La rivelazione dell'ex chimico di Saddam: "Così l'Isis costruisce le armi chimiche"

L'Isis ha già usato proiettili di mortaio con gas contro curdi, e l'Opac nel mese di novembre ha denuncia che l'Isis ha condotto attacchi con iprite in Siria ad agosto

"Temiamo attacchi chimici da parte dei jihadisti". Il premier francese Valls lo ha detto senza mezzi termini. L'America, insieme agli apparati di Bagdad, hanno scoperto un'intensa attività da parte dello Stato islamico, un grosso investimento sia economico che di uomini. Il Corriere della Sera svela un retroscena che spiega come siano stati reclutati esperti all'estero ed è stato ingaggiato un tecnico che ha lavorato con Saddam Hussein. Ovviamente non è così semplice trasformare sostanze tossiche in armi chimiche e ancora più difficile è trasportare l'eventuale arma in una città occidentale. Il saccheggio di molte caserme del regime siriano gli ha permesso di trovare qualche bomba dell'arsenale proibito.

L'Isis ha già usato proiettili di mortaio con gas contro curdi, e l'Opac nel mese di novembre ha denuncia che l'Isis ha condotto attacchi con iprite in Siria ad agosto. Non solo. Nell'analisi di Olimpio, con l'iprite o altri veleni di cui sono in possesso le cellule che si sono infiltrate in Europa, basta anche solo un test per seminare il panico. Scrive: "I cittadini devono essere consapevoli dei rischi, la minaccia va svelata. Anche se credo che i corpi senza vita del Bataclan e quelli tra i tavolini dei ristoranti siano sufficienti a spiegarlo. Purtroppo non bisogna aggiungere altro". L'allerta duqneu resta alta in tutta europa.

Commenti

routier

Ven, 20/11/2015 - 18:37

Quando i bambini giocano con i fiammiferi diventano pericolosi, ma per fortuna ci sono gli adulti che li fermano. Anche perché una volta appiccato il fuoco, mica si può sapere se brucerà solo dalla parte "giusta".