Russiagate, 12 agenti russi incriminati per spionaggio ai democratici

Secondo l'accusa, le spie avrebbero agito per rubare migliaia di email del partito democratico, rendendole poi disponibili online

Svolta nell'inchiesta Russiagate. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha incriminato 12 ufficiali dei servizi segreti russi per aver hackerato il Comitato nazionale democratico nelle elezioni del 2016.

L'ufficio del procuratore speciale Robert Mueller sta esaminando la presunta intromissione della Russia nelle elezioni americane che portarono alla vittoria di Donald Trump su Hillary Clinton. Gli ufficiali dei servizi segreti russi, secondo l'accusa, avrebbero iniziato i loro attacchi informatici nel marzo 2016 per hackerare gli account di posta elettronica dei volontari e dei dipendenti della campagna presidenziale della Clinton.

La notizia, riportata dalla BBC, è stata confermata dal dipartimento di Giustizia statunitense che ha specificato che si tratta di 12 agenti del Gru, il servizio di intelligence dell'esercito russo. Le spie avrebbero agito per rubare migliaia di email del partito democratico, rendendole poi disponibili online.

La notizia potrebbe creare nuove tensioni tra il presidente Usa e Valdimir Putin in vista del loro incontro a Helsinki, in Finlandia, di lunedì.

Commenti

Jon

Ven, 13/07/2018 - 20:55

Continuano le Fake contro Putin..che balordi..

ESILIATO

Ven, 13/07/2018 - 20:56

Questa mossa "PUZZA"........lunedi e' in programma l'incontro di Helsinky tra Trump e Putin.....guardcaso a 72 ore dall'evento si scopre il "Segreto di pulcinella' di cui era al corrente anche Obama quando era ancora presidente.