Russigate, Trump contrattacca: "Io indagato da chi mi disse di licenziare Comey"

Trump ammette di essere indagato per il Russiagate. Ma manda un messaggio sibillino senza fare il nome dell'interesato

"Sono indagato per aver licenziato il direttore dell'Fbi proprio da chi mi ha detto di licenziare il direttore dell'Fbi". Nel suo solito stile un po' sibillino, Donald Trump ammette di essere sotto inchiesta. E lo fa con un tweet che serve a lanciare un nuovo attacco, anche se non è ben chiaro a chi si riferisca quando parla "dell'uomo" che gli avrebbe detto di licenziare James Comey da direttore dell'Fbi.

Mueller è stato scelto per indagare sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali, cioè pochi giorni dopo il siluramento di Comey voluto da Trump. Prima di allora era stato proprio Comey a guidare le indagini. La scorsa settimana ha testimoniato alla commissione Intelligence del Senato dichiarando che la decisione di licenziarlo era legata proprio al Russiagate e che il presidente gli aveva chiesto di lasciare stare l'indagine su Michael Flynn, ex consigliere per la sicurezza nazionale cacciato a febbraio per non essere stato chiaro sui suoi contatti con l'ambasciatore russo a Washington Sergey Kislyak. Nell'audizione Comey si era, però rifiutato di dire se si fosse trattato di ostruzione alla giustizia rimandando la questione proprio a Mueller.

Dopo che il Washington Post aveva rivelato l'avvio dell'indagine, Trump si era limitato a replicare sostenendo che è stato "creato un falso collegamento con la vicenda della Russia, senza trovare alcuna prova. Ora procedono per ostacolo alla giustizia sulla base di una storia fasulla". E aveva, poi, aggiunto: "Siete testimoni della più grande caccia alle streghe individuale nella storia politica americana, condotta da persone molto cattive e confuse". Oggi ha ammesso il procedimento, ma gli è servito per passare al contrattacco. Nel tweet ha accusato di essere indagato dalla stessa persona che gli avrebbe detto di licenziare il direttore dell'Fbi. Secondo alcuni, si sarebbe riferito proprio a Robert Mueller, predecessore di Comey alla guida del bureau. Per altri la stoccata è per il vice ministro della Giustizia, Rod Rosenstein, che supervisiona tutte le questioni relative al Russiagate da quando, visto il proprio coinvolgimento, il ministro Jeff Sessions si è ricusato. Rosenstein ha, infatti, firmato prima la controversa lettera in cui si raccomandava a Trump il licenziamento di Comey e poi, di fronte alla bagarre provocato questa mossa, ha deciso di nominare Mueller.

Il fatto che Trump sia sotto indagine è un punto di svolta, un turning point come lo definisce il Washington Post. Sia perché finora l'inchiesta si era concentrata sul versante russo sia perché l'accusa potrebbe far scattare un'eventuale procedura di impeachment. Un eventuale procedimento contro Trump potrebbe durare anni prima di arrivare al termine. Prima si passerebbe dalla Camera, che dovrebbe approvare a maggioranza la richiesta di impeachment. L'aula è, però, controllata dai repubblicani che finora sembrano appoggiare il presidente. Quindi, si svolgerebbe un processo politico al Senato, in cui per rimuovere il tycoon sarebbe necessaria la maggioranza dei due terzi. Nel frattempo, però, l'inchiesta si sta allargando e adesso sembra puntare agli uomini più vicini a Trump. Questa mattina Mueller ha, infatti, indagato Jared Kushner.

Secondo il Washington Post, l'attenzione dello special counsel si concentra sugli affari condotti da Kushner dopo i suoi incontri, nello scorso dicembre, con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kysliak, e con il banchiere russo Sergei Gorkov, presidente di Vnesheconombank, banca sottoposta a sanzioni americane. Secondo fonti dell'intelligence, il marito di Ivanka Trump avrebbe chiesto a Kysliak di aprire un canale di comunicazione riservato con Mosca. Il suo nome si aggiunge a quelli di altri stretti collaboratori di Trump già coinvolti nell'indagine sul Russiagate, tra il quali l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, l'ex capo della campagna elettorale Paul Manafort e il consigliere elettorale Carter Page.

Commenti

alox

Ven, 16/06/2017 - 17:15

Rod Rosenstein o Jeff Sessions. Non credo Rob Muller…Comunque sia Trump e’ una persona detestabile fino a qualche giorno fa’ si era assuto tutte le responsabilita’ del licenziamento...

alox

Ven, 16/06/2017 - 17:16

...si sta' aspettando anche le "registrazioni" degli incontri con Comey che ha detto di avere!

alox

Ven, 16/06/2017 - 17:17

Altro tweet che mette ancora piu' confusione...e poi capace di negare quello che ha tweetato!

alox

Ven, 16/06/2017 - 17:18

Si vede che e Trump e' un amante di soap opera!

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Ven, 16/06/2017 - 17:51

Il solito mestiere delle sinistre e dei massoni...Non abbiamo vinto ??? Discreditare il vincitore fino alla morte...Noi in Italia ne sappiamo qualcosa..Vero Napolitano ???

Aprigliocchi

Ven, 16/06/2017 - 18:07

Non so cosa pensare. Fa paura al sistema perverso creato dai banchieri americani ed ai club esoterici ? É compromesso con... i russi ? Boh , é un caos extraplanetario... il piano per favorire l'emigrazione dall'Africa, distruggere la cultura giudaica cristiana, sviluppare l'immoralità, impoverire i popoli e distruggere il mondo del lavoro, l'ecumenismo religioso dove c'é un unico Dio, salvo che Uno ha un figlio e l'altro non c'é l'ha...ridurre in schiavitu chi lavora distruggendo i diritti sociali sempre di piu... il neo liberalismo demenziale... In tutta questa immensa pattumiera, ci sta anche la storia di Trump ! É coerente

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 16/06/2017 - 19:23

PECCATO SIA DECEDUTO KOHL, GRANDE POLITICO TEDESCO..

nopolcorrect

Ven, 16/06/2017 - 23:39

Trump semplicemente si difenda con i suoi avvocati fino al livello della Corte Suprema. Punto. Il resto sono chiacchiere.

Garombo

Sab, 17/06/2017 - 00:11

Che buffone sto trump!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 17/06/2017 - 06:04

Certo se così fosse, sarebbe una congiura. Quante arrampicate sugli specchi, poi, da parte dei comunisti italiani. niente paura, loro sono abituati a far stridere i vetri.

Mannik

Sab, 17/06/2017 - 07:55

Semperfides - A parte il fatto che i democratici americani non sono "di sinistra" (vada a studiare la loro storia prima di scrivere baggianate),Trump ci riesce benissimo da solo a discreditarsi. Era convinto che una volta eletto potesse fare ciò che vuole e si sta accorgendo che non è così.

rudyger

Sab, 17/06/2017 - 08:19

Tutti fanno per il proprio paese (eccetto gli italiani) si chiamino Kohl o Hitler. Poi come va a finire è un altro conto.

vinvince

Sab, 17/06/2017 - 08:28

È chiaro, veramente palese che le forze massoniche stanno tentando tutte le strade pur di riconquistare la casa bianca ...

alox

Sab, 17/06/2017 - 14:47

@Mannik giusto gli slogan della sinistra Americana sono copiati dal centro-destra Italiano...solo Bernie Sanders, voleva la "rivoluzione" e si potrebbe paragonare al centro sinistra Italiano!