Siria, raid russo dal Mediterraneo contro obiettivi Isis

Lanciati quattro missili da crociera Kalibr contro obiettivi Isis localizzati fuori la città di Palmira, in Siria

Mosca ha effettuato nella notte un raid missilistico contro postazioni Isis in Siria. E’ quanto comunica il Ministero della Difesa russo. La fregata missilistica Admiral Essen, classe Admiral Grigorovich ed il sottomarino Krasnodar, classe Varshavyanka, hanno lanciato quattro missili da crociera Kalibr contro obiettivi localizzati fuori la città siriana di Palmira. I missili da crociera sono stati lanciati dal Mediterraneo orientale. Il Krasnodar (quarto sottomarino classe Varshavyanka), ha lanciato in immersione. Tutti gli obiettivi sono stati distrutti. Stati Uniti, Turchia ed Israele sono stati avvisati preventivamente tramite canali ufficiali. E’ il battesimo del fuoco per le due unità russe, precedentemente in addestramento missilistico nel Mar Baltico.

Con un’autonomia di circa 2.000 km, il supersonico 3M-54 Kalibr può essere imbarcato sui sottomarini e sulle unità da battaglia di piccole dimensioni. Il missile è in grado di trasportare sia una testata convenzionale che nucleare. La capacità di attaccare bersagli dal mare con le piattaforme in immersione è un game changer che Mosca ha acquisito ufficialmente soltanto il 18 novembre del 2015 con l’unità Rostov-on-don. Ques'ultimo è entrato nella storia della Marina russa per essere stato il primo sottomarino ad aver lanciato missili da crociera contro obiettivi nemici reali.

Sottomarini classe Varshavyanka - Improved Kilo

I sottomarini diesel-elettrici classe Varshavyanka rappresentano un elemento chiave nella strategia navale russa. Propulsi da motori a diesel-elettrici a bassissima emissione di rumore, possono colpire bersagli a lunghe distanze senza essere rilevati dai sensori antisommergibile nemici. Versione migliorata della Kilo, quest'ultima al di sotto dei cinque nodi di velocità risulta invisibile ai sonar passivi, implementa tecnologia stealth avanzata. Ha un dislocamento di 3.100 tonnellate, raggiunge una velocità di 20 nodi, può immergersi fino a 300 metri e trasportare equipaggi di 52 persone. I sottomarini, armati con 18 siluri, mine ed otto missili da crociera Kalibr 3M54 (NATO SS-N-27 Sizzler), sono progettati per svolgere missioni anti-sommergibile in ruolo hunter killer, in acque relativamente poco profonde. La costruzione del primo sottomarino, il Novorossiysk, ha preso il via nell’ agosto del 2010, seguito dal Rostov-on-Don nel novembre 2011, dallo Stary Oskol nell’agosto del 2012 e dal quarto battello, il Krasnodar entrato in cantiere il venti febbraio del 2014. Il quinto sottomarino, il Veliky Novgorod, è stato varato il 18 marzo dello scorso anno. Il Novorossiysk è in servizio nel Mar Nero dal 22 agosto del 2014, mentre il Rostov-on-Don dal 30 dicembre del 2014. Lo Stary Oskol è in servizio dal luglio del 2015. Il Krasnodar, quarto della classe Varshavyanka, è in servizio attivo dal 5 novembre scorso. Il Veliky Novgorod è stato varato il 18 marzo dello scorso anno San Pietroburgo, nel 110° anniversario della flotta sottomarina russa. Il sesto sottomarino, il Kolpino, è stato varato un anno fa. Tutti e sei sottomarini saranno operativi presso la base navale Novorossiysk entro la fine dell’anno. L’ammiragliato russo ha riconosciuto il valore del Progetto 636,3 classe Varshavyanka, inizialmente progettato per operare soltanto con la Flotta da Guerra del Mar Nero. Le Flotta da Guerra del Nord e del Baltico riceveranno i sottomarini diesel-elettrici di quinta generazione. Saranno realizzati presso il cantiere navale Admiralty Wharves e consegnati al ritmo di due all’anno a partire dal 2019. I sei sottomarini classe Varshavyanka destinati alla Flotta da Guerra del Pacifico saranno consegnati entro il 2021.

La classe Admiral Grigorovich

La classe Admiral Grigorovich, progetto 11356, è in costruzione. Le fregate missilistiche attualmente in servizio sono la capofila Admiral Grigorovich e la Admiral Essen. La terza unità, la Admiral Makarov, è in addestramento missilistico nel Mar Baltico. Risultano in costruzione la Admiral Butakov e la Admiral Istomin. Non ancora avviato il cantiere per l’ultima unità, la Admiral Kornilov. Sono progettate per operare nel Mar Nero e nel Mar Mediterraneo. Per la flotte del Nord e del Pacifico, l'Ammiragliato russo predilige la classe Admiral Gorshkov Progetto 22350. Le navi da guerra della classe Admiral Grigorovich hanno un dislocamento di 4.000 tonnellate, una velocità di 30 nodi per pattugliamenti di 30 giorni. Si basano sulla tecnologia modulare utilizzata per le fregate indiane costruite in Russia, la classe Talwar. Da queste ultime ereditano le caratteristiche stealth dello scafo per ridurre la RCS e gli accorgimenti per ridurre la segnatura acustica. Sono equipaggiate con i nuovi sistemi modulari di difesa aerea Shtil, ritenuti in grado di intercettare diverse minacce stratificate.

Commenti
Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Mer, 31/05/2017 - 12:22

per cortesia non addentratevi in copia incolla "pseudo-tecnici" senza consultare chi conosce la materia, l'articolo è pieno di stupidaggini "tecnico-operative"

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 31/05/2017 - 12:28

e Dio benedica la Russia e Putin. Se non fossero intervenuti in Siriaora avremmo un nuovo stato maledetto governato da maiali terroristi.

rudyger

Mer, 31/05/2017 - 12:48

bravo Putin. gente di poche parole ma fatti non come tanti pezzenti che circolano in Europa.

Tobi

Mer, 31/05/2017 - 13:02

"Stati Uniti, Turchia ed Israele sono stati avvisati preventivamente tramite canali ufficiali." Ma avvisando proprio queste nazioni che supportano i terroristi mercenari comporta il rischio che gli stessi terroristi potrebbero esser stati a loro volta avvisati per sfuggire ai bombardamenti russi.

Keplero17

Mer, 31/05/2017 - 13:07

E' nel pieno del suo diritto dal momento che è stata la Siria a chiedere l'intervento russo.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Mer, 31/05/2017 - 13:13

Le bombe di Putin sulla Siria non saranno mai abbastanza

TSUBAME1

Mer, 31/05/2017 - 13:55

I russi sono i benvenuti se agiscono sempre in questa maniera. @ Marco Piccardi. "DECIMA COMANDANTE!".

alox

Mer, 31/05/2017 - 14:12

Putin e' intervenuto in Siria non per combattere il califfato ma per difendere Assad...La Dittatura e i regimi autoritari e repressivi andranno bene ai Russi e ai Siriani e tutti i popoli che sono abituati; fino a che avevano la cortina e non potevano scappare andava bene oggi invece ce li troviamo tutti in Occidente. Grazie Navalny

Antenna54

Mer, 31/05/2017 - 14:18

Per USA e Russia è la scusa buona per testare realmente gli armamenti, o penso male?!

Nonmimandanessuno

Mer, 31/05/2017 - 14:35

marco piccardi, grazie all'abbronzato musulmano.

alox

Mer, 31/05/2017 - 14:50

@marco piccardi avremmo la confusione dell'IRAQ, dell' Afghanistan ma almeno i terroristi si fanno saltare a CASA LORO...

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Mer, 31/05/2017 - 15:16

God bless Russia. @alox: sei un idiota totale. Ogni tuo commento trasuda ignoranza e stupidità allo stato puro.

alox

Mer, 31/05/2017 - 15:29

@ALberto86 perche' scrivi in inglese e non Russo? Sputi sul piatto dove mangi? ASINO, somaro bestia!

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Mer, 31/05/2017 - 15:42

@alox: mi riconfermi che sei solo una isterica gallina ignorante. Non mi pare che nelle scuole occidentali venga programmato l'insegnamento della lingua russa. Chissà, forse se non fossimo una colonia americana verrebbe insegnato anche il russo. Vai a zappare terra, gallina!

rasna

Mer, 31/05/2017 - 17:25

Avanti così....