Il veterinaio dell'orrore: cani imbottiti di eroina per passare la frontiera

Il veterinario, Andres Elorez, è stato condannato a sei anni di carcere per aver messo in atto questo contrabbando fra Colombia e Stati Uniti

Andres Elorez, veterinario spagnolo, è stato condannato a sei anni di prigione per avere impiantato eroina nello stomaco dei cani. Il tutto per per trasportare clandestinamente la droga dalla Colombia agli Stati Uniti.

L'uomo, di 39 anni, è stato arrestato in Spagna è poi estradato negli Stati Uniti, dove il tribunale federale del distretto orientale di New York l'ha processato e condannato.

Elorez, che frequentava la scuola di veterinaria in Colombia, si è poi dichiarato colpevole. Il diabolico piano del veterinario prevedeva l'introduzione di pacchetti di eroina liquida nel ventre dei cuccioli attraverso un'operazione chirurgica. Poi, una volta arrivati negli Stati Uniti, i cani erano sottoposti a un'altra operazione per togliere i sacchetti. Il contrabbando è avvenuto sfruttando almeno nove cani. Tre sono morti a causa delle operazioni.

Per fortuna, ci sono anche delle piccole storie a lieto fine in questo orrore. Come racconta Il Messaggero: "Uno dei cani che è stato salvato, di nome Donna, è stato successivamente addestrato per essere un cane antidroga della polizia nazionale colombiana. Un altro, un Rottweiler di nome Heroina, è diventato un cane poliziotto negli Stati Uniti, secondo l’US Drug Enforcement Administration (DEA)".

Commenti

yulbrynner

Dom, 10/02/2019 - 23:42

Carognz in tutti i sensi

oracolodidelfo

Lun, 11/02/2019 - 00:08

Non chiamiamo più bestie gli animali. Questa definizione è prerogativa degli umani.