando dell'attacco di Parigi

L'ultimo numero della rivista dello Stato Islamico ha pubblicato un'immagine ricordo dei terroristi della strage di Parigi.

La propaganda dello Stato Islamico ha pubblicato un altro numero della rivista online "Dabiq" con cui trasmette il suo messaggio d'odio. L'ultima pubblicazione ricorda gli "eroi" della strage di Parigi.

Se sia una casualità o una scelta voluta non è dato sapere, ma sul numero 13 del giornale dell'Isis campeggia una pagina dedicata agli uomini che hanno portato a termine l'attacco terrorista nella capitale francese del 13 novembre. Sullo sfondo si vede Parigi, una scritta in bianco domina la scena, centrata in altro: "Solo terrore". Poco sotto, a formare la punta di una piramide, con alla base il commando di terroristi e kamikaze, il leader del raid: Abdelhamid Abaaoud. Accanto al suo volto il nome arabo con cui si faceva chiamare da quando era entrato nel circolo dei tagliagole, Abu Omar al-Baljiki.

"Che Parigi sia una lezione..." è ciò che si vede in basso all'immagine. Sotto Abaaoud, il resto del gruppo di terroristi. I tre kamikaze che si fecero saltare in aria allo Stade de France; due di loro avevano falsi passaporti siriani e si erano infiltrati tra i rifugiati arrivati in Grecia ma non sono ancora stati identificati. Guardando attentamente la foto, si vede chiaramente che manca il super-ricercato Salah Abdeslam. Il fuggitivo ricercato da tutta Europa e che a quanto pare è stato rinnegato pure dello Stato Islamico. Il suo rifiuto di offrire la vita per il jihad non è andato giù al Califfo Al Baghdadi. Marchiato come disertore non merita nemmeno di apparire con i suoi "eroici fratelli".