Siria, arrestata la jihadista più ricercata di Francia

La 33enne è stata una delle principali reclutatrici di terroristi dell'Isis: dalla Siria diffondeva numerosi video di propaganda invitando alla jihad armata

"È pentita e vuole tornare in Francia per chiedere perdono". Lo ha affermato la madre di Emilie Konig, una delle più ricercate jihadiste francesi dell'Isis fermata in Siria dalle forze curde.

Come riportano i medi d'oltralpe la donna, 33enne di Lorient, si trova attualmente in un campo rifugiati gestito proprio dai curdi. La madre ha confermato le indiscrezioni della stampa e ha aggiunto al quotidiano Ouest-France che la 33enne "è con i suoi tre figli, sarebbe pentita e vorrebbe tornare in Francia per chiedere perdono alla sua famiglia".

Il profilo

Nel settembre 2015, gli Usa hanno inserito Emilie Konig nella lista nera dei terroristi internazionali. Molto attiva sui social network, la 33enne è stata per anni una delle principali reclutatrici di terroristi dell'Isis: dalla Siria, infatti, la donna diffondeva numerosi video di propaganda invitando alla jihad armata e incitando a perpetrare azioni violente in Francia.

La donna si è convertita all'Islam dopo aver sposato il suo primo marito, un algerino, arrestato per traffico di droga. Da quel momento, ha imparato l'arabo, cambiato il suo nome in Samra e iniziato a indossare un velo. Il suo primo viaggio per unirsi ai combattenti in Siria risale al 2012. La donna è poi tornata in Francia per tentare di recuperare i due figli, ma è ripartita poco dopo da sola per unirsi al suo nuovo compagno.

Commenti

Reip

Mer, 03/01/2018 - 17:08

...Pena di morte!

Rottweiler

Mer, 03/01/2018 - 17:12

Fatela sparire in una guantanamo qualsiasi, e fatevi dare le liste dei nominativi. Quando non sara' piu' utile, banca degli organi.

Tarantasio

Mer, 03/01/2018 - 17:18

sicuramente affetta da sindrome iperattiva narcisistica, un motivo in più per lasciarla dov'è

rudyger

Mer, 03/01/2018 - 17:58

chiedere perdono alla famiglia ! solo alla famiglia ? Ma tanto i signori francesi sono buoni. sono ancora in cella gli attentatori delle stragi in Francia ?

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 03/01/2018 - 18:30

Chiedere perdono? Ma chi ti crede!!! Una bella vasca colma di acido e via....ci penserà semmai Allah al perdono (ma non credo).

georgi

Mer, 03/01/2018 - 18:34

FINISCE TUTTO!! E TUTTI VOGLIONO TORNARE INDIETRO! ADESSO DEVE RISPONDERE AI SUOI CRIMINI!!! SPERANDO CHE LA FRANCIA NON FACCIA NULLA PER QUESTA ASSASSINA SCHIFOSA. PENA CAPITALE, IL MINIMO.

sesterzio

Mer, 03/01/2018 - 18:42

Il miglior perdono è la vendetta. Eliminatela fisicamente.

blu_ing

Mer, 03/01/2018 - 18:57

bruciatela viva, col sacco in testa

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 03/01/2018 - 19:23

Dai, perdonatela... e dopo buttate via la chiave.

seccatissimo

Mer, 03/01/2018 - 21:35

Spero che quando la trovano questa str0xza la ammazzino a suon di frustate! Gli scarafaggi non hanno diritto a vivere nelle nostre case !

Ritratto di iovotosalvini

iovotosalvini

Mer, 03/01/2018 - 21:47

Acido subito

Ritratto di Evam

Evam

Ven, 05/01/2018 - 03:09

Bruciatela così, nessuno oserà dire che non sia una strega!