Scoperto a Petra monumento rimasto per secoli sotto la sabbia

Gli archeologi hanno individuato una struttura diversa dalle altre note

Se fino a oggi non si era saputo nulla del monumento individuato a Petra, non lontano dal complesso monumentale principale della città in Giordania, è perché si trova in un luogo a cui non è facile arrivare.

Sono servite le foto satellitari e l'aiuto delle tecnologie più moderne perché gli archeologi potessero confermare un sospetto che già esisteva: là, sepolta sotto la sabbia, c'è una struttura monumentale con tanto di colonne e una grande scalinata.

A far presupporre che il monumento esistesse alcuni resti di ceramiche del 150 a.C. e ulteriori indizi che lasciavano pensare alla presenza di una struttura contemporanea o successiva alla necropoli dei Nabatei, scolpita nella roccia. La conferma ufficiale è stata pubblicata dalle American Schools of Oriental Research e ripresa ampiamente dai principali media internazionali.

"Per quanto ne so a Petra non c'è niente di simile", ha commentato l'archeologo americano Christopher Tuttle, che qui ha lavorato per anni. Due secoli di ricerche sul posto non sono evidentemente ancora bastati per scoprire tutti i segreti della città.

Commenti
Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Sab, 11/06/2016 - 18:18

Gentilissimo Lucio Di Marzo, potevi essere più generoso, no?! - Almeno dirci delle due foto. Cosa esprimono. ?! Volete proprio farci ammattire? -r.r.- 18,19 - 11.6.2016

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 12/06/2016 - 00:28

Per il momento stante il pericolo dei farabutti assassini dell'ISIS ancora molto attivi sarebbe meglio lasciare tutto sotto terra. Aspettiamo a scavare quando saranno completamente sconfitti. Meglio evitare la fine fatta dai monumenti di Palmira.

CarloLinneo

Dom, 12/06/2016 - 08:42

Dario Maggiulli, legga Repubblica di oggi, Le darà maggiori informazioni sulle foto.