Segregata in un capanno perché ha mestruazioni: 21enne muore soffocata

La tragedia in Nepal, dove una ragazza è stata obbligata a dormire in una capanna per colpa di un'antica usanza

Secondo un'antica e assurda tradizione nepalese, quando una ragazza ha le mestruazioni viene considerata impura e per questo motivo viene costretta a dormire isolata in un capanno, per non infettare l'abitazione.

Parvati Boghtati, 21 anni, obbiligata a dormire in un minuscolo rudere, ha acceso un fuoco per scaldarsi, viste le temperature sotto zero durante la notte, ed è morta soffocata dal fumo.

A trovarla senza vita nel cosiddetto "capanno del mestruo" è stata la suocera, che al mattino è andata a portarle del cibo e a vedere come stesse. E l'ha trovata cadavere.

La tragedia nel distretto di Doti: solo poche settimane prima un'altra donna, insieme ai suoi due figli piccoli, era morta in circostanze simili, come scrive Il Messaggero.

Il Nepal ha bandito questa pratica dal 2005 e dal 2017 è considerata un reato, ma nonostante questo, purtroppo, l'usanza è ancora molto in voga in diverse aree rurali del Paese asiatico.