Torna lo sceicco del terrore: i documenti sul ruolo di Bin Laden in al Qaeda

Pubblichiamo i documenti che fanno luce sulla figura di Osama Bin Laden e sul ruolo, quasi dittatoriale, nel mondo del jihad

Osama Bin Laden, lo sceicco del terrore. L'uomo che ha terrorizzato l'Occidente facendo schiantare degli aerei contro le torri gemelle. Chi era realmente? Era davvero riuscito a riunire tutto il mondo del jihad?

Nel 2011 Bin Laden fu ucciso a Abbotabad, in Pakistan. Gli uomini dell'intelligence americana sequestrarono all'incirca 2,7 terabyte di materale e milioni di documenti, come scrive Site. Nel 2012 furono resi pubblici solamente 17 documenti. Poi altri 8. In totale 25, quindi, documenti. Pochissimi rispetto alla quantità enorme di materiali raccolti a Abbotabad, ma sufficienti per determinare nuove informazioni utili per tratteggiare la figura di Bin Laden.

Per molto tempo, l'intelligence americana ha creduto che Bin Laden non fosse il leader assoluto di Al Qaeda, ma che anzi si servisse di molti collaboratori per spargere il terrore in tutto l'Occidente. Site, invece, è convinto del contrario. In molti casi, come quello algerino e quello quello Somalo, le forze jhadiste chiedevano esplicitamente il parere dello sceicco e poi, con il suo consenso, agivano: "Gli affiliati vedevano la leadership di Al Qaeda come il loro centro di comando e non avrebbero mai agito senza una guida dall'alto".

Commenti

cgf

Mar, 31/03/2015 - 12:51

se fosse stato per l'abbronzato sarebbe ancora vivo.